Gustavo Ghidini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giurista (n. 1941), vedi Gustavo Ghidini (giurista).
Gustavo Ghidini
Gustavo Ghidini senatore.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
In carica
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano (15 luglio 1946 - 3 febbraio 1947)

Partito Socialista Lavoratori Italiani (3 febbraio 1947 - 31 gennaio 1948)

CollegioXIV (Parma)
Incarichi parlamentari
  • vicepresidente della commissione per la costituzione (dal 19 luglio 1946 - 31 gennaio 1948)
  • presidente della terza sottocommissione (19 luglio 1946 - 31 gennaio 1948)
  • comitato di redazione (19 luglio 1946 - 31 gennaio 1948)
Sito istituzionale

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
LegislaturaI
Gruppo
parlamentare
Unità Socialista
CircoscrizioneEmilia Romagna
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Socialista Italiano di Unità Proletaria
Titolo di studioLaurea in giurisprudenza
ProfessioneAvvocato

Gustavo Ghidini (Soragna, 22 luglio 1875Parma, 11 marzo 1965) è stato un avvocato e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aderisce giovanissimo al Partito Socialista Italiano. Laureatosi in giurisprudenza all'università di Parma, si dedica alla professione forense e partecipa alla prima guerra mondiale come sottotenente di fanteria. Rientrato a Parma, diventa presidente dell'Ordine degli avvocati e procuratori.

È per quasi un decennio, fino al 1922, consigliere comunale e provinciale di Parma, nonché candidato, non eletto, alla Camera nelle elezioni del 1919, 1921 e 1924 per il Partito Socialista Italiano. Per le sue idee antifasciste subisce varie aggressioni e il suo studio legale è dato alle fiamme.

Dopo il periodo fascista e la II guerra mondiale è deputato alla Costituente per il Partito Socialista di Unità Proletaria, e membro della “Commissione dei 75”. Con la "scissione di palazzo Barberini" aderisce al PSLI. Nella I legislatura è eletto senatore in Emilia-Romagna nel collegio di Parma per la lista Unità Socialista.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]