Guy de Blanchefort

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto postumo di Guy de Blanchefort

Guy de Blanchefort (Bois-Lamy comune di Moutier-Malcard (attuale Creusa), 1446Mar Mediterraneo, 1513) è stato Gran Maestro dell'Ordine degli Ospitalieri dal 1512 al 1513.

L'ombra di Pierre d'Aubusson[modifica | modifica wikitesto]

Secondo figlio di Guy III de Blanchefort e della sovrana d'Aubusson (sorella di Pierre d'Aubusson, precedentemente Gran Maestro dell'Ordine), Guy de Blanchefort entrò a far parte dell'ordine nella speranza di trarre da esso notevoli benefici, grazie anche all'influenza dello zio. Un'iscrizione ritrovata nella chiesa di San Giovanni a Bourganeuf, daterebbe la sua entrata nell'Ordine al 1486, divenendo in seguito Comandante di Morterolles e di Cipro. Quando lo zio verrà eletto Gran Maestro nel 1476, egli gli succederà nella funzione di Fran Priore della Langue d'Auvergne.

Nel settembre del 1482, a lui venne consegnata la salvaguardia di Cem, fratello del sultano, rifugiatosi presso l'ordine dopo la sua sconfitta ad opera del fratello. Albergando all'estero, a Nizza, si spostò nel Delfinato, e poté entrare quindi a Morterolles, quando l'insicurezza sulla vita del principe era stata risolta e dal 1486 al 1488 dans si recò con lui a Bourganeuf. Nel novembre del 1488, Guy de Blanchefort scortò Cem dans in un suo viaggio a Roma, dove incontrerà Innocenzo VIII nel marzo dell'anno seguente.

In questo periodo della sua vita viene visto come uno zelante esecutore degli ordini dello zio, ma si distinse anche come valente comandante militare.

Ancora scontri con l'Impero Ottomano[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 1499, una flotta turca, comandata da Kapoudan Pacha Daoud si diresse verso la costa occidentale della Grecia al fine di sbarcare un'armata che prendesse il controllo di alcune città (Modon, Coron e Navarino). La flotta francese, rinforzata per due terzi da vascelli Ospitalieri, venne assegnata al comando di Blanchefort, il quale pose la flotta in modo tale da bloccare il passaggio alla squadra ottomana. In agosto, i primi combattimenti sono a vantaggio dei francesi. In un secondo attacco, il 20 agosto, la flotta turca riuscì a penetrare nel Golfo di Patrasso. Qui la flotta francese combatté la "Grande Battaglia di Rodi". Il vantaggio dei francesi, aumentò con la scesa in campo della flotta veneta, comandata dal Generale Grimani. La flotta turca allora sbarcò sui possedimenti greci della Repubblica di Venezia e Blanchefort ripiegò in difesa di Rodi.

Nel 1512, il Capitolo dell'Ordine si riunì a Rodi, per decidere il successore di Emery d'Amboise, il quale nel frattempo era succeduto a Pierre d'Aubusson e che ora era deceduto. Blanchefort verrà scelto per questo incarico, ma morirà nel viaggio di ritorno a Rodi, nel 1513.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro e Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro e Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Charles de La Roncière, Histoire de la marine française, Paris, Plon, 1923, vol. III ("Les guerres d'Italie, la liberté des mers").
  • Gilles Rossignol, Pierre d'Aubusson, "le bouclier de la chrétienté". Les Hospitaliers à Rhodes, Besançon, La Manufacture, 1991, cartes, ill. h.t., bibliogr.
Predecessore Gran Maestro dei Cavalieri Ospitalieri Successore Blason Ordre Malte 3D.svg
Emery d'Amboise 15121513 Fabrizio del Carretto
Controllo di autoritàVIAF: (EN65163653 · GND: (DE13231021X · BAV: ADV10035325
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie