Gustavo Óscar Zanchetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gustavo Óscar Zanchetta
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
Somos simples servadores
 
TitoloOrán
Incarichi attuali
Incarichi ricopertiVescovo di Orán (2013-2017)
 
Nato28 febbraio 1964 (55 anni) a Rosario
Ordinato presbitero13 dicembre 1991 dal vescovo Jorge Novak, S.V.D.
Nominato vescovo23 luglio 2013 da papa Francesco
Consacrato vescovo19 agosto 2013 dall'arcivescovo Andrés Stanovnik, O.F.M.Cap.
 

Gustavo Óscar Zanchetta (Rosario, 28 febbraio 1964) è un vescovo cattolico argentino, dal 19 dicembre 2017 assessore dell'Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Monsignor Gustavo Óscar Zanchetta è nato a Rosario il 28 febbraio 1964.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 dicembre 1982 ha ottenuto il diploma di tecnico meccanico elettricista presso l'Istituto industriale di La Cumbre, e quindi ha fatto qualche anno di formazione con i padri cappuccini di Quilmes. Nel 1984 ha seguito il primo anno di filosofia presso la Pontificia università cattolica argentina a Buenos Aires. Nel 1985 è entrato nel seminario "Regina degli Apostoli" di Quilmes ed ha seguito gli studi ecclesiastici nel Centro filosofico e teologico "San Toribio de Mogrovejo" di Quilmes.

Il 13 dicembre 1991 è stato ordinato presbitero per la diocesi di Quilmes da monsignor Jorge Novak. Nel 1993 è stato nominato segretario della commissione per i ministeri della Conferenza episcopale argentina. Ha quindi svolto i ministeri di vicario parrocchiale, parroco della parrocchia di San Francesco d'Assisi e amministratore parrocchiale della parrocchia di Nostra Signora del Puente a Berazategui, direttore del pre-seminario, economo del seminario maggiore, segretario del vescovo emerito di Quilmes, professore nel Profesorado de Ciencias Sagradas e nel seminario di Quilmes e consigliere del Movimiento Familiar Cristiano. Nel 2000 ha ottenuto la licenza in teologia fondamentale presso la Pontificia Università Gregoriana a Roma. Fino alla nomina episcopale è stato sottosegretario esecutivo della Conferenza episcopale argentina.

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 luglio 2013 papa Francesco lo ha nominato vescovo di Orán. Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 19 agosto successivo dall'arcivescovo metropolita di Corrientes Andrés Stanovnik, coconsacranti il vescovo di Quilmes Carlos José Tissera, il vescovo di La Rioja Marcelo Daniel Colombo, il vescovo di San Isidro Óscar Vicente Ojea Quintana e il vescovo ausiliare di Buenos Aires Enrique Eguía Seguí. La diocesi di Orán è situata nel nord del paese ed è caratterizzata dalla costante minaccia del narcotraffico, da povertà e altre problematiche.

Il 29 luglio 2016 monsignor Zanchetta si è allontanato dalla sua diocesi, giustificandosi qualche giorno dopo con una lettera in cui ha parlato di un problema di salute non meglio precisato[1]. Qualche giorno dopo Gabriel Acevedo, vicario generale della diocesi ha comunicato alla Conferenza episcopale argentina che Zanchetta era ospite dell'arcidiocesi di Corrientes dell'arcivescovo Andrés Stanovnik[1]. Due mesi dopo Zanchetta è tornato in pubblico alla cerimonia di apertura dell'anno scolastico dell'Università ecclesiastica di San Damaso, senza mostrare problemi di salute evidenti[1].

Il 19 dicembre 2017 papa Francesco lo ha nominato assessore dell'Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica.[1] Il ruolo di assessore di questo dicastero, l'organismo centrale nell'amministrazione patrimoniale del Vaticano, è del tutto inedito. Perciò non è chiaro quali saranno esattamente le sue funzioni né se per adempiervi dovrà trasferirsi necessariamente a Roma[1].

Alla fine del 2018 viene accusato da tre seminaristi di violenze sessuali e da altri dieci di abusi di potere e di una cattiva gestione finanziaria[2] In seguito all'indagine Zanchetta dovrà astenersi dal suo incarico.[2]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Andres Beltramo Álvarez, Argentina, da vescovo “malato” ad assessore in Vaticano, in La Stampa (Città del Vaticano), 19 dicembre 2017. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  2. ^ a b salvatore cernuzio, Sotto indagine per abusi il vescovo argentino assessore dell’Apsa, in La Stampa, 4 gennaio 2019. URL consultato il 20 gennaio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]