Herman Tarnower

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Herman Tarnower (New York City, 18 marzo 1910New York City, 10 marzo 1980) è stato un cardiologo e fisiologo statunitense, maggiormente noto come ideatore della dieta Scarsdale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di immigrati ebrei provenienti dalla Polonia, si laureò all'Università di Syracuse e tra il 1936 e il 1937 viaggiò all'estero grazie a una borsa di studio dell'Accademia di Medicina di New York.[1][2] Dopo la seconda guerra mondiale, fu uno dei due medici inviati dal governo americano per studiare le conseguenze delle radiazioni nucleari sui sopravvissuti a Hiroshima e Nagasaki.[2] Fondatore e capo-staff del Centro Medico di Scarsdale, fu professore di medicina presso il New York Medical College dal 1975 fino alla sua morte.[2]

Ideò la dieta Scarsdale per la sua cerchia di pazienti, e in seguito al passaparola e ad un articolo sul New York Times attirò l'attenzione dell'editore Oscar Dystel, che lo contattò e lo convinse a metterla per iscritto con l'aiuto del saggista Samm Sinclair Baker, già autore della popolare serie di libri del Dr. Stillman.[2][3] Il libro scritto dai due fu un best seller, vendendo oltre cinque milioni di copie e restando nella classifica dei bestseller del New York Times per 49 settimane.[3] Inoltre contribuì a diffondere e ispirare altre diete a basso contenuto di carboidrati.[2]

Morì per mano dell'amante di lunga data Jean Harris. Il caso e il successivo processo, data la notorietà del personaggio e le circostanze del delitto (che la Harris dichiarò essere accidentale), furono seguiti da stampa e media in modo capillare.[2][4] Il caso ha inoltre ispirato due film, The People vs. Jean Harris e Mrs. Harris, in cui Tarnower è impersonato rispettivamente da Martin Balsam e Ben Kingsley.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John Arthur Garraty e Mark Christopher Carnes, Tarnower, Herman, in American National Biography, Volume 21, Oxford University Press, 1999, ISBN 978-0-19-512800-0.
  2. ^ a b c d e f Marjolijn Bijlefeld e Sharon K. Zoumbaris, Tarnower, Herman, in Encyclopedia of Diet Fads: Understanding Science and Society, 2nd Edition, ABC-CLIO, 2014, ISBN 978-1-61069-760-6.
  3. ^ a b Sander L. Gilman, Tarnower, Herman, in Diets and Dieting: A Cultural Encyclopedia, Routledge, 2008, ISBN 978-1-135-87068-3.
  4. ^ (EN) George C. Kohn, Harris-Tarnower Affair, in The New Encyclopedia of American Scandal, Infobase Publishing, 2001, ISBN 978-1-4381-3022-4.
  5. ^ Vickie Jensen, Jean Harris, in Women Criminals: An Encyclopedia of People and Issues, ABC-CLIO, 2012, ISBN 978-0-313-33713-0.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44874775 · ISNI (EN0000 0000 7357 6626 · LCCN (ENn78069364 · BNE (ESXX1115943 (data) · J9U (ENHE987007273543205171 · WorldCat Identities (ENlccn-n78069364