Gustav Storm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gustav Storm (Rendalen, 18 giugno 1845Bygdøy, 23 febbraio 1903) è stato uno storico norvegese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Rendalen, era il figlio di Ole Johan Storm e di Hanna Jørgine Mathilde Breda. La famiglia si trasferì a Lardal, dove suo padre era un vicario. Quando Gustav aveva cinque anni, suo padre morì, e la famiglia successivamente si trasferì a Christiania. Era il fratello di Johan Storm.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Studiò Filologia presso l'Università degli Studi di Christiania, diplomandosi nel 1868. In seguito ha lavorato come insegnante per alcuni anni e svolse attività di ricerca nei campi della filologia della storia. Tra le sue opere vi erano Snorre Sturlassøns Historieskrivning, en kritisk Undersøgelse (1873) e Sagnkredsene om Karl den Store og Didrik af Bern hos de nordiske Folk (1874)[1]. È stato nominato professore di storia nel 1877[2].

Divenne una persona centrale nella ricerca della storia e dell'educazione all'università[1]. Ha presieduto la Kildeskriftforeningen (1886-1903), e la Norwegian Historical Association (1899-1903). È stato segretario generale della società scientifica, della Norwegian Academy of Science and Letters (1884-1903). Tra le sue pubblicazioni vi sono Trattato della battaglia di Hafrsfjord, studio sui viaggi di vichinghi a Vinland e la scoperta del continente americano di Colombo[1].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 23 febbraio 1903 a Bygdøy[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Om den gamle norrøne literatur (1869)
  • Snorre Sturlassøns Historieskrivning, en kritisk Undersøgelse (1873)
  • Sagnkretsene om Karl den Store og Didrik af Bern hos de nordiske folk (1874)
  • Kritiske bidrag til vikingetidens historie (1876)
  • Ragnar Lodbrok og Lodbrokssønnerne (1877)
  • Vikingetidens tidligste udgangspunkter (1879)
  • Studier over Vinlandsreiserne, Vinlands Geografi og Etnografi (1888)
  • Maria Stuart (1891)
  • Christofer Columbus og Amerikas opdagelse (1892)
  • Olav den Hellige (1893)
  • Norges gamle Vaaben, Farver og Flag (1894)
  • Snorre Sturlasons Norges Kongesagaer (1896–99)
  • Dronning Margretes valg i i Norge (1900)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze norvegesi[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine reale norvegese di Sant'Olav
— 1901

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica
Cavaliere dell'Ordine della Spada - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Spada
— [3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (NO) Ottar Dahl, Gustav Storm, in Helle, Knut (a cura di), Norsk biografisk leksikon, Oslo, Kunnskapsforlaget. URL consultato il 12 marzo 2010.
  2. ^ (NO) Gustav Storm, in Store norske leksikon, Oslo, Kunnskapsforlaget. URL consultato il 12 marzo 2010.
  3. ^ O. Delphin Amundsen, Den kongelige norske Sankt Olavs Orden, Oslo, Grøndahl, 1947, pp. 64–65.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN34816053 · ISNI: (EN0000 0001 0856 559X · LCCN: (ENn79103720 · GND: (DE101199538 · BAV: ADV10014209
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie