Guinea Pig (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Cavia
Titolo originale Guinea Pig - La cavia
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Italia
Anno 2006
Durata 17 min
Genere drammatico
Regia Antonello de Leo
Sceneggiatura Antonello de Leo e Domenico Saverni
Produttore Floria Aprea
Fotografia Marco Onorato
Musiche Marco Schiavoni
Trucco Andrea Marchi
Interpreti e personaggi

Guinea Pig o anche La cavia (espressione inglese che significa "cavia da laboratorio") è un cortometraggio diretto dal regista Antonello de Leo e prodotto da Floria Aprea.

Il cortometraggio ha lanciato nel mondo cinematografico l'atleta Fiona May e ha ricevuto il patrocinio di Amnesty International Italia perché ritenuta opera coraggiosa ed utile alla causa della lotta contro la tortura perpetrata nel mondo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una donna nera, per poter curare la propria bambina malata, quale ultima risorsa decide di sottoporsi, per denaro, a un esperimento scientifico che ben presto si rivelerà una vera e propria tortura. Al termine dell'esperimento, però, si scoprirà che la vera cavia non è lei, bensì l'assistente dello sperimentatore. L'assistente sottopone la "cavia" a scosse elettriche, e ne riconosce la dolorosità e i danni apportati alla donna. All'ordine del professore di continuare a somministrare scariche letali, egli inizialmente si oppone, ma poi si sottomette all'autorità. È preso dai sensi di colpa quando, il giorno dopo, vede la donna che egli stesso aveva visto morire per mano propria, viva e sorridente, senza alcun danno psicofisico: si rende quindi conto di essere stato vittima di un esperimento condotto dai militari per reclutare potenziali torturatori.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema