Hideo Azuma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Hideo Azuma (吾妻 ひでお Azuma Hideo?; Urahoro, 6 febbraio 1950Tokyo, 13 ottobre 2019) è stato un fumettista giapponese, conosciuto in Italia per essere l'autore dei manga Pollon e Nanako SOS.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Specializzato anche in manga lolicon, i suoi lavori sono apparsi in varie riviste giapponesi, quali Weekly Shōnen Champion. Trasferitosi a Tokyo come assistente del mangaka Rentaro Itai, debutta poi nel 1969 e da allora ha realizzato molte opere a fumetti soprattutto di genere nonsense, sci-fi e sexy, come Futari to Gonin (Due ragazzi e cinque vicine di casa), Yakekuso tenshi (Un angelo disperato), Parallel kyoshitsu (La pazza aula parallela), Methyl-Metaphysik, Fujôri Nikki (Diario assurdo) che nel 1979 vince il premio Seiun come miglior manga di fantascienza, un riconoscimento molto importante che segna in maniera rilevante la sua carriera. Nella seconda metà degli anni ottanta e negli anni novanta, dopo aver iniziato ad avere seri problemi di alcolismo, è scomparso due volte per periodi di diversi mesi fino a più di un anno, abbandonando i suoi lavori e la famiglia, facendo una vita da senzatetto, e ha tentato almeno una volta il suicidio. Dopo aver ripreso in mano la sua vita ed essere passato attraverso un trattamento di riabilitazione per alcolisti ha disegnato questa storia in una delle sue opere più premiate, Il Diario della mia Scomparsa.[1]

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Azuma è deceduto a 69 anni il 13 ottobre 2019 a causa di un cancro all'esofago, la famiglia ha svolto funzioni private e la notizia della morte è stata diffusa solo alcuni giorni dopo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Redazione, Notizie - Esce "Il diario della mia scomparsa" del maestro Hideo Azuma, su Lo Spazio Bianco, 6 giugno 2019. URL consultato il 5 luglio 2019.
  2. ^ È morto Hideo Azuma, il creatore di Pollon, su Fumettologica, 21 ottobre 2019. URL consultato il 21 ottobre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN114212411 · ISNI (EN0000 0001 1455 4424 · LCCN (ENno2006062353 · GND (DE134137973 · BNF (FRcb15518928q (data) · BNE (ESXX4614085 (data) · NDL (ENJA00119105 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006062353