Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Haruki Kadokawa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Haruki Kadokawa (角川 春樹 Kadokawa Haruki?; Tokyo, 8 gennaio 1942) è un produttore cinematografico, regista, sceneggiatore, attore e editore giapponese, vincitore nel 1985 di un Japanese Academy Award.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Genyoshi Kadokawa, fondatore della casa editrice Kadokawa Shoten, nel 1975, dopo la morte del genitore, Haruki Kadokawa divenne il presidente della compagnia,[2] trasformandola in casa di produzione cinematografica, producendo oltre sessanta film di svariati generi, alcuni dei quali divennero grandi successi commerciali in Giappone.[2] Il primo film prodotto da Haruki Kadokawa fu Inugamike no ichizoku, diretto nel 1976 da Kon Ichikawa.

Nel 1982 Kadokawa esordì nella regia cinematografica, dirigendo il musical Dirty Hero. Successivamente diresse altri cinque film, tra i quali Heaven and Heart, che nel 1990 fu il film più costoso realizzato in Giappone[2] e vinse il Mainichi Film Concours.[1]

Nel 1993 diresse il film di fantascienza Rex: A Dinosaur's Story. A pochi mesi dall'uscita nelle sale cinematografiche del film, il produttore fu arrestato con l'accusa di contrabbando di cocaina.[2] Licenziato dalla sua compagnia, fu condannato nel settembre 1994 a quattro anni di reclusione[3] e rimase in prigione per due anni e mezzo.[4]

Scontata la sua pena, tornò nel mondo del cinema fondando la Kadokawa Haruki Corporation, riscuotendo nel 2005 un grande successo commerciale grazie al film di guerra Otoko-tachi no Yamato, diretto da Junya Sato.[2] Nel 2007 produsse il film d'azione The Blue Wolf: To the Ends of the Earth and Sea, che si rivelò un clamoroso flop.[2]

Nel 2008 Kadokawa produsse la commedia fantascientifica God's Puzzle, diretta da Takashi Miike, tratta da un romanzo scritto da Shinji Kimoto. Il produttore asserì di aver scelto di trarre un film dal romanzo filosofico e fantascientifico dopo aver vissuto un'esperienza extracorporea vissuta in carcere, durante la quale la sua anima abbandonò il corpo e vagò nell'universo percependo così il segreto dell'esistenza.[2]

Kadokawa è anche compositore di haiku e poesie.[2] Nel 1974 costruì un Jinja, ovvero un tempio shintoista privato.[2] Nel 1991 decise di costruire una copia della Santa Maria e partì dal porto di Barcellona per ripercorrere il viaggio di Cristoforo Colombo.[2]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Awards for Haruki Kadokawa, su imdb.com. URL consultato il 1º luglio 2009.
  2. ^ a b c d e f g h i j Lorenzo Bertuzzi, Oltre il torrente, Milano, Nocturno cinema numero 74, settembre 2008, p. 28.
  3. ^ Hit-maker Kadokawa back in film business, su variety.com. URL consultato il 1º luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2012).
  4. ^ Spirits of the Yamato, su search.japantimes.co.jp. URL consultato il 1º luglio 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN57964089 · ISNI (EN0000 0000 8240 6784 · LCCN (ENn82099022
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie