Guido Rossi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'ex rugbista a 15 italiano di ruolo pilone, vedi Guido Rossi (rugbista).
Guido Rossi

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature X
Gruppo
parlamentare
Misto
Circoscrizione Lombardia
Collegio Milano V
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PCI-Sinistra Indipendente
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione Giurista

Guido Rossi (Milano, 16 marzo 1931) è un giurista e avvocato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in Giurisprudenza all'Università di Pavia nel 1953, conseguendo nel giugno 1954 il Master of Laws all'Università di Harvard[1]. Già docente universitario di Diritto commerciale e di Diritto privato comparato a Trieste, Venezia, Pavia e Milano, nel 1981 viene nominato presidente della Consob[1]. Eletto senatore per la Sinistra Indipendente nella X Legislatura (dal 1987 al 1992), è stato promotore della legislazione antitrust in Italia[2]. In seguito ha guidato la Ferfin-Montedison e la Telecom Italia[1].

Per un anno ha tutelato gli interessi della banca olandese Abn Amro[1]. Nel 2003 ha difeso il presidente di Capitalia Cesare Geronzi, coinvolto negli scandali Cirio e Parmalat[1]. Nel 2006 viene nominato commissario straordinario della Figc per gestire la situazione di emergenza creatasi dopo lo scandalo di Calciopoli. Il 15 settembre 2006, dopo le dimissioni di Marco Tronchetti Provera, viene nominato nuovamente presidente di Telecom Italia[1], incarico che lascerà il 6 aprile 2007. L'anno successivo è diventato consulente della Fiat, nel tentativo di rilanciare la società in crisi di vendite.[1]

Il 4 maggio 2011 è stato nominato garante etico della Consob, carica dalla quale si è dimesso il 26 ottobre 2012.[3]

In passato è stato direttore responsabile della Rivista delle Società e direttore della rivista Banca, Borsa e Titoli di Credito, nonché editorialista del Sole 24 Ore.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Perplessità e controversie sono nate dalla possibilità che Rossi all'epoca del commissariato in FIGC durante Calciopoli, non potesse essere una personalità super partes e garante di imparzialità.[4] Rossi, prima di essere nominato commissario straordinario, aveva già fatto parte, dal 1995 e per quattro anni, del CdA dell'Inter.[1] Il 26 luglio 2006, dopo aver delegato lo studio dell'argomento a un comitato di tre saggi (Gerhard Aigner, Massimo Coccia e Roberto Pardolesi), la commissione presieduta da Rossi decise di assegnare a tavolino il titolo di campione d'Italia (rimasto non assegnato in seguito al verdetto della giustizia sportiva) per la stagione 2005-2006 alla stessa Inter a causa delle penalizzazioni della Juventus e del Milan.

La polemica sulle discusse scelte di Rossi e sulla loro discrezionalità è continuata quando in un'intervista al Corriere della Sera, l'ex presidente della Figc Franco Carraro ha detto che Rossi sull'assegnazione del titolo era stato forse mal consigliato dai suoi esperti.[4] A queste parole ha risposto Aigner, smentendo categoricamente questa possibilità, specificando che il suo compito e quello degli altri "saggi" consultati da Rossi era quello di verificare se gli statuti e i regolamenti di Uefa, Figc e Lega davano la possibilità al commissario di creare una classifica diversa dopo la penalizzazione di alcune società.[4][5] Secondo le norme, per Aigner, c'era questa possibilità e il compito dei saggi si è limitato a confermarlo a Rossi. Ha inoltre detto che l'assegnazione dello scudetto è stata decretata dallo stesso Rossi senza l'ausilio dei "saggi".[4][5] Rossi, dal canto suo, ha sempre negato di essere stato condizionato nelle sue scelte, confermando che lo scudetto 2006 non era stato assegnato da lui ma da Moggi con i suoi comportamenti.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h Guido Rossi, Il Sole 24 Ore. URL consultato l'8 marzo 2017.
  2. ^ Rossi: "La mia verità su Telecom Tronchetti mi ha eliminato", la Repubblica, 6 aprile 2007.
  3. ^ Guido Rossi lascia la Consob Era garante del Codice Etico, la Repubblica, 26 ottobre 2012.
  4. ^ a b c d Aigner: "Scudetto 06 all'Inter? Una decisione di Guido Rossi", Libero, 8 luglio 2011.
  5. ^ a b c Rossi: «Titolo 2006? Colpa di Moggi e Carraro», Tuttosport, 13 maggio 2010.
  6. ^ Rossi: "Lo scudetto 2006 non l'ho assegnato io", La Gazzetta dello Sport, 13 maggio 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il fallimento nel diritto americano, CEDAM, 1956, ISBN 88-13-10663-7;
  • Utili di bilancio, riserve e dividendo, Giuffrè, 1957;
  • L'avallo come garanzia cambiaria tipica, Giuffrè, 1962;
  • Persona giuridica, proprietà e rischio d'impresa, Giuffrè, 1967;
  • Trasparenze e vergogna. Le società e la borsa, Il saggiatore, 1982;
  • La scalata del mercato: la borsa e i valori mobiliari, Il Mulino, 1986, ISBN 88-15-01123-4;
  • Il ratto del Sabine, Adelphi, 2000, ISBN 88-459-1559-X;
  • Il conflitto epidemico, Adelphi, 2003, ISBN 88-459-1791-6;
  • Capitalismo opaco (con Federico Rampini), Laterza, 2005, ISBN 88-420-7649-X;
  • Il gioco delle regole, Adelphi, 2006, ISBN 88-459-2014-3;
  • Il mercato d'azzardo, Adelphi, 2008, ISBN 88-459-2241-3;
  • Perché filosofia, Editrice San Raffaele, 2008, ISBN 88-86270-59-3;
  • Possibilità economiche per i nostri nipoti?, Adelphi Edizioni, 2009;
  • Non rubare, Il Mulino, 2010;
  • Quei maniaci chiamati collezionisti, Archinto Editrice, 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Un breve ritratto di Guido Rossi su The Economist, 9 dicembre 2006.

Controllo di autorità VIAF: (EN67880645