Guglielmo Guastaveglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Guglielmo Guastaveglia[1], noto anche con lo pseudonimo di Guasta (Roma, 6 aprile 1889Roma, 18 febbraio 1985), è stato un fumettista, giornalista e scrittore italiano. Fu direttore del giornale satirico Il Travaso delle Idee dal 1921 al 1926 periodo nel quale la rivista arrivò a vendere oltre 300 000 copie; fu anche autore e disegnatore nel 1931 della prima storia a fumetti di Topolino realizzata in Italia.[2][3][4][5][6][7]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bompiani, Fellini e Guasta.

«Ma io la penso precisamente come te, infatti ritengo un peccato che tu non la pensi come me»

(Guglielmo Guasta tratto da Furio Scarpelli, catalogo della XV Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte, 1989)

Fin da giovane manifesta interesse per il disegno ed in particolare per le vignette satiriche.

Inizia a collaborare nel 1908 con la rivista satirica Il Travaso delle Idee, divenendone direttore nel 1921; nel 1925 la testata arrivò a vendere oltre 300 000 copie ma venne poi licenziato per le sue opinioni politiche antigovernative. Prese a disegnare quindi per altre riviste come Il Corriere dei Piccoli, La Trincea e Il Giornalino della Domenica.[5]

Pubblicò nel 1924 "Il Libro della Mosca e dello Scoiattolo".[5]

Con l'amico e poeta dialettale Trilussa fonda nel 1927 la "Baracca delle Favole", che opera fino al 1945.

Divenne giornalista professionista nel 1928 e iniziò una collaborazione con il quotidiano Il Popolo di Roma per il quale disegnò nel 1931 varie storie con il personaggio di Topolino, affiancandolo a Mio Mao, nome italiano di quello che sarà poi noto anche in Italia come Felix, la sua fidanzata Topolina e il personaggio di Kat Nipp ripreso dalle storie di Gottfredson. Queste furono le prime storie a fumetti con personaggi della Disney realizzate da un autore italiano.[5][7][2][8]

Diventa un collaboratore della rivista Marc'Aurelio nel 1932. Nel 1937 pubblica "La Reginetta Creduta Pazza" e "Arca di Noè 1900". Nel 1944 fonda con Federico Fellini, Carlo Bompiani e altri il Funny Faces Shop. Tornò poi a collaborare con la rinata rivista Il Travaso nel 1946 dove rimase fino al 1962; nel 1951-1952 scrisse "Storia d'America" per la rivista, che fu illustrata da Vittorio Cossio.[5] Sotto la sua direzione venne anche pubblicato il mensile satirico Travasissimo edito dal 1947 al 1956.[9][10]

Sotto la sua direzione, tanto stimata da guadagnarsi il soprannome di “Direttorissimo”, operano prestigiose firme tra cui Fellini, Trilussa, Yambo (alias di Enrico de' Conti Novelli da Bertinoro) fondatore de il Travaso nel 1900, Lorenzo Stecchetti (pseudonimo di Olindo Guerrini), Luigi Lucatelli (noto come Oronzo E. Marginati), Achille Campanile, Jacovitti, Isidori, Attalo, De Simoni, Bompard, Gandolin, Scarpelli.

Ha continuato a lavorare nel campo della grafica per tutti gli anni sessanta e settanta.[5]

Morì a Roma il 18 febbraio 1985.[11]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Umoristi tedeschi, 1890-1960
  • Le sorprese della buona fede - 1919
  • Arca di Noè 1900 - 1937
  • La reginotta creduta pazza - 1937
  • Poesie di Manon Lado: con prefazione di Achille Campanile - 1936
  • Queste bestie: Battute di Guglielmo Guasta Veglia (guasta). Disegni di Alberto Mastrojanni. Prefazione di Vittorio Metz. Testo italiano ed Inglese. 50 disegni - 1947
  • Jus murmurandi in camicia nera - 1982
  • Enciclopedia dell'Umorismo opera completa. (vol. 1-4 di Guglielmo Guasta) - 1964

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il comune di Roma in zona Trigoria gli ha dedicato Via Guglielmo Guasta.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È noto anche come Guglielmo Guasta o Guglielmo Guasta Veglia, ma il cognome anagrafico esatto è tutto attaccato, come risulta dall'estratto dell'atto di nascita n° 786 10/4/1889 del comune di Roma.
  2. ^ a b Pier Luigi Gaspa, Approfondimenti - I Padri Fondatori del fumetto Disney italiano secondo Pier Luigi Gaspa, su Lo Spazio Bianco, 21 maggio 2013. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  3. ^ ANCORA SUL MICKEY DI GUGLIELMO GUASTAVEGLIA, su Cartoonist globale, 25 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  4. ^ GUGLIELMO GUASTAVEGLIA | Cartoonist globale, su lucaboschi.nova100.ilsole24ore.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  5. ^ a b c d e f (EN) Guglielmo Guastaveglia, su lambiek.net. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  6. ^ Guida Fumetto Italiano, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 23 ottobre 2019.
  7. ^ a b Topolino / Mickey Mouse USA, 13 Gennaio 1930, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  8. ^ Il «Topolino» fascista di Mondadori, su www.apice.unimi.it. URL consultato il 25 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 19 ottobre 2019).
  9. ^ Il n. 41 "Torron Travasissimo" (gennaio 1951) venne sequestrato a causa di una feroce satira su Scelba allora ministro e contro la polizia; al suo posto venne pubblicato il n. 41 bis con una dedica al grande poeta e intimo amico Trilussa.
  10. ^ Travasissimo, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  11. ^ FFF - GUASTA, su www.lfb.it. URL consultato il 25 ottobre 2019.
  12. ^ OpenStreetMap Data: via Guglielmo Guasta, 00128 Roma

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9896746 · ISNI (EN0000 0000 7831 5150 · SBN RAVV085933 · LCCN (ENn83211865 · BNF (FRcb12205868t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n83211865