Hokoku Maru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hokoku Maru
Aikoku Maru-1942.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of Japan.svg
Tiponave corsara
Caratteristiche generali
Dislocamento10 437 t
Lunghezza150 m
Larghezza20 m
Pescaggio7,8 m
Velocità21 nodi (39 km/h)
Armamento
Artiglieria
Siluri4 tubi lanciasiluri da 533 mm binati
Mezzi aerei2 aerei Nakajima A6M2-N "Rufe"
voci di navi presenti su Wikipedia

LHokoku Maru (報国丸?) apparteneva alla classe "Aikoku Maru" che si guadagnò una certa notorietà, anche se, a onor del vero, le prodezze delle navi corsare giapponesi rimarranno per almeno mezzo secolo archiviati in dossier riservati (sia giapponesi che statunitensi).

È da precisare che tali imbarcazioni corsare condussero una guerra di corsa completamente differente da quella condotta dalle similari tedesche della Kriegsmarine, in quanto i giapponesi concepirono in maniera diversa le operazioni belliche.

L'Hokoku Maru fu completato tra il 1938 e il 1940 nei cantieri Tama Zosensho K.K. di Tamano per conto della società armatrice Osaka Shosen K.K. La nave era stata commissionata per trasportare passeggeri e merci varie lungo la rotta con il sud America.

Nel settembre del 1941, 3 mesi prima dell'attacco giapponese a Pearl Harbour e dell'inizio della guerra nel Pacifico, la Marina Imperiale giapponese requisì la Hokoku Maru e le sue due gemelle, la Aikoku Maru e la Gokoku Maru, che insieme ad una quarta nave, la futura corsara Kiyosumi Maru, furono registrate presso il Distretto Navale di Kure e poste sotto le insegne del Vice-Ammiraglio Masao Okamura.

Così le quattro corsare ricevettero nei cantieri navali di Tamano, prima, cannoni, mitragliere e tubi lanciasiluri e poi, tutte le attrezzature necessarie per il trasporto e l'utilizzo di due aerei da osservazione.

Tali lavori di conversione terminarono nella metà di ottobre con il montaggio di due grandi proiettori, uno da 1.100 mm, e l'altro da 900 mm.

Nell'ottobre del 1941, la Hokoku Maru, la Aikoku Maru' e la Kiyosumi Maru furono assegnati al 24º Squadrone corsare aggregate alla Flotta Combinata della Marina Imperiale giapponese, poste sotto il comando del viceammiraglio Takeda Moriji.

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina