Historia Francorum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Historia francorum
Titolo originale Historiarum libri decem
Altri titoli Dieci libri delle Storie, La Storia dei Franchi
Grégoire de Tours, Histoire des Francs, livres 1 à 6, page de frontispice.jpg
Frontespizio della Historia Francorum (Luxeuil o Corbie, fine del VII secolo - BnF, Manuscrits, Latin 17655 fol. 2)
Autore Gregorio di Tours
1ª ed. originale 574-593
1ª ed. italiana 1981
Genere saggio
Sottogenere storiografia
Lingua originale latino volgare
Ambientazione Gallia, Alto Medioevo,
Personaggi biblici, Clodoveo I, Merovingi, Sigeberto I, Chilperico I
Preceduto da De vita patrum (o Vitae patrum)
Seguito da In psalterii tractatum commentarium (o In psalterii tractatu)

La Historia Francorum ("Storia dei franchi") è un'opera in dieci libri, scritta da Gregorio di Tours (Clermont-Ferrand, Francia, circa 538 - Tours, Francia, 17 novembre 594). Quelli dal I al IV raccontano la storia del mondo dalla creazione alla cristianizzazione della Gallia, alla conversione dei franchi, alla conquista della Gallia da parte di Clodoveo e alla storia dei sovrani franchi fino alla morte di Sigeberto nel 575.

I libri V e VI si chiudono con la morte di Chilperico nel 584, che viene descritto impietosamente da Gregorio a causa delle tensioni esistenti tra i merovingi.

La terza parte, che va dal libro VII al X, arriva fino all'anno 591. Un epilogo a quest'opera fu scritto nel 594, l'anno della morte di Gregorio.

Lo stile letterario tardo-latino è incerto, sgrammaticato e barbarico, tuttavia è pieno di vitalità e contiene numerosi termini franchi e germanici. È la principale fonte contemporanea per la storia merovingia. L'opera - come ovvio - non è del tutto obiettiva, risentendo del fatto che i merovingi erano suoi patroni, e i limiti concettuali sono ben dimostrati dalla sua forte presa di posizione contro l'Arianesimo (ancora assai radicato tra i Visigoti), che lo condusse a esprimere dettagliatamente nella sua Historia la sua fede di cristiano fedele a Roma nel descrivere la natura di Cristo. Inoltre non manca di ridicolizzare i pagani e gli ebrei per esaltare la posizione della Chiesa romana. Ad esempio, nel II libro (capitoli 28-31), egli descrive i pagani come incestuosi e deboli, descrivendo come assai migliore la vita di Clodoveo una volta abbandonato l'ancestrale paganesimo e abbracciata la fede di Cristo.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • La Storia dei Franchi. A cura di Massimo Oldoni. Volume I (Libri I-V), testo orig. a fronte, Collezione Scrittori greci e latini, Fondazione Lorenzo Valla-Mondadori, Roma-Milano, 1981.
  • La Storia dei Franchi. A cura di Massimo Oldoni. Volume II (Libri VI-X), testo orig. a fronte, Collezione Scrittori greci e latini, Fondazione Lorenzo Valla-Mondadori, Roma-Milano, 1981.
  • Storia dei Franchi. I libri dieci delle Storie. A cura di Massimo Oldoni, trad. aggiornata, 2 voll., Collana Nuovo Medioevo, Liguori, Napoli, 2001.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]