HMS Canopus (1898)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Canopus
HMS Canopus news mimic.jpg
La Canopus durante la prima guerra mondiale.
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo nave da battaglia pre-dreadnought
Classe Canopus
Proprietà Royal Navy
Costruttori Portsmouth Dockyards
Cantiere Portsmouth
Entrata in servizio dicembre 1899
Destino finale venduta per la rottamazione il 18 febbraio 1920
Caratteristiche generali
Dislocamento 12.950
Lunghezza 131,4 m
Larghezza 22,6 m
Pescaggio 7,9 m
Propulsione 2 eliche, caldaie a fasci tubieri, motori a vapore a tripla espansione, 15,400 ihp (11,500 kW)
Velocità 18,25 nodi (34 km/h)
Autonomia mn
Equipaggio 680
Armamento
Armamento
  • 4 cannoni da 305 mm
  • 12 cannoni da 152 mm
  • 10 cannoni da 12 pounder
  • 6 cannoni da 3 pounder
  • 2 mitragliatrici
  • 4 tubi lanciasiluri da 457 mm (sommersi)

[senza fonte]

voci di navi da battaglia presenti su Wikipedia

La HMS Canopus, seconda nave da guerra britannica a portare questo nome, è stata una corazzata dell'omonima classe della Royal Navy. Venne impostata nei cantieri di Portsmouth il 4 gennaio 1897, varata il 21 giugno 1898 ed entrò in servizio nel dicembre 1899.

Servizio[modifica | modifica wikitesto]

La prima guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Durante la guerra mancò per poco la battaglia di Coronel, ma partecipò alla battaglia delle Falkland dove dissuase la squadra tedesca dall'entrare in porto. Partecipò alla campagna dei Dardanelli, dopo di che si unì alla Mediterranean Fleet fino all'aprile 1916, quando tornò in Gran Bretagna e venne disarmata per fornire equipaggi alle unità antisommergibili. Nonostante i lavori di raddobbo venne privata di buona parte del suo armamento e diventò una nave caserma nel 1918, fino alla demolizione.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Appletons' Annual Cyclopædia and Register of Important Events of the Year. New York: Appleton, 1900.
  • Brassey, T. A. The Naval Annual 1898. Portsmouth: J. Griffith, 1898.
  • "First Story Told of Falkland Fight." New York Times. 21 December 1914.
  • Burt, R. A. British Battleships 1889–1904. Annapolis, Maryland: Naval Institute Press, 1988. ISBN 0-87021-061-0.
  • Chesneau, Roger, and Eugene M. Kolesnik, eds. Conway's All The World's Fighting Ships, 1860–1905. New York: Mayflower Books, Inc., 1979. ISBN 0-8317-0302-4.
  • Gibbons, Tony. The Complete Encyclopedia of Battleships and Battlecruisers: A Technical Directory of All the World's Capital Ships From 1860 to the Present Day. London: Salamander Books Ltd., 1983.
  • Gray, Randal, Ed. Conway's All The World's Fighting Ships 1906–1921. Annapolis, Maryland: Naval Institute Press, 1985. ISBN 0-87021-907-3.
  • Hickey, Michael. The First World War. Volume Four: The Mediterranean Front. New York: Routledge, 2003.
  • "Latest Battleships and Cruisers for the British Navy." Scientific American. 15 April 1899.
  • Massie, Robert K., "Castles of Steel", New York: Ballantine Books, 2003.
  • Paine, Lincoln P. Warships of the World to 1900. New York: Houghton Mifflin, 2000. ISBN 0-395-98414-9.
  • Pollen, A. J. H. The British Navy in Battle. London: Chatto and Windus., 1919.
  • Wren, M. F. and W. L. Wyllie. Sea Fights of the Great War. New York: Cassell, 1918.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina