Hawaiite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hawaiite
Rock schema
Categoria roccia magmatica
Sottocategoria Roccia intrusiva
Composizione chimica SiO2: 45% - 52%
MgO: 4% - 8%
K2O e Na2O: 5% - 7,3%
Minerali principali olivina, andesina (anortoclasio, plagioclasio
Colore varia dal grigio chiaro al grigio scuro
Utilizzo rivestimenti
Ambiente di formazione vulcani.

L'hawaiite è una roccia effusiva basaltica. Si tratta di una varietà di trachibasalto ad alto contenuto di sodio i cui plagioclasio normativi sono o l'oligoclasio o l'andesina. Il magma che genera l'hawaiite è lievemente alcalino, nefelin-normativo, sottosaturo di SiO2, caratteristiche tipiche delle basaniti.

Etimologia e storia[modifica | modifica sorgente]

Il nome hawaiite deriva chiaramente dal nome delle isole Hawaii. Il minerale venne descritto per la prima volta da Joseph Paxson Iddings, che gli attribuì anche il nome, nel 1913. La sua località tipo sono le Hawaii.

I basalti delle isole oceaniche sono detti OIB. Le hawaiiti sono rocce tipiche delle Hawaii, facenti parte della serie alcalino-sodica[1].

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Diagramma TAS - Hawaiite evidenziata in azzurro

Le hawaiiti sono classificate, dal punto di vista chimico, come S1 nel TAS. Data la sua ricchezza in sodio, esso è un trachibasalto perché il contenuto di Na2O supera il contenuto di K2O.

Composizione[modifica | modifica sorgente]

Le hawaiiti sono composte in prevalenza da roccia ultrafemica, augite (pirossenite) e olivina che rappresentano assieme una percentuale del peso variabile fra il 40% e il 70%. Un ulteriore componente principale è il plagioclasio di andesina, ricca in potassio, anortoclasio, ricco in calcio o labradorite[2]. Possono essere presenti anche dei feldspatoidi.

Composizione minerale[modifica | modifica sorgente]

Il fenocristallo delle hawaiiti è, in genere:

La mesostasi può contenere:

La massa principale può avere in parte una struttura vetrosa. A causa dell'assenza, in qualità di minerali normanti del quarzo o dell'iperstene può essere presente la nefelina.

Esempio di composizione[modifica | modifica sorgente]

Si riporta come esempio la composizione percentuale di una hawaiite estratta nella Eifel.

Ossido Percentuale in peso CIPW Percentuale
SiO2 47,0 Q
TiO2 2,5 Or 9,08
Al2O3 15,0 Ab 26,94
Fe2O3 4,2 An 19,86
FeO 5,7 Di 19,50
MnO 0,18 Hy
MgO 6,4 Mt 6,23
CaO 10,3 Il 4,86
Na2O 3,8 Ap 1,50
K2O 1,5 Ol 7,66
P2O5 0,62 Ne 3,21
CO2 0,5 Cc 1,16
H2O+ 2,0
Mg# 0,66

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Le hawaiiti sono rocce vulcaniche di grana fine, la cui dimensione dei granuli media è di circa 2,5 millimetri. L'indice di colore varia fra 40 e 70, cioè dal grigio chiaro al grigio scuro.

Genesi ed associazione[modifica | modifica sorgente]

In quanto OIB, le hawaiiti sono generate in maggior parte su isole a plume mantelliche, le quali operano in modo indipendente dalle celle convettive a cui sono invece legate le dorsali e le zone di subduzione. La loro genesi è legata a quella delle isole e dei vulcani più attivi quali Mauna Loa e Kilauea che si può riassumere nelle seguenti fasi:

  • tipo vulcano effusivo, con nascita di vulcani a scudo direttamente sopra la plume mantellica: i basalti tholeiitici sono prodotti a causa delle alte temperature dovute alla plume;
  • l'isola si muove e si allontana dall'hot spot, e tale movimento provoca un abbassamento della temperatura che non permette la formazione di tholeiiti, ma di magmi moderatamente alcalini;
  • l'isola è lontana dall'hot spot, consente la formazione di magmi molto alcalini e viscosi.

La formazione delle hawaiiti è dovuta alla cristallizzazione frazionata di olivina e clinopirossenitiderivata da basalti alcalini. Le lave giungono alla superficie con temperature variabili fra i 1080° e i 1250°, rispettivamente, ad esempio, nei casi dell'Etna e dell'Alvernia, con consistenza fluida e ricca di bolle. Sino ad oggi si ritiene che le hawaiiti siano originate da cameraemagmatiche molto ampie per evitare le alte pressioni. Contro tale ipotesi si ha quanto avvenuto nel Nuovo Galles del Sud, dove si è anche evidenziata la presenza di lherzolite e di cristalli non pirosseniti[3]. Le hawaiiti fanno parte delle seguenti associazioni magmatiche ad alto contenuto sodico:

  • Serie di differenziazione: ankaramite, basalti alcalini, hawaiiti
  • Serie di differenziazione: basalti alcalini, hawaiiti, mugeariti, benmoreiti, trachite, riolite.

Zone di ritrovamento[modifica | modifica sorgente]

Le hawaiiti, in quanto basalti, si trovano in[4]:

In Europa, le hawaiiti si trovano in Germania (Eifel e Vogelsberg), Francia (Morvan e Chaîne des Puys), Island (Heimaey), Italia (Etna, Pantelleria e Isola di Vulcano) e Scozia (Skye e Mull). Nell'oceano Atlantico si trovano sull'Isola di Ascensione, Madeira, Isola Gough e Tristan da Cunha. Nelle Hawaii si trovano sul Mauna Kea, su Hualalai, su Kohala e su Molokai. Le hawaiiti sono state rinvenute anche in America: Basin and Range Province in Nevada e ad est dello Snake River. Sono state inoltre trovate in Messico e nell'oceano Pacifico, come, ad esempio, le Isole Australi (Tubuai).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Basalti, sapere.it Garzanti. URL consultato il 18-05-2012.
  2. ^ Alex Strekiesen, Hawaiite. URL consultato il 18-05-2012.
  3. ^ J. F. G. WILKINSON & R. A. BINNS.Hawaiite of High Pressure Origin from North-eastern New South Wales.Nature 222, 553 - 555 (10 May 1969). doi:10.1038/222553a0
  4. ^ http://georoc.mpch-mainz.gwdg.de/georoc/Csv_Downloads/Rocks_comp/HAWAIITE.csv
Scienze della Terra Portale Scienze della Terra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Scienze della Terra