Han Feizi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Han Feizi
Titolo originale '韓非子'
Autore Han Fei
1ª ed. originale circa 250-233 a.C.
1ª ed. italiana 2016
Genere trattato
Sottogenere pensiero legista
Lingua originale cinese
Ambientazione Cina, Periodo dei regni combattenti

Lo Han Feizi (韓非子T, Hán Fēi zǐP) è un trattato scritto nel III secolo a.C. dal pensatore cinese Han Fei (?-233 a.C.), contenente 55 dettagliati capitoli della sua filosofia politica. Esso costituisce la sintesi del pensiero legista al termine Periodo dei regni combattenti in Cina. Il presupposto fondamentale è rappresentato dalla concezione che il mondo senza un governo forte sia destinato alla rovina, posto che gli uomini sono usi a comportamenti negativi verso il bene collettivo. Coi suoi scritti Han Fei cercò di spingere Ying Zheng, re dei Qin, a unificare i territori cinesi. Quest'ultimo seguì il consiglio, ma lo fece incarcerare con l'accusa di aver cospirato contro di lui. L'opera è preziosa pure per l'abbondanza di aneddoti sulla Cina prima dell'era della dinastia Qin. La prima traduzione italiana, seppur antologica e non integrale, appare per i tipi di Einaudi.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]