The Heavy Entertainment Show

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Heavy Entertainment Show)
Jump to navigation Jump to search
The Heavy Entertainment Show
ArtistaRobbie Williams
Tipo albumStudio
Pubblicazione4 novembre 2016
Durata39:57
Dischi1
Tracce11
GenerePop[1][2][3]
EtichettaCBS Records
ProduttoreGuy Chambers, Richard Flack, Jonny Coffer, Stuart Price, Steve Robson, Johnny McDaid, Gary Go
Registrazione2014-2016
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[4]
(Vendite: 35.000+)
Austria Austria[5]
(Vendite: 7.500+)
Germania Germania[6]
(Vendite: 100.000+)
Italia Italia[7]
(Vendite: 25.000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[8]
(Vendite: 30.000+)
Dischi di platinoRegno Unito Regno Unito[9]
(Vendite: 300.000+)
Robbie Williams - cronologia
Album precedente
(2014)
Album successivo
(2017)
Singoli
  1. Party Like a Russian
    Pubblicato: 30 settembre 2016
  2. Love My Life
    Pubblicato: 20 ottobre 2016
  3. Mixed Signals
    Pubblicato: 3 febbraio 2017
  4. The Heavy Entertainment Show
    Pubblicato: 28 aprile 2017
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
The Guardian 2/5 stelle[10]
NME 4/5 stelle[11]
The Independent 2/5 stelle[12]
Evening Standard 4/5 stelle[13]
Daily Mail 3/5 stelle[14]
Rockol 3.5/5 stelle[1]
Rolling Stone 3/5 stelle[2]
Il Fatto Quotidiano Positiva[3]

The Heavy Entertainment Show è l'undicesimo album in studio del cantautore britannico Robbie Williams, edito il 4 novembre 2016 dall'etichetta CBS Records.

È divenuto il 12º disco di Williams a raggiungere la vetta della classifica britannica degli album, fatto che ha reso Williams l'artista solista britannico di maggiore successo di tutti i tempi.[senza fonte]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

In Italia, Heavy Entertainment Show ricevette critiche positive. Il Fatto Quotidiano scrisse: "se il pop è ovviamente la base su cui il nostro si muove, stavolta Robbie ancora più che in precedenza gioca la carta del mischiare le carte, tirando in ballo sonorità e nomi (John Grant, Rufus Wainwright, Bandon Flowers, Ed Sheeran) che, se uno avesse ipotizzato queste collaborazioni a freddo, con buone probabilità gli sarebbe stato imposto un TSO", lodò i "suoni carichi, orchestrali, a fianco di suoni contemporanei, moderni come solo un perfetto disco pop deve essere", e concluse etichettandolo un "ritorno coi fiocchi" di una "popstar totale quale Robbie Williams è e sa di essere".[3] Rockol lo definì "un disco vario, che mostra le diverse sfaccettature dell'intrattenimento - come Robbie ha sempre fatto. E come continua a fare anche oggi, con il suo unico mix di sfacciataggine e divertimento. Fa finta di prendersi sul serio, come in quella foto di copertina dove combatte con se stesso. Ma si diverte e fa divertire, da vero professionista del pop".[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Edizione standard
  1. The Heavy Entertainment Show – 3:22 (Serge Gainsbourg, Robbie Williams, Guy Chambers, Rufus Wainwright, Christopher Heath)
  2. Party Like a Russian – 3:02 (Robbie Williams, Guy Chambers, Sergej Sergeevič Prokof'ev, Christopher Heath)
  3. Mixed Signals – 3:58 (Brandon Flowers, Dave Keuning, Mark Stoermer, Ronnie Vannucci Jr.)
  4. Love My Life – 3:28 (Robbie Williams, Gary Go, Johnny McDaid)
  5. Motherfucker – 4:17 (Robbie Williams, Flynn Francis, Timothy Metcalfe)
  6. Bruce Lee – 3:13 (Robbie Williams, Stuart Price)
  7. Sensitive – 3:16 (Robbie Williams, Stuart Price, Jackson Guthy)
  8. David's Song – 4:14 (Robbie Williams, Guy Chambers, Kara DioGuardi, Jewel Kirchner)
  9. Pretty Woman – 2:55 (Robbie Williams, Benny Blanco, Steve Robson, Ed Sheeran)
  10. Hotel Crazy (feat. Rufus Wainwrigh) – 4:25 (Rufus Wainwright, Robbie Williams, Guy Chambers)
  11. Sensational – 3:47 (Mike Curb, Mack David, Robbie Williams, Guy Chambers, Rufus Wainwright, Christopher Heath)
Edizione deluxe
  1. When You Know – 4:20 (Seckou Keita, Jimmy Carr, Robbie Williams, Guy Chambers)
  2. Time on Earth – 4:51 (Robbie Williams, Guy Chambers, Christopher Heath)
  3. I Don't Want to Hurt You (feat. John Grant) – 4:18 (Robbie Williams, Guy Chambers, John Grant)
  4. Best Intentions – 3:44 (Robbie Williams, Guy Chambers, Christopher Heath)
  5. Marry Me – 3:53 (Karl Brazil, Ben Castle, Steve McFadden, Robbie Williams)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album ha debuttato alla posizione numero 5 della classifica album italiana la settimana del 10 novembre 2016. La settimana seguente è sceso alla posizione numero 10, e la terza settimana alla numero 16.[15]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Gianni Sibilla, HEAVY ENTERTAINMENT SHOW - ROBBIE WILLIAMS, Rockol, 4 novembre 2016. URL consultato il 27 settembre 2018.
  2. ^ a b Giulia Cavaliere, Heavy Entertainment Show - Robbie Williams, Rolling Stone, 4 novembre 2016. URL consultato il 27 settembre 2018.
  3. ^ a b c Michele Monina, Robbie Williams, la recensione del nuovo album Heavy Entertainment Show. E la data italiana dell’atteso tour, Il Fatto Quotidiano, 8 novembre 2016. URL consultato il 28 settembre 2018.
  4. ^ http://www.ariacharts.com.au/charts/albums-chart
  5. ^ http://www.ifpi.at/?section=goldplatin
  6. ^ http://www.musikindustrie.de/nc/datenbank/?action=suche&strTitel=The+Heavy+Entertainment+Show&strInterpret=Robbie+Williams&strTtArt=alle&strAwards=checked
  7. ^ http://www.fimi.it/archivio_certificazioni.php
  8. ^ http://www.musikindustrie.de/nc/datenbank/#topSearch Archiviato il 2 dicembre 2013 in Internet Archive.
  9. ^ BRIT Certified
  10. ^ (EN) Tim Jonze, Robbie Williams: Heavy Entertainment Show review – a lurching mess of styles, The Guardian, 3 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  11. ^ (EN) Jordan Bassett, Robbie Williams – ‘Heavy Entertainment Show’ Review, NME, 3 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  12. ^ (EN) Andy Gill, Album reviews: Robbie Williams - The Heavy Entertainment Show, Lambchop - FLOTUS, Bon Jovi, and more, The Independent, 2 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  13. ^ (EN) Andre Paine, Robbie Williams – The Heavy Entertainment Show review: ‘he’s still got it’, Evening Standard, 4 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  14. ^ (EN) Adrian Thrills, Grown-up Robbie's hit and miss: The Heavy Entertainment Show is a mixed return, says ADRIAN THRILLS, Daily Mail, 4 novembre 2016. URL consultato il 4 novembre 2016.
  15. ^ http://www.italiancharts.com/showitem.asp?interpret=Robbie+Williams&titel=The+Heavy+Entertainment+Show&cat=a
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica