Hey Mama (David Guetta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hey Mama
Artista David Guetta
Featuring Nicki Minaj, Bebe Rexha, Afrojack
Tipo album Singolo
Pubblicazione 16 marzo 2015
Durata 3 min : 12 s
Album di provenienza Listen
Genere Trap
Electro house
Dance pop
Produttore David Guetta, Afrojack, Giorgio Tuinfort
Registrazione 2014
Formati Download digitale
Certificazioni
Dischi d'oro Austria Austria[1]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 400 000+)
Dischi di platino Australia Australia (2)[3]
(vendite: 140 000+)

Belgio Belgio (2)[4]
(vendite: 60 000+)
Canada Canada (2)[5]
(vendite: 160 000+)
Danimarca Danimarca[6]
(vendite: 60 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 400 000+)
Italia Italia (2)[8]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[9]
(vendite: 15 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[10]
(vendite: 2 000 000+)
Spagna Spagna[11]
(vendite: 40 000+)

Svezia Svezia (2)[12]
(vendite: 80 000+)
David Guetta - cronologia
Singolo precedente
(2015)
Singolo successivo
Sun Goes Down
(2015)
Nicki Minaj - cronologia
Singolo precedente
(2015)
Singolo successivo
(2015)

Hey Mama è una canzone del DJ e produttore musicale francese David Guetta, cantata dalla rapper e cantante trinidadiana Nicki Minaj e dalla cantautrice Bebe Rexha. Questo singolo è stato realizzato in collaborazione con il produttore Afrojack, estratto dall'album Listen di Guetta. La canzone costituisce la terza collaborazione tra il DJ francese e la rapper dopo i singoli dell'album Nothing but the Beat Where Them Girls At (con la collaborazione vocale di Flo Rida) e Turn Me On. È anche la seconda collaborazione di Guetta con Afrojack dopo il singolo Lunar del 2012. È stato pubblicato il 16 marzo 2015 come quarto singolo estratto dal sesto disco in studio del DJ francese.

Il singolo[modifica | modifica wikitesto]

Le registrazioni della canzone si sono svolte a partire dal fine 2014 negli studi di Los Angeles insieme ad Afrojack e Nicki Minaj: infatti, come la cantautrice albanese Bebe Rexha spiega (è stata lei a comporre il testo della canzone), la sua partecipazione nella produzione del singolo non era stata subito accreditata e, come detto da lei stessa sulla rivista Billboard: "Ne avevamo parlato, e inizialmente avevo firmato il contratto senza chiedere nulla riguardo ai nostri progetti: oltre a Guetta avevo notato molti altri nomi degli artisti che dovevano partecipare al brano, ed è stato difficile per me: sentire la tua voce in radio è difficile, sapendo che la gente possa scambiarti per un altro artista". Il nome di Rexha alla fine è stato aggiunto sulla scheda della canzone a maggio 2015.

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il video ufficiale è stato distribuito sul canale della Warner Music di David Guetta il 19 maggio 2015: è ambientato in un arido deserto in cui Guetta si aggira, fino a quando non ritrova un rifugio di carovanieri in cui trova una consolle che riesce a proiettare sotto forma di ologramma la figura della Minaj, che incomincia a rappare in mezzo al deserto insieme al DJ, mentre altre scene mostrano moto da cross, quad e grandi carri in cui vi sono ballerini che indossano vestiti tipici dei beduini; i ballerini ballano e corrono sui quad per tutta la durata del video.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche 2015 Posizione
massima
Australia[13] 5
Austria[13] 5
Belgio (Fiandre)[13] 9
Belgio (Vallonia)[13] 9
Canada[14] 9
Danimarca[13] 13
Finlandia[13] 6
Francia[13] 6
Germania[15] 9
Giappone[16] 82
Grecia[17] 1
Irlanda[18] 5
Israele[19] 3
Italia[13] 13
Norvegia[13] 13
Nuova Zelanda[13] 5
Paesi Bassi[13] 6
Regno Unito[20] 9
Repubblica Ceca[21] 4
Spagna[13] 9
Stati Uniti[22] 8
Svezia[13] 6
Svizzera[13] 10
Ungheria[23] 8

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2015) Posizione
massima
Australia[24] 47
Germania[25] 34
Israele[26] 27
Italia[27] 37
Regno Unito[28] 54
Stati Uniti[29] 31

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazione in Austria, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'8 settembre 2016.
  2. ^ Certificazione in Regno Unito, bpi.co.uk. URL consultato l'8 settembre 2016.
  3. ^ Certificazione in Australia, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'8 settembre 2016.
  4. ^ Certificazione in Belgio, ultratop.be. URL consultato l'8 settembre 2016.
  5. ^ Certificazione in Canada, Music Canada. URL consultato l'8 settembre 2016.
  6. ^ Certificazione in Danimarca, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato l'8 settembre 2016.
  7. ^ Certificazione in Germania, musikindustrie.de. URL consultato l'8 settembre 2016.
  8. ^ Certificazione in Italia, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato l'8 settembre 2016.
  9. ^ Certificazione in Nuova Zelanda, nztop40.co.nz. URL consultato l'8 settembre 2016.
  10. ^ Certificazione negli Stati Uniti, riaa.com. URL consultato l'8 settembre 2016.
  11. ^ Certificazione in Spagna, elportaldemusica.es. URL consultato l'8 settembre 2016.
  12. ^ Certificazione in Svezia, sverigetopplistan.se. URL consultato l'8 settembre 2016.
  13. ^ a b c d e f g h i j k l m n CHARTS, Ultratop. URL consultato l'8 settembre 2016.
  14. ^ Classifica in Canada, Billboard. URL consultato l'8 settembre 2016.
  15. ^ Classifica in Germania, Media Control Charts. URL consultato l'8 settembre 2016.
  16. ^ Classifica in Giappone, Billboard. URL consultato l'8 settembre 2016.
  17. ^ Classifica in Grecia, Billboard. URL consultato l'8 settembre 2016.
  18. ^ Classifica in Irlanda, IRMA. URL consultato l'8 settembre 2016.
  19. ^ Classifica in Israele, Media Forest. URL consultato l'8 settembre 2016.
  20. ^ Classifica in Regno Unito, Official Charts Company. URL consultato l'8 settembre 2016.
  21. ^ Classifica nella Repubblica Ceca, ifpicr.cz. URL consultato l'8 settembre 2016.
  22. ^ Classifica negli Stati Uniti, billboard.com. URL consultato l'8 settembre 2016.
  23. ^ Classifica in Ungheria, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége. URL consultato l'8 settembre 2016.
  24. ^ Top 100 Singles 2015, ARIA Charts. URL consultato il 9 settembre 2016.
  25. ^ TOP 100 SINGLE-JAHRESCHARTS, Media Control Charts. URL consultato il 9 settembre 2016.
  26. ^ Yearly Charts, Media Forest. URL consultato il 9 settembre 2016.
  27. ^ Classifiche "Top of the Music" 2015 FIMI, fimi.it. URL consultato il 3 agosto 2016.
  28. ^ The Official Top 40 Biggest Songs of 2015 revealed, Official Charts Company. URL consultato il 9 settembre 2016.
  29. ^ Year End 2015, Billboard. URL consultato il 9 settembre 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica