Hans Berr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hans Berr
20 maggio 1890 – 6 aprile 1917 (26 anni)
Nato a Braunschweig, Ducato di Brunswick
Morto a pressi di Noyelles, Francia
Cause della morte abbattuto in combattimento
Dati militari
Paese servito Germania Impero tedesco
Forza armata War Ensign of Germany (1903-1918).svg Deutsches Heer
Corpo Fanteria (1908-1915)
Luftstreitkräfte (1915-1917)
Specialità pilota di caccia
Unità 4º battaglione fanteria, 7º Reggimento fanteria leggera, Kampfeinsitzerkommando (KEK) Avillers, Jagdstaffel 5
Anni di servizio 1908-1917
Grado Oberleutnant
Guerre Prima guerra mondiale
Comandante di Jagdstaffel 5
Decorazioni vedi qui
voci di militari presenti su Wikipedia

Hans Berr (Braunschweig, 20 maggio 1890Noyelles, 6 aprile 1917) è stato un militare e aviatore tedesco, asso dell'aviazione durante la prima guerra mondiale accreditato di 10 vittorie aeree[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hans Berr nasce a Braunschweig, nell'allora Ducato di Brunswick, il 20 maggio 1890. Già nel 1908 è Leutnant(sottotenente) di fanteria prestando servizio presso il Magdeburgisches Jäger-Bataillon Nr. 4 (4º battaglione fanteria "Magdeburgo"). Allo scoppio della guerra combatte sul fronte occidentale con il 7º Reggimento fanteria leggera dove viene ferito il 6 settembre[2]. Viene insignito della Croce di Ferro di seconda classe e nel gennaio del 1915 viene promosso al grado di Oberleutnant[3]. Un mese più tardi chiede e riceve il trasferimento nella Fliegertruppen des deutschen Kaiserreiches[1][4].

Il servizio in aviazione[modifica | modifica wikitesto]

Per buona parte del 1915 Hans Berr presta servizio nell'aviazione tedesca come osservatore in aerei biposto prima di essere inviato presso la scuola per piloti di Metz e ricevere il brevetto[1][4]. Viene assegnato al Kampfeinsitzerkommando (KEK) Avillers e nel marzo del 1916 a bordo di un Fokker Eindecker ottiene le sue prime due vittorie aeree[1]. Nell'agosto del 1916 viene nominato comandante della nuova squadriglia aerea Jagdstaffel 5 ed inviato a supporto dell'esercito impegnato nella Battaglia della Somme. In quattro settimane, dal 7 ottobre al 3 novembre 1916, Berr abbatte 7 aerei e un pallone da osservazione portando a 10 le sue vittorie aeree totali[1]. Il 10 novembre 1917 gli viene assegnata la Croce di Cavaliere dell'Ordine Reale di Hohenzollern e il 4 dicembre riceve la più prestigiosa onorificenza dell'Impero tedesco, il Pour le Mérite[5]. Berr sarà l'ultimo pilota tedesco a ricevere questa alta onorificenza dopo solo 8 vittorie[3].

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 aprile 1917 i piloti della Jagdstaffel 5 si scontrarono con quelli appartenenti al 57º Squadrone della Royal Flying Corps vicino Noyelles[3]. Nel corso della battaglia, Hans Berr, a seguito di una collisione in volo con uno dei suoi piloti, precipita con il suo aereo trovando la morte.[1].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Reale di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Reale di Hohenzollern
Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite
Croce di Ferro di I classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I classe
Croce di Ferro di II classe - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II classe
Cavaliere dell'Ordine al merito militare di Baviera - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito militare di Baviera
Cavaliere della Croce Anseatica di Amburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere della Croce Anseatica di Amburgo
Croce al merito di guerra del ducato di Brunswick - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra del ducato di Brunswick

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) The Aerodrome - Hans Berr, theaerodrome.com.
  2. ^ VanWyngarden 2006, p. 35.
  3. ^ a b c Franks, Bailey e Guest 1993, p. 71.
  4. ^ a b (EN) First World War - Hans Berr, firstworldwar.com.
  5. ^ (EN) Pour le Mérite, pourlemerite.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Norman Franks, Frank W. Bailey e Russell Guest, Above the Lines: The Aces and Fighter Units of the German Air Service, Naval Air Service and Flanders Marine Corps, 1914–1918, Oxford, Grub Street, 1993, ISBN 978-0-948817-73-1.
  • (EN) Greg VanWyngarden, Early German Aces of World War I, Botley, Osprey Publishing Ltd., 2006, ISBN 1-84176-997-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN296328131 · GND: (DE1034667742