Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Himiko-Den

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Himiko-Den
火魅子伝
(Himiko den)
Himiko-Den.jpg
Copertina del primo volume della prima edizione italiana del manga, edita dalla Panini Comics
manga
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Oh! Great
Editore Kadokawa Shoten
1ª edizione 1999
Tankōbon unico
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
1ª edizione it. giugno – luglio 2003
Volumi it. 2 (completa)
Generi avventura, fantasy
Himiko-Den
火魅子伝
(Himiko den)
serie TV anime
Regia Ayumi Tomobuki
Studio Amuse Video
Rete TV Tokyo
1ª TV 7 gennaio – 31 marzo 1999
Episodi 12 (completa)
Generi avventura, fantasy

Himiko-Den (火魅子伝 Himiko den?, lett. "La leggenda di Himiko") è una serie composta da un videogioco per PlayStation creato da Hakuhodo, un manga in un volume unico, scritto e disegnato da Oh! great e pubblicato in Italia da Planet Manga, e in seguito dalla Jpop[1], un omonimo anime diretto da Ayumi Tomobuki, usciti tutti nel 1999.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Masahiko Kutani e Himejima Himiko sono due liceali che vengono catapultati indietro nel tempo a causa di un frammento di uno specchio che, ricongiungendosi con gli altri pezzi, apre un portale spazio-temporale. Insieme dovranno cambiare il corso degli eventi per salvare la Terra. Il ragazzo si scoprirà essere "colui che è destinato a chiudere" il portale.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

GiapponeseKanji」 - Rōmaji In onda
Giappone
1 「墨火」 - Bokuka 7 gennaio 1999
2 「闇の泉」 - Yami no izumi 14 gennaio 1999
3 「夜追いの邪鬼」 - Yoru oi no jaki 21 gennaio 1999
4 「隠れ里」 - Kakurezato 4 febbraio 1999
5 「天霊」 - Tenrei 11 febbraio 1999
6 「首飾り」 - Kubikazari 18 febbraio 1999
7 「征西都督府」 - Seisai totoku fu 25 febbraio 1999
8 「信天翁」 - Ahōdori 4 marzo 1999
9 「火焔城」 - Kaen jō 11 marzo 1999
10 「火の守」 - Hi no mori 18 marzo 1999
11 「枇杷島」 - Biwajima 25 marzo 1999
12 「七支之御剣」 - Nana shitsu mitsurugi 1º aprile 1999

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Himiko Den, Jpop. URL consultato il 18 gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]