Guglielmo di Loritello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo di Loritello
Conte di Loritello
In carica 1137
(successivamente e fino al 1154, la Contea fu appannaggio della Corona siciliana)
Predecessore Roberto II di Loritello
Successore Roberto II di Bassavilla
Nome completo Guglielmo d'Altavilla
Nascita  ?
Morte  ?
Dinastia Altavilla
Padre Roberto II di Loritello
Religione Cattolicesimo

Guglielmo di Loritello (... – ...) nel 1137 ereditò la contea ed il titolo dal padre, il conte Roberto II di Loritello.

Apparteneva alla casa degli Altavilla e regnò per breve tempo sulla Contea di Loritello, attuale Rotello.

Subito dopo la sua successione, l'Imperatore Lotario II discese la penisola con un grande esercito per combattere le pretese sull'[Italia meridionale]] del re Ruggero II di Sicilia, che si rifugiò sull'isola. Guglielmo incontrò Lotario sul fiume Pescara, gli rese omaggio e gli aprì le porte di Termoli e del Sud Italia (stessa politica adottata dal Conte Ugo II di Molise).

Poco tempo dopo, però, Lotario decise di tornare in Germania e su Guglielmo, che per primo aveva accolto amichevolmente l'imperatore, si abbatté la punizione di re Ruggero che, presumibilmente, gli confiscò per sempre la contea. Nel 1154, Ruggero II, sul letto di morte, chiese a suo figlio Guglielmo I di assegnare il territorio di Loritello al conte di Conversano, Roberto II di Bassavilla, che assunse, quindi, anche il titolo di conte di Loritello.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Conte di Loritello Successore
Roberto II di Loritello 1137 Roberto II di Bassavilla
(dal 1154)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]