HTMS Chakri Naruebet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
HTMS Chakri Naruebet
Chakri Naruebet 2001.JPEG
La Chakri Naruebet nel 2001
Descrizione generale
Naval Ensign of Thailand.svg
Tipoportaerei (V/STOL) - CVH[1]
Classeunica
Numero unità1
ProprietàRoyal Thai Navy
IdentificazioneCVH-911[2]
Ordine27 marzo 1992
CostruttoriBazán
CantiereFerrol
Impostazione12 luglio 1994
Varo20 gennaio 1996
Completamento27 marzo 1997
Entrata in servizio10 agosto 1997
Caratteristiche generali
Dislocamento11 486 (a pieno carico)
Lunghezza182,6 m
Ponte di volo174,5 × 27,5 mm
PropulsioneCODOG
Velocità26 nodi (48,15 km/h)
Equipaggio455 (inclusi 62 ufficiali) e 145 aircrew
Armamento
Mezzi aereiAerei: 6 AV-8S Harrier (fino al 2006)
Elicotteri: 6 (poi 10) S-70B Seahawk
Note
MottoOccupy The Sky, Occupy The Sea, Chakri Naruebet. (ครองเวหา ครองนที จักรีนฤเบศร)
voci di portaerei presenti su Wikipedia

La HTMS Chakri Naruebet (in thailandese: จักรี นฤเบศ ร, che significa "In onore della dinastia Chakri") è la nave ammiraglia della Reale Marina Militare Thailandese (RMMT), e la prima e unica portaerei della Thailandia.

Dati storici[modifica | modifica wikitesto]

Basata sul progetto della Principe de Asturias dell'Armada Española e costruita dal costruttore navale spagnolo Bazán, la Chakri Naruebet è stata ordinata nel 1992, varata nel 1996 ed è entrata in servizio nella RMMT nel 1997.

La portaerei era dotata di un gruppo di volo con aerei V/STOL (radiati nel 2006) ed elicotteri, ed è destinata a pattugliamenti e proiezione della forza in acque thailandesi, in caso di catastrofi, e in sostegno della guerra anfibia. A causa della mancanza di fondi dovuta alla crisi finanziaria asiatica del 1997, la nave è rimasta spesso inutilizzata e ancorata presso la base navale di Sattahip. È stata impiegata in diverse operazioni quando si sono verificate catastrofi, mentre le altre partenze dal porto riguardano principalmente le esercitazioni, che si tengono una giornata ogni mese, e l'occasionale trasporto della famiglia reale della Thailandia (tanto da essere paragonata a un panfilo reale di grandi dimensioni).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CVH: hull classification symbol che indicherebbe le Helicopter Aircraft Carrier, secondo l'US NAVY INACTIVE CLASSIFICATION SYMBOLS Archiviato il 18 gennaio 2012 in Internet Archive., la sigla CVHA sta per Assault Helicopter Aircraft Carrier e CVHE sta per Escort Helicopter Aircraft Carrier. Secondo il GLOSSARIO CATALOGHI DELLE FORZE Archiviato il 27 settembre 2006 in Internet Archive. della Marina Militare Italiana, la sigla sta per Helicopter Carrier.
  2. ^ CVH-911 H.T.M.S.CHAKRINARUEBET Archiviato il 19 ottobre 2010 in Internet Archive.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Web[modifica | modifica wikitesto]

  • (TH) Chakri Nauebet disaster relief missions, su navy.mi.th, Royal Thai Navy. URL consultato il 25 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2009).
  • (TH) Past, su navy.mi.th, Royal Thai Navy. URL consultato il 25 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2010).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]