Gyroptychius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gyroptychius
Gyroptychius agassizi.JPG
Fossile di Gyroptychius agassizi
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Osteichthyes
Classe Sarcopterygii
Famiglia Gyroptychiidae
Genere Gyroptychius

Il girottichio (gen. Gyroptychius) è un pesce osseo estinto, appartenente ai sarcotterigi. Visse nel Devoniano medio/superiore (circa 385 - 375 milioni di anni fa) e i suoi resti fossili sono stati ritrovati in Europa e in Groenlandia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo pesce era di medie dimensioni, e solitamente non superava la lunghezza di 30 centimetri. Era dotato di un corpo allungato e snello; la testa era stretta, con occhi piccoli e un'apertura boccale ampia. Erano presenti due pinne dorsali, spstate all'indietro nella parte posteriore del corpo; la prima pinna dorsale era più piccola della seconda. Opposte alle due pinne dorsali, nella parte inferiore del corpo erano presenti le pinne anale e pelviche. Le pinne pettorali erano piccole e leggermente arrotondate, mentre la pinna caudale era di forma curiosa, più o meno romboidale, e appuntita nella parte posteriore. Il corpo era ricoperto da scaglie pesanti e rettangolari, disposte in file diagonali.

Fossile di Gyroptychius agassizi

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Descritto per la prima volta nel 1848 da M'Coy, il genere Gyroptychius è noto soprattutto per numerosi fossili ritrovati in terreni del Devoniano medio-superiore della Scozia, appartenenti alle specie Gyroptychius agassizi e G. milleri. Altre specie sono note in Estonia e in Lituania (G. elgae, G. grossi, G. latvicus, G. pauli), ma è possibile che alcune di queste fossero conspecifiche con le specie scozzesi. In Groenlandia sono note le specie G. groenlandicus e G. dolichotatus.

Gyroptychius a volte è stato considerato un rappresentante dei porolepiformi, un gruppo di sarcotterigi solo distantemente imparentati con gli antenati dei tetrapodi; la maggior parte delle ricerche, tuttavia, indica che Gyroptychius era un tipico rappresentante degli osteolepiformi (Osteolepiformes), vicini all'origine dei tetrapodi. Ritenuto a lungo un vero Osteolepidae, ricerche più recenti hanno indicato che questo animale faceva parte di un taxon a sé stante (Gyroptychiidae), non strettamente imparentato a Osteolepis (Borgen e Nakrem, 2016).

Fossili di Gyroptychius agassizi

Paleobiologia[modifica | modifica wikitesto]

Gyroptychius era un pesce predatore che, grazie alle pinne spostate nella parte posteriore del corpo, era in grado di compere improvvisi movimenti guizzanti grazie ai quali poteva catturare le sue prede. Gli occhi piccoli suggeriscono che Gyroptychius non si affidasse alla vista come senso principale nella caccia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A. S. Woodward. 1891. Catalogue of the Fossil Fishes in the British Museum (Natural History). Part II. Catalogue of the Fossil Fishes in the British Museum (Natural History) 2
  • Michael J. Newman, Elga Mark-Kurik, Jan L. Den Blaauwen and Ivars Zupiņš. 2015. Scottish Middle Devonian fishes in Estonia. Scottish Journal of Geology, 51, 141-147, https://doi.org/10.1144/sjg2014-006
  • Ulf J. Borgen and Hans A. Nakrem. 2016. Morphology, phylogeny and taxonomy of osteolepiform fish. Lethaia Foundation. DOI: 10.1002/9781119286448.ch1

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]