Hermann Dahlen von Orlaburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hermann Barone Dahlen von Orlaburg
Hermann Dahlen von Orlaburg 1870.png

3º Governatore di Bosnia ed Erzegovina
Durata mandato 6 aprile 1881 –
9 agosto 1882
Capo di Stato Francesco Giuseppe d'Austria
Predecessore Guglielmo Nicola del Württemberg
Successore Johann von Appel
Hermann Dahlen von Orlaburg
10 gennaio 1828 – 15 novembre 1887
Nato aKaschau
Morto aVienna
Dati militari
Paese servitoAustria Impero Austriaco
Austria-Ungheria Impero austro-ungarico
Forza armataImperial regio Esercito austro-ungarico
ArmaEsercito
CorpoInfanteria
Anni di servizio1846 - 1887
GradoFeldzeugmeister (Generale d'artigleria)
voci di militari presenti su Wikipedia

Il barone Hermann Josua Anton Dahlen von Orlaburg (Kaschau, 10 gennaio 1828Vienna, 15 novembre 1887) è stato un militare e politico austriaco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del barone Franz Dahlen von Orlaburg, Hermann entrò ancora giovane nell'esercito austriaco raggiungendo nel corso della sua carriera militare il rango di Feldzeugmeister (Generale d'Artigleria).

Ha combattuto nel 1848-1849 come tenente di reggimento di fanteria imperiale dell'Arciduca Rainer no. 59 - il secondo Il proprietario era suo padre - a Vienna e in Ungheria, è stato in seguito al 1857 capitano iImperiale di Reggimento di artiglieria della frontiera Warasdiner-Creuzer, poi nel 1859 maggiore di reggimento di fanteria della frontiera “Gradiscaner” n ° 8, Infine, nel 1861, tenente colonnello e comandante del reggimento di fanteria n ° 53.[1]

Nel 1866, il barone era stato in funzione di colonnello nella Battaglia di Custoza[2] e 1867 ancora era comandante del reggimento di fanteria n ° 53 sotto tenente generale barone Franz Cordon dello Stato maggiore generale Komárom (Komorn) a Zagabria (Agram).[3] Per i suoi servizi è stato con l'Ordine della Corona di Ferro 3 ° Classe e la Croce al Merito Militare, entrambi con decorazione di guerra. Nel 1868 era Capo di Stato Maggiore del Comando Generale al Pest per l'Ungheria e il comandante della prima divisione sotto il comando generale di Federico, principe del Liechtenstein.[4]

Dahlen fu promosso con rango e di nomina a Maggiore Generale il 30 aprile 1870.[5]

Il 1 ° Novembre 1874 (Classifica del 23 ottobre dell'anno) ha avanzato al Feldmarschalleutnant e comandante della divisione. Nel 1876 ha ricevuto l'Ordine Reale di Prussia dell'Aquila Rossa di prima Classe.[6]

1881 è stato Comandante Generale e fu Governatore di Bosnia-Erzegovina durante l'occupazione dell'area da parte dell'Impero austro-ungarico del' 6 aprile 1881 a 9 agosto 1882.[7] Qui ha soppresso la rivolta del 1882 e ha vinto lode per la coltivazione della zona occupata.[8]

In riconoscimento di suoi meriti imperatore Francesco Giuseppe I lo nominò a 1º maggio 1882 (classifica del 25 aprile dell'anno) per il Feldzeugmeister e il titolare del Reggimento Fanteria Ludwig Andreas Graf Khevenhüller n ° 7, e lo ha decorato con la Gran Croce dell'Ordine Austro-Imperiale di Leopoldo con decorazione di guerra.[5][9]

Il 1 ° Marzo 1883 il generale è andato in pensione e ha trascorso i suoi ultimi anni in Transilvania e Vienna.

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1851 il barone Joshua Hermann Anton si sposò con Flora (nata il 21 giugno 1827), figlia del dottor Giuseppe Cavaliere di Joelson (1794-1868), banchiere e agente di corte. Da questo matrimonio nacquero due figlie, Hermine (30 giugno 1852) e Flora (7 luglio 1853), e due figli, Joseph Franz (20 luglio 1855) e Franz Maria Edwin (2 febbraio 1857). Hermine sposò suo cugino, il barone e feldmaresciallo Alfred Franz Philipp von Joelson (1831-1913).[10][11]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce del’Ordine imperiale di Leopoldo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del’Ordine imperiale di Leopoldo
Cavaliere di Gran Croce del'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce del'Ordine dell'Aquila Rossa
Cavaliere di III Classe dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe dell'Ordine della Corona Ferrea
Croce al merito militare di III classe con decorazioni di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito militare di III classe con decorazioni di guerra
Medaglia di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di guerra
Medaglia per 25 anni di servizio militare per ufficiali - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per 25 anni di servizio militare per ufficiali
Predecessore Governatore di Bosnia-Erzegovina Successore Wappen Bosnien-Herzegowina.png
Guglielmo Nicola del Württemberg 1881-1882 Johann von Appel

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Militär-Zeitung vom 20. November 1861, XIV. Jahrgang, Nr. 93, p. 742
  2. ^ Petar Vrankić: „Religion und Politik in Bosnien und der Herzegowina (1878-1918)“, Verlag Ferdinand Schöningh, Paderborn 1998, S. 144
  3. ^ Jaromir Hirtenfeld: „Österreichischer Militärkalender für das Jahr 1867“, Commissionsverlag und Druck von Carl Gerold's Sohn, Wien 1867, S. 187
  4. ^ Militär-Schematismus des österreichischen Kaiserthums für 1868, K. K. Hof- und Staatsdruckerei, Wien 1867, S. 100
  5. ^ a b Antonio Schmidt-Brentano: Kaiserliche und k. k. Generale (1618–1815), Österreichisches Staatsarchiv/A. Schmidt-Brentano 2006, S. 32
  6. ^ Königlich preussische Ordensliste, 1877, Teil 1, S. 57
  7. ^ Dahlen von Orlaburg, Hermann Frh
  8. ^ Leonard F. Wise, Mark Hillary Hansen, E. W. Egan: “Kings, Rulers, And Statesmen“, Sterlin Publishing & Co., New York 2006, S. 44
  9. ^ Monatsblatt der Kais. Kön. Heraldischen Gesellschaft "Adler", Bände 1–5,Verlag Carl Gerold's Sohn, 1885 S. 369
  10. ^ Gothaisches genealogisches Taschenbuch der freiherrlichen Häuser, Band 9, Verlag Justus Perthes, Gotha 1859, p. 131
  11. ^ Theodor Schön: "Semi-Gotha - Geadelte jüdische Familien", Verlag Eduard Angelberger, Salzburg 1891, no. 224

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gothaisches genealogisches Taschenbuch der freiherrlichen Häuser, Band 9, Verlag Justus Perthes, Gotha 1857
  • Antonio Schmidt-Brentano: Kaiserliche und k. k. Generale (1618–1815), Österreichisches Staatsarchiv/A. Schmidt-Brentano 2006
  • Anton Leiler: „Geschichte des k. k. Infanterie-Regiments Erzherzog Rainer No. 59 seit seiner Errichtung 1682“, Zaunrith'sche Buchdruckerei, Salzburg 1856, p. 275
Controllo di autoritàVIAF: (EN62120540 · GND: (DE109494997