HMS Audacious (1912)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS Audacious
HMS Audacious LOC 17766.jpg
L'Audacious in navigazione, 1913-1914
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
Tipo Corazzata dreadnought
Classe King George V
In servizio con Royal Navy
Ordine 1910
Cantiere Cammell Laird, Birkenhead
Impostazione Marzo 1911
Varo 14 settembre 1912
Completamento Agosto 1913
Entrata in servizio 15 ottobre 1913
Destino finale Affondata da una mina, 27 ottobre 1914
Stato Relitto a 58-68 m di profondità
Caratteristiche generali
Dislocamento 25'830 t
Lunghezza 182,2 m
Larghezza 27,2 m
Pescaggio 8,7 m
Propulsione 18 caldaie a carbone Yarrow (20'000 kW)

2 set di turbine

4 eliche
Velocità 21 nodi (39 km/h)
Autonomia 5'910 Mn a 10 nodi
Equipaggio 860 (1914)
Armamento
Armamento 10 cannoni da 343 mm in torrette binate
  • 16 cannoni da 102 mm
Siluri 3 tubi lanciasiluri da 533 mm
Corazzatura Cintura corazzata: 305 mm

Ponti: 25–102 mm

Torrette: 280 mm

Barbette: 254 mm

[senza fonte]

voci di navi da battaglia presenti su Wikipedia

La HMS Audacious fu la quarta e ultima corazzata dreadnought della classe King George V costruita dalla Royal Navy nei primi anni '10. Dopo il completamento nel 1913, passò tutta la sua carriera nella Home e Grand Fleet. Fu affondata da una mina navale tedesca sulla costa nord della contea di Donegal, nell'Irlanda del Nord, nell'ottobre 1914.

Disegno e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La classe King George V fu disegnata come versione più grande e migliorata della precedente classe Orion. La Audacious ebbe una lunghezza fuoritutto di 181,2 m, un baglio massimo di 27,2 m e un'immersione di 8,7 m. Dislocava 25'830 t con carico normale e 27'560 t a pieno carico. L'equipaggio contava 860 tra ufficiali e marinai nel 1914.

Le navi della classe King George V erano propulse da due set di turbine a vapore Parsons a innesto diretto, ognuno collegato a due alberi con relative eliche, che usavano il vapore creato dalle 18 caldaie a carbone Yarrow. Le turbine, che sviluppavano 20'000 kW, furono scelte per dare alle navi la velocità di 21 nodi. Avevano un'autonomia di 5'910 miglia nautiche alla velocità di crociera di 10 nodi.

Corazzatura e armamento[modifica | modifica wikitesto]

Come la classe Orion, la classe King George V fu equipaggiata con 10 cannoni Mark V da 343 mm in 5 torrette binate idrauliche, tutte sull'asse di simmetria. Le torrette erano chiamate 'A', 'B', 'Q', 'X' e 'Y', da prua a poppa. L'armamento secondario consisteva in 16 cannoni Mark VII da 102 mm. Otto di questi erano montanti sul castello di prua, quattro sul cassero e quattro in casematte sul lato dello scafo davanti alla prima torretta a prua. Quattro cannoni da 47 mm a salve erano anche a bordo. La nave era equipaggiata anche con tre tubi lanciasiluri sommersi da 533 mm, uno su ogni fiancata e uno a poppa, con 14 siluri immagazzinati.

Le navi della classe King George V erano protette da una cintura corazzata al galleggiamento da 305 mm che si estendeva tra le barbette. I ponti veriavano di spessore tra 25 e 102 mm con la porzione più spessa a protezione della timoneria a poppa. Le torrette principali erano spesse 279 mm e sostenute da barbette spesse 254 mm.

Modifiche[modifica | modifica wikitesto]

Le fonti disponibili non citano l'aggiunta di un sistema di puntamento su si una piattaforma sopra la coffa d'avvistamento, ma evidenze fotografiche mostrano l'apparecchio visibile mentre la nave affondava.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Brooks, John (1996). "Percy Scott and the Director". In McLean, David and Preston, Antony. Warship 1996. Londra: Conway Maritime Press. pp. 150–170. ISBN 0-85177-685-X.
  • Brown, David K. (2003). The Grand Fleet: Warship Design and Development 1906–1922 (ristampa dell'ed.1999). Londra: Caxton Editions. ISBN 1-84067-531-4.
  • Burt, R. A. (1986). British Battleships of World War One. Annapolis, Maryland: Naval Institute Press. ISBN 0-87021-863-8.
  • Colledge, J. J.; Warlow, Ben (2006) [1969]. Ships of the Royal Navy: The Complete Record of all Fighting Ships of the Royal Navy (Rev. ed.). Londra: Chatham Publishing. ISBN 978-1-86176-281-8. OCLC 67375475.
  • Friedman, Norman (2015). The British Battleship 1906–1946. Barnsley, UK: Seaforth Publishing. ISBN 978-1-84832-225-7.
  • Gardiner, Robert & Gray, Randal, eds. (1984). Conway's All the World's Fighting Ships 1906–1922. Annapolis, Maryland: Naval Institute Press. ISBN 0-85177-245-5.
  • Goldrick, James (2015). Before Jutland: The Naval War in Northern European Waters, August 1914–February 1915. Annapolis, Maryland: Naval Institute Press. ISBN 978-1-59114-349-9.
  • Jellicoe, John (1919). The Grand Fleet, 1914–1916: Its Creation, Development, and Work. New York: George H. Doran Company. OCLC 13614571.
  • Massie, Robert K. (2003). Castles of Steel: Britain, Germany, and the Winning of the Great War at Sea. New York: Random House. ISBN 0-679-45671-6.
  • McCartney, Innes (2016). Jutland 1916: Archaeology of a Naval Battlefield. Londra: Conway. ISBN 978-1-84486-416-4.
  • Parkes, Oscar (1990). British Battleships (ristampa dell'ed.1957). Annapolis, Maryland: Naval Institute Press. ISBN 1-55750-075-4.
  • Scheer, Reinhard (1920). Germany's High Sea Fleet in the World War. Londra: Cassell and Company.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina