Hipposideros hypophyllus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hipposideros hypophyllus
Immagine di Hipposideros hypophyllus mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Hipposideridae
Genere Hipposideros
Specie H.hypophyllus
Nomenclatura binomiale
Hipposideros hypophyllus
Kock & Bhat, 1994
Areale
Distribution of Hipposideros hypophyllus.png

Hipposideros hypophyllus (Kock & Bhat, 1994) è un pipistrello della famiglia degli Ipposideridi endemico dell'India.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 42 e 47,3 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 37,1 e 40 mm, la lunghezza della coda tra 21,5 e 23,5 mm, la lunghezza del piede tra 6,2 e 6,9 mm, la lunghezza delle orecchie tra 18 e 20,3 mm.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Le parti dorsali sono grigio scure o grigio-brunastre, mentre le parti ventrali sono grigio chiare. La base dei peli è ovunque bianca. Le orecchie sono grandi e arrotondate. La foglia nasale presenta una porzione anteriore con una foglietta supplementare ben sviluppata su ogni lato, un setto nasale non rigonfio, una porzione intermedia semplice e stretta, leggermente ricoperta di peli e con due vibrisse, una porzione posteriore larga, con tre setti verticali che la dividono in quattro celle. La coda è lunga e si estende leggermente oltre l'ampio uropatagio.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia nelle grotte granitiche sotterranee insieme ad altri membri del genere Hipposideros come H.ater, H.fulvus e H.speoris

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è conosciuta soltanto in una grotta presso la località di Hanumanahalli, nel distretto di Kolar, nello stato dell'India meridionale del Karnataka. Precedentemente è stata riportata anche in un'altra grotta presso Therahalli, sempre nel distretto di Kolar, ma nel 2014 è stata confermata la sua scomparsa.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato l'areale limitato ad una sola grotta, il continuo declino nella qualità del proprio habitat a causa dell'estrazione illegale di granito e la popolazione stimata a 150-200 individui, classifica H.hypophyllus come specie in grave pericolo (CR).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Chakravarty, R., Srinivasulu, B. & Srinivasulu, C. 2016, Hipposideros hypophyllus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.2, IUCN, 2016.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Hipposideros hypophyllus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Srinivasulu & Al., 2010

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Kock D & Bhat HR, Hipposideros hypophyllus n. sp. of the H. bicolor-group from peninsular India (Mammalia: Chiroptera: Hipposideridae), in Senckenbergiana Biologica, vol. 73, nº 1, 1994, pp. 25-31.
  • C.Srinivasulu, Paul A.Racey & Shahroukh Mistry, A key to the bats (Mammalia: Chiroptera) of South Asia (PDF), in Journal of Threatened Taxa, vol. 2, nº 7, 2010, pp. 1001-1076.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi