Guglielmo Nasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guglielmo Ciro Nasi
Guglielmo Nasi.gif

Viceré d'Etiopia
Durata mandato 6 luglio 1941 - 27 novembre 1941
Monarca Vittorio Emanuele III d'Italia
Capo del governo Benito Mussolini
Predecessore Pietro Gazzera
Successore carica abolita

Governatore dei Amara
Durata mandato 19 maggio 1941 - 27 novembre 1941
Predecessore Luigi Frusci
Successore carica abolita

Governatore militare del Somaliland
Durata mandato 19 agosto 1940 - ottobre 1940
Predecessore carica istituita
Successore Carlo De Simone

Governatore dello Scioa
Durata mandato 5 maggio 1939 - 2 giugno 1940
Predecessore Enrico Cerulli
Successore Giuseppe Daodice

Governatore dell'Harar
Durata mandato 1º giugno 1936 - 5 maggio 1939
11 giugno 1940 - 4 febbraio 1941
Predecessore carica istituita
Successore Enrico Cerulli

Vicegovernatore della Cirenaica
Durata mandato giugno 1934 - aprile 1935
Predecessore Rodolfo Graziani
Successore carica abolita

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXX
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione delle Forze armate
  • Membro della Commissione degli affari dell'Africa italiana

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Titolo di studio Scuola militare
Professione Militare

Guglielmo Ciro Nasi (Civitavecchia, 21 febbraio 1879Modena, 21 settembre 1971) è stato un generale e politico italiano, alto ufficiale del Regio Esercito che prestò gran parte del suo servizio nell'Africa Orientale Italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Guglielmo Nasi

Nacque a Latina il 21 febbraio 1879, e dopo essersi arruolato nel Regio Esercito entrò nella Regia Accademia Militare di Modena, da cui uscì con il grado di sottotenente, assegnato all'Arma di artiglieria. Nel 1905 fu promosso tenente, e nel 1912 fu inviato in Libia con il grado di capitano, in forza all'8º Reggimento d'artiglieria. L'anno successivo si distinse nel combattimento di Saf Saf (1º luglio), venendo decorato con una Medaglia d'argento al valor militare. Dopo l'entrata in guerra dell'Italia, avvenuta il 24 maggio 1915, si distinse in forza all'artiglieria, in particolare nel corso del 1917, ed al termine del conflitto risultava decorato con altre tre Medaglia d'argento al valor militare, ed aveva raggiunto il grado di tenente colonnello. Nel 1924 assunse il comando del 3º reggimento d'artiglieria, e l'anno successivo fu nominato addetto militare a Parigi dove rimane per 3 anni fino al 1928. In quell'anno rientrò in Patria per essere quindi inviato nelle colonie africane in qualità di Capo di Stato Maggiore delle truppe coloniali, ricoprendo l'incarico di Vice-governatore della Cirenaica italiana dal 1934 al 1935.

In Africa Orientale Italiana[modifica | modifica wikitesto]

Dopo lo scoppio della guerra d'Etiopia, Nasi fu impegnato sul fronte sud al comando della 1ª Divisione fanteria "Libia", alle dipendenze del generale Rodolfo Graziani. In questo frangente portò le sue truppe a scontrarsi con le truppe etiopi al comando di Wehib Pascià, un generale turco al servizio dell'imperatore etiopico. Wehib cercò di attirare l'armata italiana in una trappola facendola spingere il più possibile nel deserto dell'Ogaden. Ma nello svolgimento di tale operazione i reparti italiani al comando di Nasi, e del generale Franco Navarra, fecero fallire l'operazione infliggendo gravissime perdite agli abissini e mettendo a repentaglio la stessa sopravvivenza dell'armata di Wehib Pascià.

Al termine della campagna d'Etiopia fu nominato governatore dell'Harar, ricoprendo tale incarico dal 1936 al 1939, quando assunse quello di governatore dello Scioa che ricoprì fino al 1940 (cumulando anche la carica con quella di vice governatore dell'AOI). La sua politica di governo fu caratterizzata da una forte azione moralizzatrice dell'amministrazione civile e militare. Si dimostrò anche un abile diplomatico nella gestione delle relazioni con le diverse tribù indigene, alternando l'utilizzo della forza con la trattativa.

Sostenne, inoltre, il viceré Amedeo d'Aosta nella sua azione di collaborazione con i notabili, inclusi i dissidenti, e in quella di avvicinamento alle popolazioni etiopi. Con l'entrata in guerra dell'Italia, avvenuta il 10 giugno 1940, venne inoltre nominato comandante in capo dello scacchiere Est delle Forze armate dell'Africa Orientale Italiana. In questo ruolo organizzò e guidò personalmente una fortunata campagna contro il Somaliland britannico, impiegando gli ascari.

La battaglia di Gondar[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Gondar.

L'ultima piazzaforte nell'Africa orientale italiana fu completamente conquistata dagli inglesi a Gondar (Etiopia), nel novembre 1941. Nei mesi precedenti, l'equilibrio delle forze nel corno d'Africa cambiò decisamente costringendo le forze italiane ad assumere una posizione difensiva. Nasi, rimasto completamente isolato, combatté la battaglia di Gondar. Il 27 novembre 1941 iniziò l'attacco finale degli inglesi diretto subito sull'aeroporto di Azozo. Nella mattinata cadde Azozo e le truppe britanniche raggiunsero il castello di Fasilades.

Alle 14.30 il generale Guglielmo Nasi inviò in Italia l'ultimo dispaccio: "La brigata di riserva, lanciata sul fronte sud, non è riuscita a contenere l'attacco. Il nemico ha già superato il reticolato e i mezzi blindati sono penetrati in città. Ritengo esaurito ogni mezzo per un'ulteriore resistenza ed invio i parlamentari". Poco dopo il comando italiano di Gondar, locato nella Banca d'Italia, fu preso d'assalto e costretto alla resa. Il 30 novembre deposero le armi gli italiani negli ultimi presidi che ancora resistevano. Guglielmo Nasi fu l'ultimo comandante italiano ad arrendersi nell'Africa Orientale Italiana il 28 novembre 1941. Fatto prigioniero, fu inviato in un campo di prigionia nel Kenya insieme al duca Amedeo d'Aosta, e quando costui morì, Nasi assunse la leadership dei circa 60.000 prigionieri italiani.

Dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 con gli Alleati della seconda guerra mondiale, si schierò con il governo del Maresciallo d'Italia Pietro Badoglio. Gli fu consentito di rientrare in Italia solo nel novembre 1945 per presentarsi davanti all'Alta Corte di Giustizia e difendersi dalla denuncia presentata contro di lui dall'Alto Commissario per le sanzioni contro il fascismo. Prosciolto nel corso di quello stesso anno, nel 1949 venne designato a ricoprire la carica di "Commissario straordinario al trapasso" in Somalia tra l'uscente amministrazione britannica e la nuova Amministrazione fiduciaria italiana della Somalia.

Sull'onda delle proteste del governo etiopico, espresse direttamente dall'imperatore Haile Selassie al governo italiano e riprese nel parlamento italiano dalla sinistra, il Consiglio dei ministri decise di revocargli l'incarico e di sopprimere la stessa figura di Commissario straordinario. Le proteste etiopiche furono collegate al fatto che il suo nome risultava fra quelli dei Criminali di guerra denunciati dal governo etiopico alle Nazioni Unite. Si spense a Modena il 21 settembre 1971. Lo storico Angelo Del Boca, tra i massimi studiosi del colonialismo italiano, lo considerò il migliore ufficiale del Regio Esercito presente in A.O.I.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
— 19 settembre 1918[1]
Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine militare di Savoia
— 26 giugno 1924[1]
Commendatore dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine militare di Savoia
— 1º luglio 1937[1]
Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine militare di Savoia
— 31 luglio 1939[1]
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Diede prova di grande energia e coraggio nella condotta dei suoi pezzi durante il combattimento di Saf Saf. Saf Saf, 1º luglio 1913
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Durante le azioni che portarono all'occupazione della testata di Val Travenanzes, concorreva efficacemente alla riuscita delle operazioni compiendo, con tenacia mirevole, intelligenza e grande ardimento, una serie di pericolose ricognizioni, i cui risultati servirono come dati essenziali di base per gli spostamenti ed il più opportuno impiego delle batterie. Val Costeana, maggio-ottobre 1916
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Con calma ed ardire assolveva completamente l'arduo compito assegnatoli, nonostante che l'osservatorio e le batterie fossero soggette al preciso e al violento tiro dei grossi calibri nemici, dando luminosa prova di coraggio e di alto sentimento del dovere. Castagnevizza, 12-24 maggio 1917
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«Costante esempio di fermezza e coraggio, incaricato di una ricognizione sulla linea dei piccoli posti per constatare la posizione raggiunta dai reparti più avanzati e la loro dislocazione, e sorpreso da un furioso bombardamento nemico, compì risolutamente la propria missione, dimostrando fermezza e tenacia mirabili. Pod Koriti, 19 - 24 agosto 1917
Croce al merito di guerra - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito di guerra
Cavaliere di gran croce dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine coloniale della Stella d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1953[2]
Cavaliere di Vittorio Veneto - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Vittorio Veneto
Promozione per merito di guerra (fino a Ufficiale generale) - nastrino per uniforme ordinaria Promozione per merito di guerra (fino a Ufficiale generale)
«Nasi Guglielmo, generale di brigata. - È promosso generale di divisione.- Per la forte e sagace azione di comando nelle operazioni che portarono alla conquista dell'Ogaden e dell'Harrarino.-»
— Regio Decreto 6-7-1936-XIV[3]
Promozione per merito di guerra (fino a Ufficiale generale) - nastrino per uniforme ordinaria Promozione per merito di guerra (fino a Ufficiale generale)
«Nasi Guglielmo, generale di divisione in s.p.e.. - È promosso generale di corpo d'armata.- Comandante delle truppe e governatore del territorio dell'Harar, dimostrava eminenti virtù di condottiero e di animatore. Di eccezionali qualità organizzative, tracciava e raggiungeva nel territorio affidatogli sicure vie e fulgide mete per l'avvenire e la grandezza dell'Impero.-»
— Regio Decreto 31-7-1938-XIV[4]
Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare
Medaglia al merito di lungo comando nell'esercito (10 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia al merito di lungo comando nell'esercito (10 anni)
Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa orientale (ruoli combattenti) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa orientale (ruoli combattenti)
Medaglia commemorativa della guerra italo-turca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-turca
Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
Medaglia commemorativa italiana della vittoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa italiana della vittoria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ Registrato alla Corte dei conti li 10-7-1936- XIV - registro 24, foglio 51.
  4. ^ Registrato alla Corte dei conti li 26-8-1938-XIV - registro 24, foglio 149.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vicegovernatore della Tripolitana Successore
Rodolfo Graziani 1934 - 1935 Governatorato di Libia
Predecessore Governatore dell'Harar Successore Flag of the colony governor of the Kingdom of Italy.svg
Titolo inesistente 1º giugno 1936 - 5 maggio 1939 Enrico Cerulli
Predecessore Governatore di Addis Abeba Successore Flag of the colony governor of the Kingdom of Italy.svg
Enrico Cerulli 5 maggio 1939 - 2 giugno 1940 Giuseppe Daodice
Predecessore Governatore dell'Harar Successore Flag of the colony governor of the Kingdom of Italy.svg
Enrico Cerulli 11 giugno 1940 - 4 febbraio 1941 Pompeo Gorini
Predecessore Governatore Militare del Somaliland Successore Flag of the colony governor of the Kingdom of Italy.svg
Titolo inesistente 19 agosto - ottobre 1940 Carlo De Simone
Predecessore Governatore dell'Amara Successore Flag of the colony governor of the Kingdom of Italy.svg
Luigi Frusci 19 maggio - 27 novembre 1941 Titolo abolito
Predecessore Governatore dell'Africa Orientale Italiana Successore Flag of viceroy of the Kingdom of Italy.svg
Pietro Gazzera 6 luglio - 27 novembre 1941 titolo abolito
Predecessore Viceré d'Etiopia Successore Flag of the colony governor of the Kingdom of Italy.svg
Pietro Gazzera 6 luglio 1941 - 27 novembre 1941 Titolo abolito