Gunnar Gunnarsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gunnar Gunnarsson

Gunnar Gunnarsson (Fljótsdalur, 18 maggio 1889Reykjavík, 21 novembre 1975) è stato uno scrittore islandese.

Di sicuro il più importante esponente in assoluto della letteratura islandese, nato da una famiglia di contadini si trasferì giovane in Danimarca per completare i suoi studi e dove iniziò la sua attività letteraria. Dopo l'esordio con il romanzo La famiglia di Borg (1914), sfornò i suoi capolavori Beati i semplici (1920) e La chiesa sulla montagna (1928). Dopo il romanzo L'uccello nero (1929), tornò in Islanda nel 1939. Il pastore d'Islanda (1936)

Le sue opere ottennero un grande successo anche in Germania grazie al quale furono anche tradotte in italiano all'inizio degli anni quaranta.

Scrisse tutti i suoi romanzi in danese e una volta tornato in Islanda iniziò a tradurli lui stesso nella sua lingua madre. È stato più volte candidato al Premio Nobel per la letteratura.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN103211586 · ISNI (EN0000 0001 1080 0675 · LCCN (ENn79106319 · GND (DE116927054 · BNF (FRcb12027370j (data)