Herminio Díaz Zabala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Herminio Díaz Zabala
Nazionalità Spagna Spagna
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 1998
Carriera
Squadre di club
1986Teka
1987-1988Reynolds
1989-1998ONCE
Nazionale
1993-1994 Spagna Spagna
Carriera da allenatore
2004-2006Liberty Seguros
2006Würth Team
2006Astana
Statistiche aggiornate al agosto 2015

Herminio Díaz Zabala (Reacin, 12 dicembre 1964) è un ex ciclista su strada e dirigente sportivo spagnolo, professionista dal 1986 al 1998.

Fratello minore di Pedro Luis Díaz Zabala, i due gareggiarono nelle stesse formazioni dal 1986 al 1993.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Passato professionista nel 1986 con la Teka, vestì poi la divisa della Reynolds e quindi, dal 1989, quella della ONCE. In carriera ottenne la vittoria nella classifica generale della Tirreno-Adriatico nel 1991; vinse anche una tappa alla Vuelta a España 1989 ed indossò, sempre nella corsa spagnola, la maglia amarillo simbolo di leader della classifica generale nell'edizione 1991 al termine della cronosquadre di Badajoz, prima di cedere il primato al compagno Melchor Mauri poi vincitore.

Nella sua carriera Díaz Zabala ha accompagnato al successo in un grande Giro, come gregario, quattro capitani, Pedro Delgado al Tour de France 1988 e tre diversi atleti nella Vuelta a España, Melchor Mauri nel 1991, Laurent Jalabert nel 1995 e Alex Zülle nel 1996 e 1997.

Dopo il ritiro dalle corse, avvenuto nel 1998, è stato per tre anni, dal 2004 al 2006, direttore sportivo alla Liberty Seguros affiancando Manolo Saiz.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Classifica generale Vuelta a Vizcaya
San Gregorio Saria
2ª tappa Giro delle Regioni
5ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a Cantabria
7ª tappa Vuelta a Cantabria
10ª tappa Vuelta a España
Classifica generale Tirreno-Adriatico
5ª tappa Vuelta Ciclista a Murcia
5ª tappa tappa Tasmania Summer Tour

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

1988: 118º
1990: 90º
1991: 75º
1992: 97º
1993: 102º
1994: 109º
1995: 35º
1996: 53º
1998: ritirato
1989: 110º
1991: 42º
1992: 51º
1993: 54º
1994: 63º
1995: 58º
1996: 63º
1997: 68º
1998: 72º

Classiche monumento[modifica | modifica wikitesto]

1991: 62º
1992: 139º
1993: 44º
1994: 85º
1996: 46º
1991: 46º
1993: 31º

Competizioni mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Oslo 1993 - In linea Professionisti: ritirato
Agrigento 1994 - In linea Elite: ritirato

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]