Orthohantavirus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Hantavirus)
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Orthohantavirus
Sin Nombre hanta virus TEM PHIL 1136 lores.jpg
Microfotografia di un Sin Nombre orthohantavirus
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo V (Virus a ssRNA-)
Classe Ellioviricetes
Ordine Bunyavirales
Famiglia Hantaviridae
Sottofamiglia Mammantavirinae
Genere Orthohantavirus
Sinonimi

Hantavirus

Orthohantavirus è un genere di virus a RNA a singolo filamento negativo (comunemente chiamati "Hantavirus") appartentente alla famiglia Hantaviridae (sottofamiglia Mammantavirinae) dell'ordine Bunyavirales. Sono trasmessi all'uomo tramite zoonosi. La specie tipo dell'ordine è Hantaan orthohantavirus.

Il nome hantavirus deriva dal fiume Hantan in Corea del Sud, dove il virus fu isolato alla fine del 1970 da Ho-Wang Lee e collaboratori che per primi lo studiarono.[1][2] Precedentemente era conosciuto come "virus della febbre emorragica coreana".[3]

Patologie[modifica | modifica wikitesto]

La diffusione delle patologie da hantavirus.

Gli esseri umani possono essere infettati dagli hantavirus attraverso il contatto della cute lesa o per inalazione, non per ingestione o semplice contatto, con l'urina, la saliva o e le feci dei roditori; tuttavia nel dicembre 2005 è stato riportato un caso di trasmissione interumana avvenuto nelle Ande in Sud America.[4]

Alcuni hantavirus possono causare malattie potenzialmente mortali nell'uomo come la nefropatia epidemica, più diffusa in Europa, la febbre emorragica con sindrome renale (HFRS), diffusa in estremo oriente, e la sindrome polmonare da hantavirus (HPS), più frequente nel continente americano.[5] Si è ipotizzato che la malattia del sudore, che interessò prima l'Inghilterra e poi l'Europa a cavallo del XVI secolo, possa essere stata causata da un hantavirus.[6]

Non esiste né un trattamento specifico né un vaccino quindi la cura è basata sulla terapia sintomatica; farmaci antivirali hanno dimostrato di ridurre la malattia e la morte se usati precocemente.[7][8]

Il 25 giugno 2014 in Saskatchewan, in Canada, è stato riportato un caso di decesso dovuto al virus.

Il 24 marzo 2020 è stato riportato un nuovo caso di decesso dovuto al virus in Cina: l'uomo, proveniente dalla provincia dello Yunnan, si trovava su un bus nella provincia di Shandong. Inizialmente fu ipotizzato che fosse un caso della contemporanea pandemia di COVID-19, ma gli esami dimostrarono che si trattava di Hantavirus.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 36 specie:[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ HW. Lee, PW. Lee; KM. Johnson, Isolation of the etiologic agent of Korean Hemorrhagic fever., in J Infect Dis, vol. 137, n. 3, marzo 1978, pp. 298-308, PMID 24670.
  2. ^ Marco Ettore Grasso, Il mutamento climatico e il diritto alla salute, FrancoAngeli, 10 gennaio 2012, pp. 41–, ISBN 978-88-568-7221-7.
  3. ^ CB. Jonsson, LT. Figueiredo; O. Vapalahti, A global perspective on hantavirus ecology, epidemiology, and disease., in Clin Microbiol Rev, vol. 23, n. 2, aprile 2010, pp. 412-41, DOI:10.1128/CMR.00062-09, PMID 20375360.
  4. ^ VP. Martinez, C. Bellomo; J. San Juan; D. Pinna; R. Forlenza; M. Elder; PJ. Padula, Person-to-person transmission of Andes virus., in Emerg Infect Dis, vol. 11, n. 12, dicembre 2005, pp. 1848-53, DOI:10.3201/eid1112.050501, PMID 16485469.
  5. ^ Malattie da Hantavirus, su Ministero della Salute. URL consultato il 26 marzo 2020.
  6. ^ Eric Bridson, The English 'sweate' (Sudor Anglicus) and Hantavirus pulmonary syndrome, n. 58, British Journal of Biomedical Science, 2001, pp. 1-6.
  7. ^ Terapia malattie da Hantavirus, su Ministero della Salute. URL consultato il 26 marzo 2020.
  8. ^ (EN) Treating HPS, su Centers for Disease Control and Prevention. URL consultato il 26 marzo 2020.
  9. ^ (EN) Virus Taxonomy: 2018b Release, su International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV). URL consultato il 25 marzo 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]