Historia Francorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Historia francorum
Titolo originaleHistoriarum libri decem
Altri titoliDieci libri delle Storie, La Storia dei Franchi
Grégoire de Tours, Histoire des Francs, livres 1 à 6, page de frontispice.jpg
Frontespizio della Historia Francorum (Luxeuil o Corbie, fine del VII secolo - BnF, Manuscrits, Latin 17655 fol. 2)
AutoreGregorio di Tours
1ª ed. originale574-593
1ª ed. italiana1981
Generesaggio
Sottogenerestoriografia
Lingua originale latino volgare
AmbientazioneGallia, Alto Medioevo,
Personaggibiblici, Clodoveo I, Merovingi, Sigeberto I, Chilperico I
Preceduto daDe vita patrum (o Vitae patrum)
Seguito daIn psalterii tractatum commentarium (o In psalterii tractatu)

La Historia Francorum ("Storia dei franchi") è un'opera in dieci libri, scritta da Gregorio di Tours (Clermont-Ferrand, Francia, circa 538 - Tours, Francia, 17 novembre 594). Quelli dal I al IV raccontano la storia del mondo dalla creazione alla cristianizzazione della Gallia, alla conversione dei franchi, alla conquista della Gallia da parte di Clodoveo e alla storia dei sovrani franchi fino alla morte di Sigeberto nel 575.

I libri V e VI si chiudono con la morte di Chilperico nel 584, che viene descritto impietosamente da Gregorio a causa delle tensioni esistenti tra i merovingi.

La terza parte, che va dal libro VII al X, arriva fino all'anno 591. Un epilogo a quest'opera fu scritto nel 594, l'anno della morte di Gregorio.

Lo stile letterario tardo-latino è incerto, sgrammaticato e barbarico, tuttavia è pieno di vitalità e contiene numerosi termini franchi e germanici. È la principale fonte contemporanea per la storia merovingia. L'opera - come ovvio - non è del tutto obiettiva, risentendo del fatto che i merovingi erano suoi patroni, e i limiti concettuali sono ben dimostrati dalla sua forte presa di posizione contro l'Arianesimo (ancora assai radicato tra i Visigoti), che lo condusse a esprimere dettagliatamente nella sua Historia la sua fede di cristiano fedele a Roma nel descrivere la natura di Cristo. Inoltre non manca di ridicolizzare i pagani e gli ebrei per esaltare la posizione della Chiesa romana. Ad esempio, nel II libro (capitoli 28-31), egli descrive i pagani come incestuosi e deboli, descrivendo come assai migliore la vita di Clodoveo una volta abbandonato l'ancestrale paganesimo e abbracciata la fede di Cristo.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • La Storia dei Franchi. A cura di Massimo Oldoni. Volume I (Libri I-V), testo orig. a fronte, Collezione Scrittori greci e latini, Fondazione Lorenzo Valla-Mondadori, Roma-Milano, 1981.
  • La Storia dei Franchi. A cura di Massimo Oldoni. Volume II (Libri VI-X), testo orig. a fronte, Collezione Scrittori greci e latini, Fondazione Lorenzo Valla-Mondadori, Roma-Milano, 1981.
  • Storia dei Franchi. I libri dieci delle Storie. A cura di Massimo Oldoni, trad. aggiornata, 2 voll., Collana Nuovo Medioevo, Liguori, Napoli, 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]