Guillaume Cureau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Guillaume Cureau (La Rochefoucauld, 1595 circa – Bordeaux, 23 febbraio 1648) è stato un pittore francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu attivo nel 1620 ad Angoulême poi nel 1622 a Bordeaux, parrocchia di Saint-Éloi, allievo del pittore Jos(eph) Roy, alla morte del quale divenne pittore dell'Hôtel de Ville di Bordeaux, dal quale ebbe l'incarico, fra gli altri, di dipingere le effigi dei giurati e dei sindaci. Nel 1625 egli reclamò il pagamento dei ritratti di: Lacroix, Marot (o Maron), Vignoles, de Chimbaud, Dupin de Tortaty, Constant, Fouques e Bordenabe. Dal 1633 al 1635 dipinse le volte del castello di Cadillac. I ritratti dei giurati e dei sindaci furono resi alle rispettive famiglie dopo il loro decesso (o la cessazione delle loro funzioni), per cui ai nostri giorni rimane in possesso della città, dopo le vendite all'asta da parte dei rivoluzionari e l'incendio dell'Hôtel de Ville, un solo esemplare, quello di Mullet, signore de La Tour.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Messire de Mullet, olio su tela di 69 per 57, Bordeaux, museo delle Arti decorative, deposito del museo delle Belle Arti. Acquistato dal comune nel 1856.

Nel 1646 un retablo fu commissionato dall'Hôtel de Ville di Bordeaux al falegname bordolese Raymond Caussade, che comprendeva i seguenti dipinti:

  • San Mommolino che guarisce un posseduto, [1] Bordeaux, Abbaziale di Sainte-Croix, olio su tela, 2,23 per 1,67, 1647; questo dipinto, restaurato nel 1988, è lacerato nella parte inferiore
  • San Mauro guarisce un ammalato,[1] Bordeaux, Abbaziale di Sainte-Croix, olio su tela, 2,41 per 1,83.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Gustave Brunet, Notes sur les peintres de la mairie de Bordeaux, Archives de l'art français, recueil de documents inédits relatifs à l'histoire de l'art en France, publiées sous la direction de Ph. de Chennevières, tome deuxième, 1852-1853, p. 125-127 Disponible sur Google Livres sous le titre Nouvelles recherches sur la vie et les ouvrages d'Eustache Le Sueur.
  • (FR) Charles Marionneau, Description des œuvres d'art qui décorent les édifices publics de la ville de Bordeaux, 1861 (Le tableau de saint Mommolin, non identifié, est longuement décrit. Cet ouvrage est sur Google Livres.)
  • (FR) Charles Braquehaye, Les peintres de l'Hôtel de Ville de Bordeaux et des entrées royales depuis 1525, Paris-Bordeaux, 1898, p. 119.
  • (FR) Bertrand, directeur d'école à La Rochefoucauld, Le Peintre Guillaume Cureau, Études Locales, 4e année, n° 38, février 1924, p. 56-58.
Controllo di autoritàVIAF (EN218479689 · ISNI (EN0000 0003 5967 1733