Hark! The Village Wait

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hark! The Village Wait
ArtistaSteeleye Span
Tipo albumStudio
Pubblicazionegiugno 1970
pubblicato nel Regno Unito
Durata38:39
Dischi1
Tracce12
GenereFolk rock
Rock
EtichettaRCA Victor Records (SF 8113)
ProduttoreSandy Roberton
ArrangiamentiSteeleye Span
RegistrazioneLondra al Sound Techniques
FormatiLP
Steeleye Span - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1971)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 3/5 stelle[1]
Sputnikmusic 4.0 = (Excellent)[2]
Debaser 5/5 stelle[3]
Dizionario del Pop-Rock 4/5 stelle[4]
24.000 dischi 4/5 stelle[5]

Hark! The Village Wait è il primo album del gruppo folk rock inglese degli Steeleye Span, pubblicato dalla RCA Victor nel giugno del 1970[6].

Subito dopo l'uscita del disco i coniugi Gay e Terry Woods abbandonarono il gruppo (sostituiti a partire dal secondo disco da Peter Knight e Martin Carthy).

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. A Calling-On Song – 1:12 (Ashley Hutchings)
  2. The Blacksmith – 3:38 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  3. Fisherman's Wife – 3:12 (Ewan MacColl)
  4. Blackleg Miner – 2:44 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  5. Dark-Eyed Sailor – 5:57 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  6. Copshawholme Fair – 2:35 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
Lato B
  1. All Things Are Quite Silent – 2:37 (Vaughan Williams (trascrizione))
  2. The Hills of Greenmore – 4:00 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  3. My Johnny Was a Shoemaker – 1:10 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  4. Lowlands of Holland – 5:59 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  5. Twa Corbies – 2:05 (Brano tradizionale, arrangiamento degli Steeleye Span)
  6. One Night as I Lay on My Bed – 3:30 (H.E.D. Hammond (trascrizione))

[7] [8]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

A Calling-On Song

The Blacksmith

Fisherman's Wife

  • Gay Woods - voce solista, autoharp
  • Maddy Prior - accompagnamento vocale
  • Terry Woods - mandola
  • Tim Hart - banjo a 5 corde
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Gerry Conway - batteria

Blackleg Miner

  • Tim Hart - voce solista, chitarra elettrica
  • Maddy Prior - accompagnamento vocale
  • Terry Woods - accompagnamento vocale, banjo a 5 corde, chitarra
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Dave Mattacks - batteria

Dark-Eyed Sailor

  • Gay Woods - voce solista, concertina
  • Maddy Prior - accompagnamento vocale
  • Terry Woods - chitarra elettrica
  • Tim Hart - dulcimer elettrico
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Gerry Conway - batteria

Copshawholme Fair

  • Maddy Prior - voce solista, step dancing
  • Tim Hart - dulcimer elettrico
  • Terry Woods - concertina, mandolino
  • Gay Woods - bodhrán, step dancing
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Gerry Conway - batteria

All Things Are Quite Silent

  • Maddy Prior - voce solista
  • Gay Woods - accompagnamento vocale
  • Terry Woods - chitarra elettrica
  • Tim Hart - chitarra elettrica
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Gerry Conway - batteria

The Hills of Greenmore

  • Terry Woods - voce solista, chitarra elettrica
  • Tim Hart - dulcimer elettrico
  • Gay Woods - concertina
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Gerry Conway - batteria

My Johnny Was a Shoemaker

  • Gay Woods - voce
  • Maddy Prior - voce

Lowlands of Holland

  • Gay Woods - voce solista
  • Terry Woods - chitarra elettrica
  • Tim Hart - fiddle
  • Maddy Prior - banjo a 5 corde
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Dave Mattacks - batteria

Twa Corbies

  • Maddy Prior - voce
  • Gay Woods - voce
  • Tim Hart - voce, harmonium
  • Terry Woods - chitarra elettrica
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Dave Mattacks - batteria

One Night as I Lay on My Bed

  • Maddy Prior - voce solista
  • Gay Woods - accompagnamento vocale
  • Terry Woods - banjo a 5 corde
  • Tim Hart - dulcimer elettrico
  • Ashley Hutchings - basso elettrico
  • Dave Mattacks - batteria

Note aggiuntive

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Bruce Eder, Hark! The Village Wait, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 24 novembre 2017.
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
  4. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 935
  5. ^ da 24.000 dischi di Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, Zelig Editore, pagina 941
  6. ^ [3]
  7. ^ Titoli ed autori brani, ricavati dalle note su vinili dell'album originale, pubblicato nel 1970 dalla RCA Victor Records, codice SF 8113: ZGBS 0358 (Lato A) / ZGBS 0359 (Lato B)
  8. ^ Durata brani (assente nelle note dell'album originale) ricavati dalla riedizione dell'album pubblicato nel 1976 dalla Chrysalis Records, codice CHR 1120
  9. ^ Note di copertina di Hark! The Village Wait, Steeleye Span, RCA Victor Records SF 8113, 1970.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock