Hans von Dohnanyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hans von Dohnanyi ritratto in un francobollo commemorativo

Hans von Dohnanyi (Vienna, 1 gennaio 1902Campo di concentramento di Sachsenhausen, 8 aprile 1945) è stato un giurista e membro della resistenza tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del pianista e compositore ungherese Ernő Dohnányi e fratellastro di Dietrich Bonhoeffer, dal 1929 al 1938 fu impiegato al ministero della giustizia, collaborando come consulente giuridico anche con altri ministeri, e nonostante la sua origine ebraica grazie a un ordine speciale di Adolf Hitler gli fu concessa l'arianizzazione.[1] Fu successivamente nominato giudice della corte suprema, e fu posto a capo della divisione affari politici dell'Abwehr alle dirette dipendenze di Hans Oster.[1][2]

Si avvicinò progressivamente alle posizioni della resistenza, e aiutò decine di ebrei a fuggire dalla Germania e a recuperare i beni confiscati dai nazisti.[2] Fu arrestato una prima volta nell'aprile 1943 perché sospettato di complottare contro il regime.[1] Rilasciato per mancanza di prove, fu nuovamente arrestato nel 1944 per il suo coinvolgimento nel complotto del 20 luglio e spedito al campo di concentramento di Sachsenhausen.[1] Lì morì, ucciso in circostanze mai chiarite, l'8 aprile 1945.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (EN) Robert S. Wistrich, Dohnanyi, Hans von, in Who's Who in Nazi Germany, Routledge, 2013, ISBN 978-1-136-41388-9.
  2. ^ a b (EN) Ian Dear e Michael Richard Daniell Foot, Dohnanyi, Hans von, in The Oxford Companion to World War II, Oxford University Press, 2005, ISBN 978-0-19-280666-6.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN45099872 · ISNI (EN0000 0000 8224 1326 · LCCN (ENn91126207 · GND (DE118869566 · BNF (FRcb12556559t (data) · BNE (ESXX5545596 (data) · NLA (EN63539219 · WorldCat Identities (ENlccn-n91126207