HD 68456

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HD 68456
Carina constellation map.svg
Mappa della costellazione della Carena
Classificazione bianco-gialla
Classe spettrale F5V D
Distanza dal Sole 65 anni luce[1]
Costellazione Carena
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 08h 09m 00,6701s
Declinazione -61° 18′ 08,746″
Lat. galattica 274,9741°
Long. galattica -14,9555°
Dati fisici
Raggio medio 1,83 R
Massa
1,41[2] M
Acceleraz. di gravità in superficie 4,20 logg
Temperatura
superficiale
6525 K[3] (media)
Metallicità 56% del Sole[3]
Età stimata 10 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 4,76
Magnitudine ass. 3,11
Parallasse 46,75 ± 3,38 mas
Moto proprio AR: -155,04 ± 4,10 mas/anno
Dec: -297,68 ± 3,09 mas/anno
Velocità radiale 25,0 ± 0,9 km/s
Nomenclature alternative
LTT 3067, JP11 1642, 1RXS J080901.3-611801, CD -60 2088, GJ 9254, 2MASS J08090068-6118088, SACS 177, CPC 20.1 2086, GJ 297.1, NLTT 19067, SAO 250131, CPD -60 1074, HD 68456, PPM 356535, TD1 11965, FK5 2636, HIP 39903, HR 3220

Coordinate: Carta celeste 08h 09m 00.6701s, -61° 18′ 08.746″

HD 68456 è una stella bianco-gialla nella sequenza principale di magnitudine 4,76 situata nella costellazione della Carena. Dista 65 anni luce dal sistema solare.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe. La sua posizione è fortemente australe e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero sud, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; dall'emisfero nord la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale. La sua magnitudine pari a 4,8 fa sì che possa essere scorta solo con un cielo sufficientemente libero dagli effetti dell'inquinamento luminoso.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra dicembre e maggio; nell'emisfero sud è visibile anche all'inizio dell'inverno, grazie alla declinazione australe della stella, mentre nell'emisfero nord può essere osservata limitatamente durante i mesi della tarda estate boreale.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

La stella è una bianco-gialla nella sequenza principale ma è anche una binaria spettroscopica, la cui compagna è una nana bianca all'elio; il trasferimento di massa dal progenitore della nana bianca potrebbe essere la causa dell'aspetto di vagabonda blu della principale, che appare molto più giovane rispetto alla sua effettiva età, che è di circa 10 milioni di anni.[4]

Possiede una magnitudine assoluta di 3,11 e la sua velocità radiale positiva indica che la stella si sta allontanando dal sistema solare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I. McDonald et al., Parameters and IR excesses of Gaia DR1 stars, 2017.
  2. ^ From binaries to multiples. II. Statistical data (Tokovinin, 2014)
  3. ^ a b Metallicities in the Geneva photometric system (Netopil, 2017)
  4. ^ K. Fuhrmann, R. Chini, V. H. Hoffmeister e O. Stahl, Discovery of the nearby F6V star HR 3220 as a field blue straggler, in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 416, nº 1, September 2011, pp. 391–392, Bibcode:2011MNRAS.tmp..914F, DOI:10.1111/j.1365-2966.2011.19042.x.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni