Hiraizumi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hiraizumi
cittadina
平泉町
Hiraizumi – Stemma
Hiraizumi – Bandiera
Hiraizumi – Veduta
Hiraizumi – Veduta
Localizzazione
StatoGiappone Giappone
RegioneTōhoku
PrefetturaFlag of Iwate Prefecture.svg Iwate
SottoprefetturaNon presente
DistrettoNishiiwai
Territorio
Coordinate38°59′01″N 141°07′02″E / 38.983611°N 141.117222°E38.983611; 141.117222 (Hiraizumi)
Superficie63,39 km²
Abitanti8 319 (2011)
Densità131,24 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+9
Cartografia
Mappa di localizzazione: Giappone
Hiraizumi
Hiraizumi
Hiraizumi – Mappa
Hiraizumi – Mappa
Sito istituzionale

Hiraizumi (平泉町 Hiraizumi-chō?) è una cittadina giapponese della prefettura di Iwate, dove morì Minamoto no Yoshitsune, il grande eroe militare del Giappone prima dell'epoca medievale. È il primo sito del Tōhoku inserito dall'UNESCO nella lista dei siti Patrimonio dell'umanità.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Hiraizumi è una bella città feudale ricca di templi buddhisti e di giardini lasciati in eredità dal ricco clan Ōshu Fujiwara, che regnò su questa zona nordorientale per tutto il XII secolo, sfruttando le sue miniere d'oro, la produzione della seta e l'allevamento dei cavalli. Tra le attrattive più importanti della città merita di essere citato il complesso templare di Chūson-ji, meta di uno dei viaggi del poeta Matsuo Bashō nel 1689. Ispirati ai principi del buddhismo, gli edifici di questo complesso sono perfettamente integrati nel circostante paesaggio naturale. Con il passare del tempo, le dispute feudali posero fine alla sua potenza, ma i visitatori non mancano di apprezzarne il fascino sobrio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dipinto di Minamoto no Yoshitsune. Preso a esempio come samurai, viene considerato il più grande guerriero della storia del Giappone.

A Hiraizumi si respira una strana melanconia. Sotto il selciato si avverte la presenza di una città perduta le cui fondamenta risalenti al XII secolo affiorarono in occasione degli scavi per il rifacimento di una residenza privata nel 1998. Costituita da una guarnigione e da due templi, Hiraizumi crebbe fino a diventare un centro di 100.000 abitanti, la perla del nord-est, quando Fujiwara no Kiyohira la trasformò in capoluogo di regione nel XII secolo. Fu una città opulenta, rivale persino di Kyoto per oltre un secolo.

La storia di Hiraizumi è indissolubilmente legata a quella dell'eroe tragico più amato del Giappone, Minamoto no Yoshitsune. Questo grande guerriero suscitò la gelosia del fratellastro maggiore Minamoto no Yoritomo, primo shōgun del Giappone, avendolo condannato e chiamato nemico dell'imperatore. Temendo che avrebbe potuto essere lui il leader del Giappone al suo posto, Yoritomo lo accusò di tradimento per il sostegno dell'imperatore fino alla fine e lo costrinse a fuggire verso est, fino a trovare nel 1187 rifugio a Hiraizumi. Le truppe del malvagio Yoritomo, avide di oro e di cavalli, ebbero così un valido pretesto per attaccare la città, un'operazione militare che vide la sconfitta del clan Ōshu Fujiwara e la morte di Yoshitsune come il suo intendente, il monaco guerriero Benkei, restando in piedi sotto una grandine di frecce (ancora oggi, la sua statua è un simbolo del coraggio e della voglia di non arrendersi per tutti i giapponesi), nel 1189. A quanto si dice, Yoritomo fu così impressionato dai templi di Hiraizumi che decise di non distruggerli. In seguito lo shogunato (governo militare) di Kamakura finanziò la costruzione del primo padiglione di legno per proteggere il Konjiki-dō.

Il declino di Hiraizumi fu rapido e la città subì numerose devastazioni da incendi nel corso dei secoli, riducendosi a niente più di un ristagno culturale con un illustre passato, che solo la costante venerazione del tempio di Chūson-ji poteva forse salvare dall'odio totale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN255811489 · LCCN (ENn81096340 · GND (DE4639345-6 · J9U (ENHE987007552856805171 · NDL (ENJA00282251 · WorldCat Identities (ENlccn-n81096340
  Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Giappone