Guido Guidi (meteorologo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Guido Guidi (Marino, 19 agosto 1968) è un meteorologo e militare italiano, nel grado di tenente colonnello dell'Aeronautica Militare assegnato al Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare. Dal 15/07/2011 è iscritto all'Ordine dei Giornalisti di Roma come pubblicista ([1]).

Volto noto delle trasmissioni televisive sulle previsioni meteorologiche[1] su Rai 1, Rai 2 e Rai 3 (Meteo1, Meteo2, Meteo3) assieme ad altri suoi colleghi dell'Aeronautica, è una figura presente in vari gruppi di studio e convegni[2], o come esperto per la stampa[3]. Con la sua collaborazione è nato il sito Climate Monitor, sui mutamenti climatici, che ha preso varie iniziative e interventi[4] e dove ha assunto posizioni "scettiche" nei confronti dei cambiamenti climatici di origine antropica (riscaldamento globale). Ha partecipato nel 1996 alla 13ª Spedizione Italiana in Antartide e, con il CNMCA (Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica), a varie missioni in operazioni di mantenimento della pace per ONU e NATO[5].

Nel 2016 gli è stato assegnato l'EMS Broadcast Meteorologist Award nel corso dell'assemblea annuale dell'European Meteorological Society tenutasi nella città di Trieste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ilgiornaledirieti.it. URL consultato il 4 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  2. ^ camera.it;[collegamento interrotto] meteo.ing.unibo.it Archiviato il 30 settembre 2010 in Internet Archive.
  3. ^ avvenire.it: Archiviato il 19 aprile 2010 in Internet Archive. ilfoglio.it Archiviato il 6 aprile 2010 in Internet Archive.
  4. ^ meteogiornale.it; umfvg.org
  5. ^ festivalvillabasilica.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]