HMS Exmouth (1901)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Exmouth
HMS Exmouth (1901) in Weymouth Bay ca. 1906.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Corazzata pre-dreadnought
Classe Classe Duncan
In servizio con Naval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Cantiere Laird Brothers, Birkenhead
Impostazione 10 agosto 1899
Varo 31 agosto 1901
Madrina Lady Alicia Stanley
Completamento Maggio 1903
Costo originale 1'098'159 £
Entrata in servizio 2 giugno 1903
Disarmo Agosto 1917
Radiazione Aprile 1919
Destino finale Venduta per essere demolita il 15 febbraio 1920
Caratteristiche generali
Dislocamento Da 13.270 a 13.745 tons con carico normale
Da 14.900 a 15.200 tons a pieno carico
Lunghezza 132 m
Larghezza 23,01 m
Pescaggio 7,85 m
Propulsione 24 caldaie a carbone Belleville a tubi d'aqua (13'000kW)

2 motori a vapore a 4 cilindri a tripla espansione

2 eliche
Velocità 19 nodi (35 km/h)
Autonomia 7000 Mn a 10 nodi
Equipaggio 720
Armamento
Artiglieria 4 cannoni da 305 mm Mk IX in torrette binate
12 cannoni 152/45 Mk VII
10 cannoni da 76 mm
6 cannoni da 47 mm
2 mitragliatrici
Siluri 4 tubi lanciasiluri sommersi da 450 mm
Corazzatura Cintura: 178 mm

Paratie: 279–178 mm

Ponti: 51–25 mm

Torrette: 254–203 mm

Barbette: 279–102 mm

Casematte: 152 mm

Torre di comando: 305 mm

[senza fonte]

voci di navi da battaglia presenti su Wikipedia

La HMS Exmouth fu una corazzata pre-dreadnought della classe Duncan della Royal Navy. La Exmouth fu inpostata presso il cantiere Laird Brothers di Birkenhead nell'agosto 1899, varata nell'agosto 1901 e completata nel maggio 1903. Servì come nave ammiraglia per varie flotte, incluse la Mediterranean Fleet, la Channel Fleet e l'Atlantic Fleet a partire dal suo commissionamento fino all'inizio della prima guerra mondiale nel 1914. Durante tutto il periodo fu sottoposta a diversi raddobbi, due dei quali a Malta. In origine doveva unirsi al 6th Battle Squadron e servire nella Channel Fleet ma questa squadra fu temporaneamente sciolta e si unì invece al 3rd Battle Squadron a Scapa Flow. La Exmouth fu in seguito spostata nel nuovamente riunito 6th Squadron verso la fine del 1914. Durante la prima guerra mondiale la Exmouth si mosse tra diverse squadre prima di finire la propria carriera nelle Indie Orientali a partire dal marzo 1917. Svolse compiti di scorta ai convogli nell'oceano Indiano tra Colombo e Bombay prima di tornare nel Regno Unito, fermandosi al Capo e in Sierra Leone. Arrivò a Devonport nell'agosto 1917 e messa in riserva per smembrare l'equipaggio per creare nuovi equipaggi per le imbarcazioni antisommergibile. La Exmouth rimase in riserva a Devonport fino all'aprile 1919 dove era stata utilizzata come nave alloggio a partire dal gennaio 1918. Nell'aprile 1919 fu posta nelle liste di vendita e fu venduta per essere demolita alla Forth Shipbreaking Company il 15 gennaio 1920.

La nave deve il nome all'ammiraglio Edward Pellew, 1° visconte Exmouth.

Descrizione tecnica[modifica | modifica wikitesto]

La HMS Exmouth fu impostata nel cantiere Laird Brothers di Birkenhead il 10 agosto 1899 e varata il 31 agosto 1901. Ebbe come madrina Lady Alice Stanley, moglie di Lord Stanley, segretario finanziario del War Office. Arrivò al Nore nel maggio 1902 e fu armata e completata presso l'arsenale di Chatham. Fu completata nel maggio 1903.

La Exmouth e le sue cinque sorelle della classe Duncan furono ordinate in risposta agli ampi programmi di costruzione varati da Francia e Russia, particolarmente per le veloci corazzate russe. Furono disegnate come versioni più piccole, più leggere e più veloci della precedente classe Formidable. Si scoprì in seguito che le navi russe non erano così pesantemente armate come si credeva inizialmente e le Duncan le furono quindi molto superiori per il buon bilancio di velocità, potenza di fuoco e protezione.

Il layout della corazza era simile a quello della classe London, con spessore ridotto nelle barbette e nella cintura corazzata.

Le Duncan ebbero 2200 kW di potenza installata più delle Formidable e delle London e furono le prime corazzate britanniche a montare motori a tripla espansione a 4 cilindri. Ebbero anche una diversa carena per aumentare la velocità. Le navi ebbero la reputazione di buone unità da crociera, con una velocità di progetto di 19 nodi e operativa di 18 nodi, ottima manovrabilità ad ogni velocità e rollio dolce. Quando furono completate erano le corazzate più veloci n servizio nella Royal Navy e furono le più veloci pre-dreadnought mai costruite al di fuori della classe Swiftsure.

Ebbero lo stesso armamento sebbene minor dislocamento delle Formidable e London.

Come tutte le pre-dreadnought, la Exmouth fu surclassata dalle corazzate dreadnought che apparvero nel 1906 ma continuò comunque a svolgere azioni in prima linea per tutta la prima parte della prima guerra mondiale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) R. A. Burt, British Battleships 1889–1904, Annapolis, Naval Institute Press, 1988, ISBN 0-87021-061-0.
  • (EN) Roger Chesnau e Eugene M. Kolesnik, All The World's Fighting Ships, 1860–1905, New York, Mayflower Books, Inc., 1979, ISBN 0-8317-0302-4.
  • (EN) F. J. Dittmar e J. J. Colledge, British Warships 1914–1919, Londra, Ian Allen, 1972, ISBN 0-7110-0380-7.
  • (EN) Tony Gibbons, The Complete Encyclopedia of Battleships and Battlecruisers: A Technical Directory of All the World's Capital Ships From 1860 to the Present Day, Londra, Salamandar Books Ltd., 1983.
  • (EN) James Goldrick, The King's Ships Were at Sea: The War in the North Sea, August 1914 – February 1915, Annapolis, Naval Institute Press, 1984, ISBN 0-87021-334-2.
  • (EN) Gray Randal, All The World's Fighting Ships 1906–1921, Annapolis, Naval Institute Press, 1985, ISBN 0-87021-907-3.
  • (EN) Randolph Pears, British Battleships 1892–1957: The Great Days of the Fleets, G. Cave Associates, 1979, ISBN 978-0-906223-14-7.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina