Hilarion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona maschile, vedi Ilario.

Il Maestro Hilarion, negli insegnamenti della Teosofia è uno dei Maestri di Saggezza (o di Sapienza, dall'inglese Master of Wisdom), anche chiamati collettivamente Grande Fratellanza Bianca. È considerato un Maestro di Quinto Raggio.[1][2][3][4]

Il Maestro Hilarion è creduto essere stato incarnato come l'Apostolo Paolo di Tarso e il filosofo neoplatonico Giamblico. Qualcuno ha ritenuto che egli fosse il santo cristiano Ilarione di Gaza,[5] ma ciò appare improbabile, poiché le vite di Giamblico (245 - 325) e di Ilarione di Gaza (291 - 371) si sovrapporrebbero.[6]

Nell'ottobre del 1884 Helena Blavatsky fece riferimento a Hilarion (scrivendo il suo nome Hillarion), asserendo essere questi recentemente asceso:

"...un adepto orientale, che era andato alla sua iniziazione finale," che aveva superato, sulla strada dall'Egitto al Tibet, attraversò Bombay e ci visitò nel corpo fisico. Perché questo "Adepto" dovrebbe essere il Mahatma in questione? Non ci sono allora altri Adepti che il Mahatma Koot Hoomi? Ogni Teosofo della sede centrale sa che io intendevo un gentiluomo greco, che conosco fin dal 1860."

Il 20 febbraio 1881 il Maestro Kut Humi, in una delle sue lettere a Sinnett, si riferì a lui scrivendo

"...uno dei nostri essendo passato per Bombay sulla sua strada da Cipro al Tibet...".

Al suo viaggio per la sua "iniziazione finale" si riferisce una annotazione del diario di Henry Olcott, datata 19 febbraio 1881, scritta a Bombay:

"Hillarion è qui sulla via per il Tibet, e ha fatto una supervisione oltre, nella e attraverso la situazione. Trovando B- qualcosa di moralmente enorme. Considerazioni altamente interessanti dell'India, Bombay, Ceylon, (--), Inghilterra e Europa, Cristianità e altri soggetti." (Letters from the Masters of Wisdom, 2nd Series, page 93) [7]

C.W. Leadbeater scrisse che la principale influenza del Maestro Hilarion è sugli scienziati del mondo,[8] e negli insegnamenti di Alice Bailey il quinto raggio, da lei detto il raggio arancione è detto il raggio della conoscenza concreta[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leadbeater, C.W. The Masters and the Path Adyar, Madras, India: 1925 Theosophical Publishing House. Master Hilarion outlined on pages 238-239
  2. ^ Luk, A.D.K.. Law of Life - Book II. Pueblo, Colorado: A.D.K. Luk Publications 1989, Listing of Ascended Masters by The I AM Activity and The Bridge to Freedom
  3. ^ Booth, Annice The Masters and Their Retreats Summit Lighthouse Library June 2003, Listing of Ascended Masters by The I AM Activity, The Bridge to Freedom, and The Summit Lighthouse
  4. ^ Schroeder, Werner Ascended Masters and Their Retreats Ascended Master Teaching Foundation 2004, Listing of Ascended Masters by The I AM Activity and The Bridge to Freedom
  5. ^ Prophet, Mark L. and Elizabeth Clare Lords of the Seven Rays Livingston, Montana, U.S.A.:1986 - Summit University Press - "Hilarion - Master of the Fifth Ray" pages 169 - 210
  6. ^ The Catholic Encyclopedia, Volume VII. New York: Robert Appleton Company. 1910
  7. ^ Sisson, Marina Cesar. Helena Blavatsky and the Enigma of John King Originally published as Informativo HPB, n° 3, 4 and 5 English translation available at Helena Blavatsky and the Enigma of John King By Marina Cesar Sisson
  8. ^ Leadbeater, C.W. The Masters and the Path Adyar, Madras, India: 1925--Theosophical Publishing House--Page 238
  9. ^ Bailey, Alice A, A Treatise on Cosmic Fire (Section Three - Division A - Certain Basic Statements), 1932, Lucis Trust. 1925, p 1237

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Leadbeater, C.W. The Masters and the Path Adyar, Madras, India: 1925--Theosophical Publishing House
  • Prophet, Mark L. and Elizabeth Clare Lords of the Seven Rays Livingston, Montana, U.S.A.:1986 - Summit University Press