Heinrich Eberbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Heinrich Eberbach
Bundesarchiv Bild 146-1976-096-08, Heinrich Eberbach.jpg
Il generale Heinrich Eberbach
NascitaStoccarda, 24 novembre 1895
MorteNotzingen, 13 luglio 1992 (96 anni)
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
War Ensign of Germany (1921–1933).svg Reichswehr
War Ensign of Germany (1938–1945).svg Wehrmacht
ArmaHeer
CorpoPanzertruppen
Anni di servizio1914 - 1920
1935 - 1945
GradoGeneral der Panzertruppe
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
BattaglieCampagna di Polonia
Campagna di Francia
Operazione Barbarossa
Battaglia di Mosca
Battaglia di Normandia
Comandante diPanzer-Regiment 35
Panzer-Brigade 5
4. Panzer-Division
48° Panzer-Korps
Panzergruppe West
Panzergruppe Eberbach
7. Armee
DecorazioniCroce di Cavaliere della Croce di Ferro con foglie di quercia
voci di militari presenti su Wikipedia

Heinrich Kurt Alfons Willy "Hans" Eberbach (Stoccarda, 24 novembre 1895Notzingen, 13 luglio 1992) è stato un generale tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Combattente nei ranghi dell'esercito tedesco durante la prima guerra mondiale, nel corso della quale venne ripetutamente ferito, nel 1935 entrò a far parte della Wehrmacht divenendo uno dei più esperti e abili ufficiali delle nuove truppe corazzate tedesche. Durante la seconda guerra mondiale, al comando di reparti di carri armati, si distinse nella campagna di Polonia e nella campagna di Francia. Durante l'operazione Barbarossa e la battaglia di Mosca, guidò con grande energia i reparti panzer di punta del gruppo corazzato del generale Heinz Guderian.

Dopo essere stato nuovamente ferito e aver assunto per un periodo incarichi di direzione delle Panzertruppen, nel 1944 prese il comando della maggior parte delle forze corazzate tedesche impegnate nella battaglia di Normandia, sostituendo il generale Leo Geyr von Schweppenburg, e combatté con valore e risolutezza per impedire la disfatta tedesca e ritardare la chiusura della sacca di Falaise. Dopo essere riuscito a salvare una parte delle sue forze, venne catturato durante la ritirata il 31 agosto 1944 dalle forze britanniche della Seconda Armata.

Durante la guerra ricevette per il valore dimostrato la prestigiosa decorazione della Croce di Cavaliere della croce di ferro con foglie di quercia.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Distintivo per feriti in ferro - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo per feriti in ferro
Cavaliere di II classe dell'Ordine di Federico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II classe dell'Ordine di Federico
Croce d'onore della Grande Guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'onore della Grande Guerra
Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II Classe (con fibbia 1939)
Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I Classe (con fibbia 1939)
Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce di Ferro con Fronde di Quercia
Distintivo d'argento per feriti - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo d'argento per feriti
Medaglia del fronte orientale - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia del fronte orientale
Medaglia per lungo servizio militare (25 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per lungo servizio militare (25 anni)
Distintivo panzer in argento - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo panzer in argento
Fibbia d'onore (esercito) - nastrino per uniforme ordinaria Fibbia d'onore (esercito)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • B.P. Boschesi, Il chi è della Seconda Guerra Mondiale, Mondadori Editore, 1975 – Vol. I, pag. 160

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN35266347 · ISNI (EN0000 0000 5130 0821 · LCCN (ENn2008039332 · GND (DE119428334 · WorldCat Identities (ENlccn-n2008039332