Hellraiser III

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hellraiser III
Titolo originale Hellraiser III: Hell on Earth
Paese di produzione USA
Anno 1992
Durata 97 min
Genere orrore
Regia Anthony Hickox
Soggetto Tony Randel, Peter Atkins, Clive Barker
Sceneggiatura Peter Atkins
Produttore Clive Barker, Christopher Figg
Fotografia Gerry Lively
Montaggio Christopher Cibelli, James Hickox
Effetti speciali Bob Keen
Musiche Randy Miller, Motörhead
Scenografia Steve Hardie
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Hellraiser III (Hellraiser III: Hell on Earth) è un film del 1992 diretto da Anthony Hickox, terzo episodio della saga di Hellraiser.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pinhead, dopo il capitolo precedente, è intrappolato con la Configurazione del Lamento in una statua che rappresenta figure e volti distorti. Il ricco J.P. Monroe, possessore di un club di New York chiamato The Boiler Room, acquista la statua.

Joey Summerskill, una reporter giovane ed ambiziosa, viene a sapere del malvagio Pinhead e della pericolosa scatola. Comincia a capire il dolore che può dare la scatola quando vede un ragazzo che viene squarciato in due dalle catene fuoriuscite dalla scatola in un ospedale. Segue la scatola ed una giovane ragazza di nome Terri fino al club The Boiler Room, dove Terri ed il suo ragazzo avevano rubato la scatola.

Grazie alle registrazioni di Kirsty Cotton rinvenute nel Channard Institute, Joey e Terri vengono a sapere dei Cenobiti e del potere della Configurazione del Lamento e di come rispedire Pinhead da dove è venuto. Nel frattempo, J.P., nutre Pinhead con il sangue di alcuni frequentatori del club cosicché si possa liberare dalla statua, ma a restarci sarà lo stesso Monroe per mano di Terri che intanto era stata attirata nel locale come vittima e poi convinta da Pinhead ad allearsi. Una volta libero Pinhead è ancora più pericoloso di prima: non più legato al suo lato umano (un ufficiale britannico della Prima Guerra Mondiale di nome Elliot Spencer) egli è la pura manifestazione del lato oscuro di Elliot, fuori controllo e libero di portare caos e distruzione a cominciare dal personale e gli ospiti del club, da alcuni dei quali ricaverà una nuova micidiale scorta di cenobiti fra cui anche Monroe e Terri. Figura molto simile al demonio.

Pinhead desidera distruggere la scatola, così non dovrà mai più tornare nel suo mondo. Joey deve escogitare qualcosa per portare Pinhead ed i suoi nuovi Cenobiti nel mondo di Elliot, il quale si sacrificherà riunendosi con Pinhead per salvare il mondo, altrimenti il mondo sarà condannato al dolore e alla sofferenza per l'eternità.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in Italia in home video con il titolo Hellraiser III - Inferno sulla città.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata composta da Randy Miller e comprende il brano Hellraiser dei Motörhead, cover del brano omonimo di Ozzt Osbourne e pubblicato nel singolo Hellraiser del 1992.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema