Guillermo Giacomazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guillermo Giacomazzi
Giacomazzi (edited).JPG
Giacomazzi al Lecce nel 2013
Nome Guillermo Gonzalo Suarez Giacomazzi
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 185 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo difensore, centrocampista
Ritirato 22 agosto 2015
Carriera
Giovanili
1995-1997 Bella Vista
Squadre di club1
1998-1999 Bella Vista 53 (10)
1999-2001 Peñarol 34 (0)
2001-2007 Lecce 155 (25)
2007 Palermo 7 (0)
2007-2008 Empoli 20 (0)
2008-2013 Lecce 161 (18)[1]
2013-2014 Siena 38 (4)
2014-2015 Perugia 25 (1)[2]
Nazionale
2000-2006 Uruguay Uruguay 17 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2015

Guillermo Giacomazzi (Montevideo, 21 novembre 1977) è un ex calciatore uruguaiano, di ruolo centrocampista. Possiede il passaporto italiano.

Con 197 presenze è il calciatore del Lecce con più presenze in Serie A[3] e il secondo con più presenze in tutte le categorie (316).

Nella sua carriera ha agito saltuariamente anche come difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni in patria[modifica | modifica wikitesto]

Debutta nel campionato uruguaiano nella stagione 1997-1998 con il Bella Vista, dove gioca per due stagioni, collezionando 53 presenze e 10 gol. Dal 1999 al 2001 veste la maglia del Peñarol, la squadra più prestigiosa dell'Uruguay, totalizzando 34 presenze.

Lecce[modifica | modifica wikitesto]

Le sue prestazioni attirano l'attenzione del direttore sportivo del Lecce Pantaleo Corvino, che lo acquista insieme al connazionale Javier Ernesto Chevantón. Giacomazzi esordisce nella Serie A italiana nella prima giornata della stagione 2001-2002, in Lecce-Parma 1-1, il 26 agosto 2001.

Nel 2004-2005 è uno dei protagonisti dell'ottima annata del club giallorosso, giocando 34 gare e realizzando 5 gol. La stagione 2005-2006, la sua quinta consecutiva in maglia giallorossa, è impreziosita da alcuni gol di pregevole fattura, nonostante i numerosi problemi fisici tengano Giacomazzi lontano dai campi di gioco per lunga parte dell'annata. Il suo rientro in squadra nelle ultime partite di campionato è decisivo per il buon rendimento del Lecce, ma non riesce a evitare la retrocessione in Serie B. Alla fine della stagione il bilancio è di 14 presenze e 3 gol. Nel 2006-2007, malgrado una concreta offerta estiva del Bolton, inizia la sua sesta stagione di fila con il Lecce, conclusasi a gennaio con l'approdo al Palermo.

Nella prima parte di carriera trascorsa nelle file del Lecce ha giocato in 4 campionati di Serie A e uno e mezzo in Serie B, scendendo in campo in 156 partite e segnando 25 gol. A queste presenze si aggiungono le 8 apparizioni in Coppa Italia. Questi numeri lo consacrano come autentica bandiera nella storia della squadra salentina. Nello scorcio di stagione 2006-2007 disputato con la maglia giallorossa ha vestito la fascia di capitano.

Le brevi parentesi con Palermo ed Empoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 gennaio successivo, nell'ultimo giorno del calciomercato invernale del 2007, si trasferisce in prestito al Palermo, in Serie A, nell'ambito di uno scambio di prestiti con Gianni Munari. In Sicilia colleziona solo scampoli di partita per il resto della stagione, scendendo spesso in campo nei minuti finali.

Il 5 luglio 2007, dopo il rientro dal prestito di Palermo, viene ceduto in prestito (con diritto di riscatto per la controparte) dalla squadra salentina all'Empoli. Totalizza 20 presenze in Serie A.

Ritorno a Lecce[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate seguente fa ritorno al Lecce, con cui segna il primo gol stagionale dei giallorossi in Serie A il 28 settembre 2008 nella partita Lecce-Cagliari (2-0). Il 10 maggio 2009, in Lecce-Napoli (1-1), diventa il giocatore del Lecce con più presenze in Serie A (128), superando il precedente primato di Luigi Piangerelli.[3] Alla fine della stagione la cifra salirà a 132.

Veste la fascia di capitano anche nell'annata seguente, in Serie B. Il 19 settembre 2009 in Lecce-Crotone 0-0 colleziona la 200ª presenza in maglia giallorossa tra campionato e coppe, entrando nella storia del club salentino e nell'élite dei pochi calciatori con più di 200 presenze.[4] Nel campionato che segna il ritorno del Lecce in Serie A Giacomazzi scende in campo 40 volte, saltando solo due partite e realizzando 5 gol. Il 30 maggio 2010 alza al cielo la Coppa Ali della Vittoria, assegnata al club primo classificato in serie cadetta. Con il contratto scaduto da sei giorni, il 6 luglio 2010 firma un nuovo accordo quadriennale coi pugliesi.[5] Chiude la stagione 2011-2012 con 33 presenze e 3 reti in campionato.

Nella stagione successiva, che vede il Lecce retrocesso in Lega Pro Prima Divisione per lo scandalo calcioscommesse, raggiunge quota 292 presenza con la maglia giallorossa diventando così il secondo calciatore del Lecce con più presenze in tutte le categorie alle spalle della bandiera Michele Lorusso. Il 25 novembre 2012 realizza un gol contro la Reggiana, segnando così nelle prime tre categorie del calcio professionistico italiano con la maglia del Lecce.

Con l'arrivo di Fabrizio Miccoli nel luglio 2013, Giacomazzi non è più il capitano del Lecce per decisione del tecnico Francesco Moriero.[6] Da questa decisione dell'allenatore scaturisce la reazione del centrocampista uruguaiano, che lascia il ritiro dei giallorossi[7][8] e il 1º agosto seguente rescinde il contratto che lo legava al club salentino fino al giugno 2014.[9]

Siena e Perugia[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 2013 si trasferisce al Siena, in Serie B,[10] dove prende la maglia numero 29.[11] Debutta in maglia bianconera nella prima partita utile, cioè il secondo turno di Coppa Italia vinta per 4-1 sul Pisa e disputata l'11 agosto 2013, giocando titolare.[12]

Il 22 luglio 2014, dopo la mancata iscrizione del club senese al nuovo campionato cadetto, rimane svincolato.[13] Il 14 agosto successivo si accorda quindi con il Perugia,[14] neopromosso proprio in Serie B; con gli umbri raggiunge a fine stagione i play-off, persi al turno preliminare contro il Pescara.

Il 22 agosto 2015 annuncia il suo ritiro dal calcio giocato all'età di 37 anni dopo 20 anni di carriera tra cui 14 in Italia.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale uruguaiana ha disputato 17 partite. Ha esordito il 3 giugno 2000.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2017 inizia a frequentare il corso da allenatore a Coverciano per il patentino di Serie D.[15]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 26 maggio 2015.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1998 Uruguay Bella Vista PD 25 6 - - - - - - - - - 25 6
1999 PD 28 4 - - - - - - - - - 28 4
Totale Bella Vista 53 10 - - - - - - 53 10
2000 Uruguay Peñarol PD 18 0 - - - - - - - - - 18 0
2001 PD 16 0 - - - - - - - - - 16 0
Totale Peñarol 34 0 - - - - - - 34 0
2001-2002 Italia Lecce A 30 7 CI 0 0 - - - - - - 30 7
2002-2003 B 36 8 CI 2 0 - - - - - - 38 8
2003-2004 A 23 0 CI 1 0 - - - - - - 24 0
2004-2005 A 34 5 CI 4 0 - - - - - - 39 5
2005-2006 A 14 3 CI 0 0 - - - - - - 14 3
2006-gen. 2007 B 18 2 CI 1 0 - - - - - - 19 2
gen.-giu. 2007 Italia Palermo A 7 0 CI - - CU - - - - - 7 0
2007-2008 Italia Empoli A 20 0 CI 0 0 CU 1 0 - - - 21 0
2008-2009 Italia Lecce A 30 2 CI 0 0 - - - - - - 30 2
2009-2010 B 40 5 CI 2 0 - - - - - - 42 5
2010-2011 A 32 3 CI 0 0 - - - - - - 32 3
2011-2012 A 33 3 CI 1 0 - - - - - - 34 3
2012-2013 1D 22+4[16] 5 CI+CI-LP 2+1 1+0 - - - - - - 29 6
Totale Lecce 312+4 43 13 1 - - - - 329 44
2013-2014 Italia Siena B 38 4 CI 4 1 - - - - - - 42 5
2014-2015 Italia Perugia B 25+1[16] 1 CI 2 0 - - - - - - 27 1
Totale carriera 489+5 58 19 2 1 0 - - 516 60

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lecce: 2009-2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]