Heritage Orchestra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Heritage Orchestra
BBC Proms at the Royal Albert Hall -26July2008-2rpc.jpg
La Royal Albert Hall, Londra, Inghilterra, durante la stagione della BBC Proms del 2008
StatoRegno Unito Regno Unito
CittàLondra
Direttore
  • Chris Wheeler
  • Jules Buckley
Periodo attività2004 - in attività
Etichetta
  • Laughing Stock Productions
  • Brownswood Recordings
  • Domino Records
  • Vertigo
  • Island Records
  • Nonclassical
  • Surrender All
  • EMI
  • Island
  • Virgin
  • Polydor
  • Universal
Sito web

La Heritage Orchestra è un'orchestra britannica fondata da Chris Wheeler e Jules Buckley. Eseguono musica tradizionale, di culto, sperimentale e popolare. L'orchestra, che oscilla tra i 25 ei 65 membri, si è esibita a livello internazionale in luoghi come la Sydney Opera House, Emirates Palace e l'Hollywood Bowl e fa tournée in tutto il Regno Unito per importanti sale da concerto e arene di grandi dimensioni, tra cui The O2 Arena di Londra.

Nel 2010 la Heritage Orchestra è stata nominata al 9° Independent Music Awards e ha vinto il premio Contemporary Classical Album per la sua esecuzione del Concerto per giradischi e orchestra di Gabriel Prokofiev insieme a DJ Yoda.[1] Nel 2017 l'orchestra ha raggiunto il numero uno nelle classifiche degli album del Regno Unito con BBC Radio 1, DJ Pete Tong e il loro album Classic House. L'orchestra si esibisce regolarmente ai BBC Proms.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

La Heritage Orchestra è stata fondata nel giugno 2004 dal direttore artistico/produttore Christopher Wheeler e dal direttore d'orchestra/compositore Jules Buckley. Wheeler è stato descritto nel 2011 come uno degli "ingegneri culturali" della Dream Factory Honda.[2] Jules Buckley è direttore principale del Metropole Orkest nei Paesi Bassi, vincendo un Grammy Award per il miglior album strumentale contemporaneo con Snarky Puppy nel loro album Sylva. Wheeler e Buckley hanno lavorato insieme da quando si sono incontrati nel 2001 alla Guildhall School of Music and Drama, a Londra.

Esibizioni dal vivo e collaborazioni passate[modifica | modifica wikitesto]

Tra le esibizioni dal vivo e le collaborazioni della Heritage Orchestra figurano:

  • DJ Yoda alla Scala, Londra, il 26 luglio 2007, eseguendo la prima mondiale del Concerto for Turntables[5] di Gabriel Prokofiev, includendo anche uno spettacolo con la band Plaid su Warp Records
  • The Bays & The Heritage Orchestra - UK Tour - finanziato dall'Arts Council England tramite Music Beyond The Mainstream[6] con successivi spettacoli alla Torre di Londra (settembre 2009) e Womad Festival 2010
  • Tim Minchin UK Tour (cont.) nel 2011, comprendendo; Edinburgh Playhouse (16 e 17 aprile); Clyde Auditorium, Glasgow (18 aprile), Aberdeen Exhibition Hall (19 aprile), Royal Albert Hall, Londra (28 e 29 aprile), Clyde Auditorium, Glasgow (8 maggio), Sheffield Arena (10 maggio); Liverpool Arena[13](11 maggio). Appare anche sul suo DVD e CD dal vivo Tim Minchin and the Heritage Orchestra,[14] pubblicato a novembre 2011
  • The Leisure Society al Barbican Londra l'8 dicembre 2011[15]
  • Bryce Dessner e Aaron Dessner eseguono The Long Count al Barbican, Londra, il 2, 3 e 4 febbraio 2012[16]
  • SBTRKT su BBC Live Lounge, Maida Vale Studios, il 12 marzo 2012
  • The Light Surgeons eseguono SuperEverything[38] UK Tour
  • The XX su BBC Radio 1 con Zane Lo Tim Exile (Warp Records) a Village Underground suonano dal vivo campionando l'elettronica orchestrale, dal titolo Bardo EP[39] come parte dell'evento di Will Dutta Blank Canvas il 5 settembre 2013
  • BBC Radio 1 'Ibiza Prom' il 29 luglio 2015 come parte della stagione BBC Proms.[44]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The Heritage Orchestra (Brownswood Recordings, 2006)
  • Arctic Monkeys - Leave Before The Lights Come On (Domino Records 2006)
  • Razorlight - Hostage of Love (Vertigo 2008)
  • Pete Lawrie - In The End EP (Island Records 2009)
  • The Heritage Orchestra Feat. DJ Yoda - Gabriel Prokofiev Concerto for Turntables & Orchestra (Nonclassical 2009) - vincitore del 9° Independent Music Awards and won the Contemporary Classical Album category
  • Black Water Transit - Film Score (2009) diretta da Tony Kaye
  • UNKLE - Where Did The Night Fall (Surrender All 2010)
  • Emeli Sandé - Daddy (EMI 2011)
  • Jonathan Jeremiah - A Solitary Man (Island 2011)
  • Emeli Sandé - Clown (Virgin 2012)
  • UNKLE and The Heritage Orchestra presentano 'Variation Of A Theme' Live At The Union Chapel (Surrender All, 2014)
  • Tim Minchin and the Heritage Orchestra (Laughing Stock Productions, 2015)
  • Pete Tong con la Heritage Orchestra diretta by Jules Buckley - Classic House[46] (Polydor, Universal 2016) reaching No.1 in the UK Album Charts
  • Pete Tong con la Heritage Orchestra diretta by Jules Buckley - Ibiza Classics[47](Polydor, Universal 2017)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Album Nominees : 9th Annual Independent Music Awards, Independentmusicawards.com. URL consultato il 1º dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2014).
  2. ^ Heritage orchestra: No ordinary orchestra, in Guardian.co.uk. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  3. ^ The Heritage Orchestra, Montreuxjazzlive.com. URL consultato il 1º dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2016).
  4. ^ (EN) Deodato & The Heritage Orchestra @ Hackney Empire, su Cargo. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Prokofiev grandson mixes it with Yoda, su Evening Standard, 24 luglio 2007. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  6. ^ (EN) The Heritage Orchestra, su Music Beyond Mainstream. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  7. ^ [1] [collegamento interrotto]
  8. ^ The17, su www.the17.org. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  9. ^ (EN) Spiritualized @ Royal Festival Hall, London | Live, su musicOMH, 12 ottobre 2009. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  10. ^ Tim Burrows, John Cale and the Heritage Orchestra at the Royal Festival Hall, review, in Telegraph.co.uk, 8 marzo 2010. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  11. ^ John Fordham, Jamie Cullum/Heritage Orchestra, in the Guardian. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  12. ^ a b (EN) Caroline Sullivan, Jamie Cullum at the Proms review – highbrow mixtape with the odd guest, in The Guardian, 12 agosto 2016, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 4 marzo 2019.
  13. ^ Catherine Jones, REVIEW: Tim Minchin and the Heritage Orchestra at the ECHO arena, in liverpoolecho. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  14. ^ Tim Minchin · A Big, Juicy Tim Minchin and The Heritage Orchestra DVD Announcement!, in Tim Minchin. URL consultato il 1º dicembre 2014.
  15. ^ The Leisure Society and the Heritage Orchestra, Barbican, London, in Financial Times.
  16. ^ (EN) Kitty Empire, The Long Count – review, in The Observer, 5 febbraio 2012, ISSN 0029-7712 (WC · ACNP). URL consultato il 26 febbraio 2019.
  17. ^ (EN) Orchestra, Plugged: Heritage Orchestra and Scanner Rework Joy Division, su CDM Create Digital Music, 23 settembre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  18. ^ (EN) The Double Negative » Live_Transmission: Joy Division Reworked, su thedoublenegative.co.uk. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  19. ^ (EN) Live Transmission: Scanner and Heritage Orchestra rework Joy Division,, su The Independent, 21 maggio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  20. ^ a b (EN) VIVID Live Review: Live_Transmission: Joy Division Reworked - Sydney Opera House (29.05.13), su the AU review. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  21. ^ a b (EN) Live Transmission: Joy Division Reworked for Vivid LIVE @ Sydney Opera House, su Brag Magazine, 12 giugno 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  22. ^ (EN) admin, Live Transmission: Joy Division Reworked Review, su frontrowreviews.co.uk. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  23. ^ (EN) Live Review: Live_Transmission - Joy Division Reworked, su www.northamptonchron.co.uk. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  24. ^ (EN) Sammy Maine September 30th e 2013, Live Report: Live Transmission - Joy Division Reworked @ Colston Hall, Bristol 25/9/13, su DrownedInSound. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  25. ^ (EN) live review // Live_Transmission: Joy Division Reworked, su slatethedisco.com, 8 ottobre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  26. ^ Gig Junkies » Blog Archive » Live Transmission – Joy Division Reworked at The Symphony Hall, Birmingham, UK – 28th September 2013, su gigjunkies.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  27. ^ Live Transmission: Joy Division Reworked @ Symphony Hall, Birmingham - Saturday 28th September 2013, su Brum Live!, 28 settembre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  28. ^ (EN) The Reviews Hub, LIVE_TRANSMISSION – Joy Division Reworked: The Lowry, Salford, su The Reviews Hub, 30 settembre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  29. ^ (EN) Joy Division Reworked by Heritage Orchestra & Scanner: Philharmonic Hall, Liverpool, su Getintothis, 1º ottobre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  30. ^ (EN) REVIEW: Joy Division Reworked, Liverpool Philharmonic, 30 Sep 2013, su Liverpool Live TV, 7 ottobre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  31. ^ Low Down : Review: Joy Division Reworked, su Low Down. URL consultato il 26 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2019).
  32. ^ (EN) Live_Transmission: Joy Division Reworked - Usher Hall, Edinburgh, Tue 1 Oct 2013, su The List, 10 ottobre 2013. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  33. ^ (EN) Live_Transmission: Joy Division Reworked - review, su WOW247. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  34. ^ (EN) Aphex Twin: Remote Orchestra, Barbican, London, su The Independent, 12 ottobre 2012. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  35. ^ (EN) Aphex Twin & The Remote Heritage Orchestra – Barbican, London – 10/10/12, su The Line of Best Fit. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  36. ^ (EN) Aphex Twin: Remote Orchestra - Live At The Barbican, London, su Clash Magazine. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  37. ^ (EN) The Quietus | News | Aphex Twin: Remote Orchestra Live Report, su The Quietus. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  38. ^ (EN) Chris Allen, SuperEverything* - THE LIGHT SURGEONS, su lightsurgeons.com. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  39. ^ (EN) The Bardo EP – Live sampling a 30 piece orchestra – Tim Exile, su timexile.com. URL consultato il 25 febbraio 2019.
  40. ^ (EN) Danny Wright, These New Puritans review – Vibrant, warm and bursting with life, in The Guardian, 18 aprile 2014, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 26 febbraio 2019.
  41. ^ (EN) These New Puritans, Barbican, gig review, su The Independent, 18 aprile 2014. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  42. ^ (EN) The Quietus | Features | A Quietus Interview | Setting Fire To Field Of Reeds: These New Puritans Interviewed, su The Quietus. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  43. ^ (EN) These New Puritans: Expanded @ Barbican, London | Live, su musicOMH, 20 aprile 2014. URL consultato il 26 febbraio 2019.
  44. ^ Prom 16: Late Night With BBC Radio 1, in BBC. URL consultato il 5 agosto 2015.
  45. ^ (EN) Ed Potton, Pop: Pete Tong presents Ibiza Classics at the O2, SE10, in The Times, 6 dicembre 2016, ISSN 0140-0460 (WC · ACNP). URL consultato il 4 marzo 2019.
  46. ^ Harrison Williams, Pete Tong Pairs Iconic dance tracks with classical music on ‘Classic House', Mixmag, 23 agosto 2016. URL consultato il 24 settembre 2018.
  47. ^ Paul Sexton, Pete Tong's Orchestral 'Ibiza Classics' To Follow No. 1 'Classic House', uDiscover, 26 ottobre 2017. URL consultato il 24 settembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123570706 · ISNI (EN0000 0001 0719 7764 · LCCN (ENno2010018851 · GND (DE10341064-8 · WorldCat Identities (ENno2010-018851
Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica