Guglielmo Bevilacqua (XIV secolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Guglielmo Bevilacqua
1334 – 28 novembre 1397
Nato aVerona
Morto aPavia
Dati militari
Paese servitoStemma della Scala.svg Scaligeri
Coat of arms of the House of Visconti (1277).svg Visconti
voci di militari presenti su Wikipedia

Guglielmo Bevilacqua (Verona, 1334Pavia, 28 novembre 1397) è stato un condottiero italiano.

Stemma dei Bevilacqua.

Era figlio di Francesco Bevilacqua e di Anna Zavarise (?-1372).

Fu uomo di fiducia della famiglia Della Scala, signori di Verona, che lo confermò nel feudo di Bevilacqua avuto dal padre, con annesso castello. Cansignorio della Scala, morendo nel 1375, lo nominò nel suo testamento tutore dei suoi figli minori.

Quando nel 1381 Antonio della Scala fece assassinare il fratello Bartolomeo per poter regnare da solo, Guglielmo Bevilacqua fu cacciato da Verona e subì la confisca dei beni. Si rifugiò prima presso Galeotto I Malatesta, signore di Rimini e quindi a Pavia, dove venne accolto da Gian Galeazzo Visconti, che nel 1385 lo investì del feudo di Maccastorna con relativo castello, quale riconoscimento per avere contribuito alla cacciata di Bernabò Visconti. Nel 1387 partecipò con i Visconti alla conquista di Verona e nel 1388 di Padova. Nel 1395 assunse la carica di podestà di Bergamo.

Morì a Pavia nel 1397.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo sposò in prime nozze nel 1350 Francesca Castelbarco e in seconde nozze Taddea Tarlati (?-1417), sorella del cardinale Galeotto Tarlati.

Ebbe nove figli:

  • Francesco (?-1419), condottiero
  • Leonardo, condottiero
  • Libera
  • Guglielmo (?-1402)
  • Elisabetta
  • Caterina, sposò Giovanni Pico della Mirandola
  • Antonio (1388-1400)
  • Anna
  • Galeotto (?-1441), condottiero al servizio dei Visconti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pompeo Litta, Bevilacqua di Verona, Torino, 1835, ISBN non esistente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]