Heiligerlee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heiligerlee
villaggio
Heiligerlee/Kloosterholt
Heiligerlee – Veduta
Localizzazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Flag Groningen.svg Groninga
Comune Oldambt
Territorio
Coordinate 53°09′18″N 7°00′54″E / 53.155°N 7.015°E53.155; 7.015 (Heiligerlee)Coordinate: 53°09′18″N 7°00′54″E / 53.155°N 7.015°E53.155; 7.015 (Heiligerlee)
Abitanti 1 405
Altre informazioni
Lingue Olandese, Gronings
Cod. postale 9677
Prefisso (+31)
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Heiligerlee
Heiligerlee
Monumento che commemora la seconda battaglia di Heilgerlee

Heiligerlee (in Gronings: Kloosterholt) è una località di circa 1.400 abitanti[1] del nord-est dei Paesi Bassi, facente parte della provincia di Groninga e situata nella regione di Oldambt [2]. Dal punto di vista amministrativo, si tratta di una frazione della municipalità di Oldambt[2]; fino al 2009 aveva fatto invece parte della municipalità di Scheemda.[2]

La località lega il proprio nome a due storiche battaglie.[2]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Heiligerlee si trova nella parte centro-orientaledella provincia di Groninga[3], a circa 3–4 km[4] a nord/nord-ovest di Winschoten.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1230, fu fondato nel villaggio di Heiligerlee, allora chiamato Oosterlee, un monastero.

La prima battaglia di Heiligerlee[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 agosto 1536 ebbe luogo la cosiddetta prima battaglia di Heiligerlee, che fu combattuta tra le truppe di Carlo di Egmond (o Carlo di Gheldria), guidate da Meinhart von Hamme, e le truppe di Carlo V d'Asburgo, guidate da Georg Schenck van Toutenburg, e che vide quest'ultime come vincitrici.[5]

La seconda battaglia di Heiligerlee[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Heiligerlee (1568).

Il 23 maggio 1568 ebbe luogo in seno alla guerra degli ottant'anni la cosiddetta seconda battaglia di Heiligerlee, che fu combattuta dalle truppe olandesi guidate da Luigi di Nassau e Adolfo di Nassau e dalle truppe filo-spagnole dell'Armata delle Fiandre guidate da Giovanni di Ligne e che si concluse con la vittoria delle prime.[6]

La battaglia di Heiligerlee del 1568

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Heiligerlee conta un solo edificio classificato come rijksmonument.[2]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Mulino Oldambt[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli edifici principali di Heiligerlee, figura il mulino (di) Oldambt, risalente al 1960.[7]

Heiligerlee: il mulino Oldambt

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museum Slag bij Heiligerlee[modifica | modifica wikitesto]

Dedicato alla battaglia di Heiligerlee del 1568 è il Museum Slag bij Heiligerlee, dove sono esposti armi, libri antichi, ecc.[2]

Klokkengieterijmuseum Heiligerlee[modifica | modifica wikitesto]

In un'ex-fonderia del 1862 è stato invece allestito il Klokkengieterijmuseum Heiligerlee, in cui sono esposti dei carillon.[2]

Heiligerlee: il Klokkengieterijmuseum Heiligerlee

Persone legate a Heiligerlee[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Buurtschappen[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Heiligerlee, Stadindex. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  2. ^ a b c d e f g h (NL) Heiligerlee, Plaatsengids. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  3. ^ Harmans, Gerard M.L. (a cura di), Olanda, Dorling Kindersley, London, 2003 - Mondadori, Milano, 2005, pp. 279
  4. ^ Itinerario da Heiligerlee a Winschoten, ViaMichelin.it. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  5. ^ (NL) 1536, GenWiki. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  6. ^ (NL) De slag bij Heiligerlee: begin van 80 jaar opstand, Isgeschiedenis. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  7. ^ (NL) Molen Oldambt te Heiligerlee, Molens.nl. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  8. ^ (EN) Tjapko van Bergen, Sports-Reference. URL consultato il 23 febbraio 2016.
  9. ^ (NL) Oud-burgemeester Warffum Aijolt Kloosterboer (100) overleden, Eemskrant, 12 luglio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN142870080
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi