Guerre māori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerre māori
Newzealandwarsmemorial.jpg
Monumento ai caduti delle guerre māori
Data 18451872
Luogo Nuova Zelanda
Esito Vittoria britannica
Modifiche territoriali Approvazione del New Zealand Settlements Act e inizio del dominio britannico sulla Nuova Zelanda
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
18.000 5.000
Perdite
745 2.154
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Le guerre māori, chiamate anche guerre neozelandesi, sono un conflitto (o più propriamente una serie di conflitti) combattuti in Nuova Zelanda tra i nativi māori e i coloni britannici.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1840 consistenti ondate di coloni europei giunsero in Nuova Zelanda. I māori, inizialmente, si mostrarono desiderosi di commerciare con i bianchi (da loro chiamati pakeha) e, proprio grazie a questo tipo di attività, diverse tribù riuscirono ad arricchirsi.

La situazione cominciò però a peggiorare quando, di fronte alla crescita degli insediamenti dei bianchi (ulteriormente stimolata dalla scoperta dell'oro, avvenuta nel 1861), i māori cominciarono a temere di perdere il controllo della loro terra.

Svolgimento[modifica | modifica wikitesto]

Il primo scontro armato si ebbe il 17 giugno 1843 nella valle di Wairau, in questa occasione alcuni coloni britannici cercarono di cacciare i nativi dalle loro terre esibendo dei falsi permessi. Al rifiuto dei nativi i coloni cercarono di arrestare il leader locale, dando inizio ad una schermaglia che costò la vita a 6 maori e 22 europei. In seguito il governatore Robert FitzRoy investigò sulla faccenda ma decise che i coloni erano in torto, in quanto i loro attestati erano stati falsificati ed essi pertanto non avevano nessun diritto di espellere i nativi.

Tra il marzo 1845 e il gennaio 1846 furono combattuti i primi scontri militari, legati all'arrivo del nuovo governatore George Grey. Il capo maori Hone Heke sfidò l'autorità britannica ammainando la Union Jack. Dopo un iniziale successo maori nella battaglia di Ohaeawai i coloni riuscirono a far prevalere la loro superiorità tecnologica, sconfiggendo il nemico a Ruapekapeka. Dopo la sconfitta i maori negoziarono la pace e la breve guerra si concluse con un nulla di fatto, i capi della ribellione non furono puniti.

Nel corso degli anni seguenti si verificarono diversi incidenti e scontri militari, con particolare enfasi a partire dal 1860. Nonostante alcuni successi maori la guerra pendeva sempre più a favore delle truppe britanniche, superiori per numero e mezzi tecnologici. Nel 1863 fu emesso il New Zealand Settlements Act che prevedeva la requisizione di oltre 16.000 km quadrati di terra maori, assegnata ai coloni bianchi, rendendo di fatto l'intera Nuova Zelanda colonia britannica.

Gli scontri proseguirono con una certa intensità fino al 1866, in seguito ad accordi economici e politici la situazione iniziò a calmarsi e le due parti si rappacificarono, le attività militari proseguirono sporadicamente fino al 1872.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Barthorp, Michael (1979). To Face the Daring Māori. Hodder and Stoughton.
  • Belich, James (1996) Making Peoples. Penguin.
  • Binney, Judith (1995). Redemption Songs: A Life of Te Kooti Arikirangi Te Turuki. Auckland: Auckland University Press.
  • Buick, T. Lindsay (1976). Old Marlborough. Christchurch: Capper Press. (Originally published in 1900)
  • Cowan, J., & Hasselberg, P. D. (1983) The New Zealand Wars. New Zealand Government Printer. (Originally published 1922) Online: Volume 1 1845–64, Volume 2 1864–72
  • Fletcher, Henry James, Rev., Turnbull, Alexander (ed.), National Library of New Zealand, Index of Māori Names, The New Zealand Collection of the University of Waikato Library, unpublished manuscript compiled about 1925 [1]
  • Hobbins, Peter (2004). Maori and Pakeha: British Colonial wars in New Zealand (Part 1). Paper on the Victorian Military Society website. (Part 2 not yet published), victorianmilitarysociety.org.uk.
  • Lee, Jack (1983). I have named it the Bay of Islands. Hodder and Stoughton.
  • Lee, Jack (1987). Hokianga. Hodder and Stoughton.
  • Maning, F.E. (1862). A History of the War in the North of New Zealand against the Chief Heke. (A near-contemporaneous account, although written primarily with an aim to entertain rather than with an eye to historical accuracy)
  • Maxwell, Peter (2000). Frontier, the Battle for the North Island of New Zealand. Celebrity Books.
  • Pugsley, Chris (1998). Manufacturing a War: Grey, Cameron and the Waikato Campaign of 1863–4. Paper by noted NZ military historian on the New Zealand Society of Genealogists website, genealogy.org.nz.
  • Ryan, Tim & Parham, Bill. The Colonial New Zealand Wars (1986, Wellington, Grantham House) ISBN 1-86934-006-X
  • Simpson, Tony (1979). Te Riri Pākehā. Hodder and Stoughton.
  • Sinclair, Keith (ed.) (1996). The Oxford Illustrated History of New Zealand (2nd ed.) Wellington: Oxford University Press.
  • Smith, S. Percy, Maori Wars of the Nineteenth Century, Whitcombe and Tombs Limited, Christchurch, 1910 [2], New Zealand Electronic Text Centre
  • Stringfellow, Olga (1960). Mary Bravender. Fictional treatment of the New Zealand Wars as seen through the eyes of a young Englishwoman.
  • Vaggioli, Dom Felici (2000). History of New Zealand and its inhabitants, Translated by J. Crockett. Dunedin: University of Otago Press. (Original Italian publication, 1896).
  • Walker, Ranginui (2004) Ka whawhai Tonu Matou: Struggle Without End Penguin.
  • Wright, Matthew (2006) Two Peoples, One Land: The New Zealand Wars Penguin ISBN 978-0-7900-1064-9
  • "The People of Many Peaks: The Māori Biographies". (1990). From The Dictionary of New Zealand Biography, Vol. 1, 1769–1869. Bridget Williams Books and Department of Internal Affairs.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra