Gunnar Heiberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gunnar Heiberg

Gunnar Heiberg (Christiania, 18 novembre 1857Oslo, 22 febbraio 1929) è stato un drammaturgo norvegese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu seguace di Henrik Ibsen per temi, quali l'indagine della società, e per le modalità espressive, prevalentemente naturalistiche,[1] ma contribuì con i suoi lavori anche alla diffusione della corrente letteraria dell'espressionismo e scrisse pezzi che per una loro componente provocatrice sollevarono scandali tali da passare nella storia del teatro norvegese. Tra le tematiche trattate, oltre a quelle sociali, ebbe una certa importanza quella dell'erotismo.

Fu autore di Zia Ulrica (1883), il suo dramma d'esordio nel quale approfondì i nascenti ideali socialisti e comunisti, Re Mida (1890), La tragedia dell'amore (1904), Vorrei proteggere il mio paese (1912).

Heiberg si dedicò lungamente allo studio storico della drammaturgia del suo Paese, svolgendo anche l'attività di saggista e di critico.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le Muse, vol. 5, Novara, De Agostini, 1965, p. 492.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN51793767 · LCCN: (ENn83800366 · ISNI: (EN0000 0000 8130 3177 · GND: (DE119361388 · BNF: (FRcb124984690 (data)