Haliaeetus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Aquile di mare
Aquila calva
(Haliaeetus leucocephalus)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Accipitriformes
Famiglia Accipitridae
Sottofamiglia Haliaeetinae
Genere Haliaeetus
Savigny, 1809
Nomenclatura binomiale
Falco albicilla
Linnaeus, 1758
Specie

Haliaeetus Savigny, 1809 è un genere di uccelli rapaci diurni della famiglia degli Accipitridi, noti come aquile di mare, strettamente imparentate con le aquile pescatrici del genere Icthyophaga. In passato erano anche noti come piparghi[1] (cfr. fr. pygargue e sp. pigargo), con particolar riferimento alla H. albicilla. Le diverse specie sono assai variabili per dimensioni: si va dall'aquila di mare di Sanford (H. sanfordi) che pesa in media 1–2 kg, all'aquila di mare di Steller (H. pelagicus) che raggiunge i 12 kg.[senza fonte] La seconda specie per grandezza è l'aquila di mare testabianca (H. leucocephalus) che arriva a 7 kg.[senza fonte]

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2023, sulla base degli ultimi studi sistematici molecolari, l'Unione internazionale degli ornitologi ha resuscitato il genere Icthyophaga con il suo nome giusto, trasferendo quattro specie da Haliaeetus a questo genere.[2] Pertanto questo genere comprende ora le seguenti quattro specie:

Specie di Icthyophaga
Nome comune e binomiale Immagine Distribuzione
Aquila di mare testabianca
(Haliaeetus leucocephalus)
La maggior parte del Canada e dell'Alaska, tutti gli Stati Uniti contigui e il Messico settentrionale
Aquila pescatrice di Pallas
(Haliaeetus leucoryphus)
Kazakistan, Russia, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan, Mongolia, Cina, India, Nepal, Bangladesh, Myanmar e Bhutan
Aquila di mare codabianca
(Haliaeetus albicilla)
Groenlandia e Islanda attraverso l'Europa e l'Asia fino all'estremo oriente fino a Hokkaido, in Giappone
Aquila di mare di Steller
(Haliaeetus pelagicus)
Russia, Corea, Giappone, Cina e Taiwan

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Come suggeriscono sia i nomi comuni che quelli generici, sia le aquila di mare che le aquile pescatrici si nutrono principalmente di pesci, catturati principalmente in acque dolci di laghi e grandi fiumi, ma occasionalmente anche in acque salmastre negli estuari e lungo le coste.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palmiro Premoli, Il vocabolario nomenclatore, Milano, Società Editrice Aldo Manuzio, 1909-12.
  2. ^ F Gill, D Donsker e P Rasmussen (a cura di), IOC World Bird List (v 13.2), 2023, DOI:10.14344/IOC.ML.13.2.
  3. ^ del Hoyo, J., Elliott, A., & Sargatal, J., eds. (1994). Handbook of the Birds of the World Vol. 2. Lynx Edicions, Barcelona ISBN 84-87334-15-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85058435 · BNF (FRcb12274717v (data) · J9U (ENHE987007548222005171
  Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli