Hans Kummetz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans Kummetz
29 aprile 1890 – 11 gennaio 1918 (27 anni)
Nato a Illowo, Regno di Prussia
Morto a Conegliano, Regno d'Italia
Cause della morte abbattuto in combattimento
Dati militari
Paese servito Germania Impero tedesco
Forza armata War Ensign of Germany (1903-1918).svg Deutsches Heer
Corpo Luftstreitkräfte
Specialità pilota di caccia
Unità Jagdstaffel 1
Anni di servizio 1914-1918
Grado Oberleutnant
Guerre Prima guerra mondiale
Comandante di Jagdstaffel 1
Decorazioni vedi qui
voci di militari presenti su Wikipedia

Hans Kummetz (Illowo, 29 aprile 1890Conegliano, 11 gennaio 1918) è stato un militare e aviatore tedesco asso dell'aviazione durante la prima guerra mondiale accreditato di 7 vittorie aeree.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hans Kummetz nasce il 29 aprile 1890 a Illowo nell'allora Regno di Prussia (oggi in Polonia). La sua iniziale carriera militare è sconosciuta compresa qualsiasi formazione avuta per diventare pilota e i primi incarichi avuti in aviazione[1]. Il 18 novembre 1916 diventa Staffelführer (comandante) della Jagdstaffel 1[2], una delle prime squadriglie da caccia della Luftstreitkräfte, poco tempo dopo la sua fondazione, operando in Francia sul fronte occidentale[1].

Tra il 4 marzo e il 17 agosto 1917 Kummetz abbatte cinque aerei nemici e un pallone di osservazione francese. Il 12 settembre 1917 viene trasferito presso la JastaSchule II (scuola per piloti da caccia), anche se non è noto se lui fosse li come istruttore o come allievo; la prima delle due ipotesi però sembrerebbe la più probabile. Il 12 novembre torna nella Jagdstaffel 1 che nel frattempo viene spostata sul fronte italiano[1]. Il 20 novembre 1917 gli viene assegnato nuovamente il comando dell'unità che avrebbe mantenuto fino alla sua morte[2]. L'8 dicembre successivo ottiene la sua settima vittoria aerea abbattendo un Sopwith Camel nei pressi di Villamata[1][3]. Il 1º gennaio 1918 Kummetz abbatte un altro Sopwith Camel, ma questa vittoria non viene confermata[3].

La morte[modifica | modifica wikitesto]

L'11 gennaio 1918, Hans Kummetz si scontra con i Sopwith Camel del 45º Squadron della Royal Flying Corps nei pressi di Conegliano dove viene abbattuto ed ucciso[3], con molta probabilità da Lt. H.T. Thompson (B2494)[1]. Nel corso della sua carriera militare è stato insignito con la Croce di Ferro sia di prima che di seconda classe[1].

Vittorie[modifica | modifica wikitesto]

N. Data Reparto Avversario Località
1 4 marzo 1917 Jasta 1 Sopwith Pup (N6165)[4] Vis-en-Artois
2 6 marzo 1917 Jasta 1 Nieuport Scout[5] Achiet le Grand
3 6 marzo 1917 Jasta 1 Fe.2b[6] Eaucourt l'Abbaye
4 1 maggio 1917 Jasta 1 Pallone da osservazione Conde
5 29 luglio 1917 Jasta 1 Nieuport Scout[7] Festieux
6 17 agosto 1917 Jasta 1 Caudron R.4 Lavel
7 8 dicembre 1917 Jasta 1 Sopwith Camel (B4604)[8] Villamatta
non confermata 1 gennaio 1918 Jasta 1 Sopwith Camel Vittorio

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Franks, Bailey, Guest 1993, p. 152.
  2. ^ a b (EN) The Aerodrome - Jagdstaffel 1, theaerodrome.com.
  3. ^ a b c (EN) The Aerodrome - Hans Kummetz, theaerodrome.com.
  4. ^ 3N Squadron
  5. ^ 60 Squadron
  6. ^ 23 Squadron
  7. ^ Esc.N82
  8. ^ 66 Squadron pilota 2nd Lt JAM Robertson prigioniero

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Norman Franks, Frank W. Bailey, Russell Guest, Above the Lines: The Aces and Fighter Units of the German Air Service, Naval Air Service and Flanders Marine Corps, 1914–1918, Oxford, Grub Street, 1993, ISBN 978-0-948817-73-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]