Hanna Rizatdinova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hanna Rizatdinova
Iluvõimlemine1.jpg
Hanna Rizatdinova nel 2013
Nazionalità Ucraina Ucraina
Altezza 173 cm
Peso 47 kg
Ginnastica ritmica Gymnastics (rhythmic) pictogram.svg
Specialità Individuale
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Mondiali 1 2 9
Europei 0 3 4
Giochi mondiali 1 2 0
Giochi europei 0 2 0
Universiadi 1 3 4
Europei junior 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 20 agosto 2016

Hanna Serhiїvna Rizatdinova (in ucraino: Ганна Сергіївна Різатдінова?; Sinferopoli, 16 luglio 1993) è una ginnasta ucraina vincitrice della medaglia di bronzo nel concorso individuale alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Hanna Rizatdinova ha iniziato a praticare la ginnastica ritmica all'età di 5 anni, allenata dalla madre Oksana.[1] Ha iniziato la sua ascesa internazionale vincendo nel 2008 il bronzo nella gara a squadre, categoria junior, ai campionati europei disputati a Torino.

Nel 2011 ha conquistato le sue prime medaglie da senior vincendo il bronzo nella gara a squadre agli europei di Minsk 2011 e un altro bronzo nella gara a squadre ai mondiali di Montpellier 2011. Hanna Rizatdinova ha rappresentato l'Ucraina nella gara individuale alle Olimpiadi di Londra 2012 raggiungendo il decimo posto in finale.[2] L'anno successivo si è rivelato ricco di successi, con due argenti vinti agli europei di Vienna 2013 (gara a squadre e nastro), un argento e tre bronzi vinti alle Universiadi di Kazan', una medaglia d'oro (nel cerchio) e due argenti (nelle clavette e nella palla) vinti ai Giochi mondiali. Sempre nel 2013 si è inoltre laureata per la prima volta campionessa mondiale vincendo l'oro nel cerchio durante i mondiali di Kiev, oltre a conquistare due argenti nella gara all-around e nel nastro.

Reduce da un bronzo nel concorso individuale ai campionati europei di Baku 2014, ai mondiali di Smirne dello stesso anno non è riuscita ad andare oltre i tre bronzi vinti dietro le russe Margarita Mamun e Jana Alekseevna Kudrjavceva, ai quali si aggiunge un quarto bronzo nella gara a squadre dietro la Bielorussia. Anno di grandi aspettative dopo la precedente vittoria del primo titolo mondiale, la stagione 2014 è stata complicata da problemi economici della federazione e dalla difficoltà di allenarsi regolarmente a causa delle conseguenze della crisi della Crimea,[3] oltre ad alcune discutibili decisioni della giuria nell'assegnazione dei punteggi che potrebbero avere penalizzato la ginnasta ucraina.[3]

Il 2015 si è aperto con la medaglia d'argento vinta nelle clavette e un bronzo nella gara a squadre durante gli europei di Minsk. Hanna Rizatdinova ha preso parte anche ai I Giochi europei vincendo due argenti nella palla e nelle clavette. In seguito ha partecipato alle Universiadi di Gwangju 2015 vincendo la medaglia d'oro nelle clavette; nel concorso individuale completo si è piazzata seconda dietro la sudcoreana Son Yeon-jae, un altro argento è poi arrivato nella palla al quale si è aggiunto infine il bronzo nel nastro. Ai mondiali di Stoccarda 2015 Rizatdinova ha avuto un avvio positivo vincendo tre medaglie di bronzo nel cerchio, nelle clavette e nel nastro, ma una serie di errori le ha compromesso il concorso generale relegandola al quinto posto.[4]

In occasione dei Giochi di Rio de Janeiro 2016 Rizatdinova disputa la sua seconda Olimpiade ambendo al podio: riesce a centrare il terzo posto col punteggio 73.583, davanti alle sue principali avversarie Son Yeon-jae (72.898) e Melicina Stanjuta (71.133). Inarrivabili le russe Kudrjavceva e Mamun. L'anno seguente si prende una pausa e il 12 novembre dà alla luce il figlio Roman.[5]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Hanna Rizatdinova (a destra) sul podio alle Olimpiadi di Rio de Janeiro 2016 insieme a Jana Kudrjavceva (a sinistra) e Margarita Mamun (al centro).
Rio de Janeiro 2016: bronzo nel concorso individuale.
Montpellier 2011: bronzo nella gara a squadre.
Kiev 2013: oro nel cerchio, argento nella gara all-around e nel nastro.
Smirne 2014: bronzo nelle clavette, nel nastro, nell'all-around e nella gara a squadre.
Stoccarda 2015: bronzo nel cerchio, nelle clavette, nel nastro e nella gara a squadre.
Torino 2008: bronzo nella gara a squadre (junior).
Minsk 2011: bronzo nella gara a squadre.
Vienna 2013: argento nella gara a squadre e nel nastro.
Baku 2014: bronzo nella gara all-around.
Minsk 2015: argento nelle clavette, bronzo nella gara a squadre.
Holon 2016: bronzo nella gara all-around.
Cali 2013: oro nel cerchio, argento nelle clavette e nella palla.
Baku 2015: argento nella palla e nelle clavette.
Kazan' 2013: argento nelle clavette; bronzo nella gara all-around, nel cerchio e nella palla.
Gwangju 2015: oro nelle clavette, argento nella gara all-around e nella palla, bronzo nel nastro.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Principessa Olga di III Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Principessa Olga di III Classe
«Per il raggiungimento di grandi risultati sportivi alle XXVII Universiadi estive a Kazan', ottenuti con dedizione e voglia di vincere, contribuendo all'aumento di autorità internazionale dell'Ucraina»
— 25 luglio 2013[6]
Ordine della Principessa Olga di II Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Principessa Olga di II Classe
«Per il raggiungimento di grandi risultati sportivi ai giochi della ХХХІ Olimpiade del 2016 a Rio de Janeiro (Repubblica Federale del Brasile), trovando il coraggio, la dedizione e la volontà di vincere, contribuendo all'aumento di autorità internazionale dell'Ucraina»
— 4 ottobre 2016[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (RU) АННА РИЗАТДИНОВА: Восходящая звезда художественной гимнастики, kianews.com.ua. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ (EN) Hanna Rizatdinova, sports-reference.com. URL consultato il 6 maggio 2014.
  3. ^ a b (EN) Following the leaders: Q and A with Ganna Rizatdinova (UKR), su fig-gymnastics.com, 27 settembre 2014. URL consultato il 22 giugno 2014.
  4. ^ (EN) 34th RHYTHMIC GYMNASTICS WORLD CHAMPIONSHIPS in Stuttgart (GER) (PDF), su longinestiming.com, 11 settembre 2015. URL consultato il 25 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2015).
  5. ^ Ilaria Brugnotti, Anna Rizatdinova è diventata mamma, su ginnasticaritmicaitaliana.it, 19 novembre 2017. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  6. ^ (UK) Decreto del Presidente della Repubblica N.392/2013 del 25 luglio 2013, president.gov.ua. URL consultato il 6 maggio 2014 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2014).
  7. ^ (UK) Decreto del Presidente dell'Ucraina N.429/2016, president.gov.ua. URL consultato il 29 novembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]