Henry Wriothesley, III conte di Southampton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Henry Wriothesly)
Jump to navigation Jump to search
Henry Wriothesley, terzo conte di Southampton ritratto da John de Critz il Vecchio.

Henry Wriothesley (Cowdray, 6 ottobre 157310 novembre 1624) fu il terzo conte di Southampton, secondo figlio di Henry Wriothesley, II conte of Southampton, e di sua moglie Mary Browne.

Patrono, nonché intimo amico, di William Shakespeare; a lui furono dedicati i suoi due poemetti giovanili, Venere e Adone e Il ratto di Lucrezia, le uniche opere pubblicate direttamente da Shakespeare.

È stato identificato da molti studiosi come il misterioso "fair youth" a cui Shakespeare si rivolge nella prima parte della raccolta di sonetti e a cui si riferisce la sigla "Mr. W.H." posta da Thomas Thorpe nella prima edizione. Alcuni rimandano a lui la creazione di alcuni testi di Shakespeare.

La dedica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1609 l'editore Thomas Thorpe diede alle stampe, senza il consenso dell'autore, una raccolta di sonetti di William Shakespeare, apponendo all'edizione quella che è stata definita la dedica più enigmatica di tutta la letteratura inglese[1]:

« TO.THE.ONLIE.BEGETTER.OF.
THESE.INSUING.SONNETS.
Mr.W.H. ALL.HAPPINESSE.
AND.THAT.ETERNITIE.
PROMISED.
BY.
OVR.EVER-LIVING.POET.
WISHETH.
THE.WELL-WISHING.
ADVENTVRER.IN.
SETTING.
FORTH.

- T.T.

»

«All'unico ispiratore di/ questi seguenti sonetti/Mr.W.H. ogni felicità/e quella eternità/promessa/dal/nostro immortale poeta/augura/colui che con buon augurio/si avventura nel/ pubblicare».

Molti critici hanno identificato il "Mr.W.H." con il terzo Conte di Southampton; se davvero fu lui il personaggio, bisogna pensare ad un rovesciamento da parte di Thorpe delle iniziali del conte, per celare in parte l'identità del destinatario.

La teoria del principe Tudor[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la leggenda metropolitana conosciuta come "teoria del principe Tudor" (Prince Tudor theory) e ripresa nel film del 2011 Anonymous del regista Roland Emmerich: Edward de Vere, VII conte di Oxford e la Regina d'Inghilterra Elisabetta I sarebbero stati amanti e dalla loro relazione sarebbe nato Henry Wriothesly, in seguito divenuto III conte di Southampton.[2] Il film di Emmerich si spinge persino oltre, andando ad ipotizzare che Edward fosse a sua volta figlio di Elisabetta, quindi i due, inconsapevolmente,avessero commesso incesto.

Secondo questa fascinosa ipotesi, la relazione tra Edward de Vere (23 anni alla nascita di Henry) e la Regina Elisabetta I (37 anni alla nascita di Henry) si consumò a corte in quegli anni. A sua volta all'età di 14 anni, la Regina, famosa per i suoi innumerevoli amanti, avrebbe concepito Edward con Thomas Seymour, I barone Seymour di Sudeley, a sua volta suo patrigno.[3] Quindi Edward sarebbe stato suo figlio, fratellastro e amante, e di Henry la Regina sarebbe stata la madre, la zia e la nonna.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandro Serpieri, in Introduzione a William Shakespeare - Sonetti - Bur.
  2. ^ Helen Gordon, The Secret Love Story in Shakespeare's Sonnets, second edition. Philadelphia: Xlibris Publishing Co., 2008; Hank Whittemore, The Monument, Meadow Geese Press, Marshfield Hills, MA, 2005; Paul Streitz, Oxford: Son of Queen Elizabeth I, Oxford Institute Press, 2001
  3. ^ (EN) Streitz, Paul "Oxford: Son of Queen Elizabeth I," 2001

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35252941 · ISNI (EN0000 0000 5887 3454 · LCCN (ENn50071259 · GND (DE118807994 · BNF (FRcb160095685 (data) · CERL cnp00538946
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie