Guardia di sicurezza privata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Una guardia di sicurezza privata (detta più genericamente guardia privata o vigilante o anche addetto alla sicurezza), è una persona che opera nel campo della sicurezza privata (ad esempio nel settore della vigilanza privata).

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

I vigiles erano soldati assegnati alla guardia dell'antica città di Roma, spesso accreditati come l'origine dei servizi di sicurezza e di polizia, sebbene il loro ruolo principale fosse simile a quello di vigile del fuoco.

A partire dal Medioevo grande diffusione ebbe il fenomeno delle ronde cittadine. Ci sono state poi le guardie notturne fin dall'inizio del Medioevo in Europa; nel continente il termine guardia era comunemente applicato a questa funzione.[senza fonte]

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Spesso gli addetti di sicurezza indossano l'uniforme ed effettuano attività di sorveglianza e vigilanza sul posto, costituendo un deterrente a eventuali azioni illegali. Possono poi effettuare attività di controllo, attraverso regolari pattugliamenti, o con l'utilizzo di sistemi di video sorveglianza, segnalare eventuali segnalazioni di reati, tentati, consumati o in corso, e anche di incendi o disordini, alle forze di polizia competenti.

In caso di necessità, guardie di sicurezza provvedono anche alla messa in sicurezza clienti e impiegati, tramite servizi di emergenza appropriati alle circostanze.

Funzioni e doveri[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il ruolo delle guardie di sicurezza si differenzi ampiamente dai funzionari di polizia, dal personale militare, col tempo i compiti assegnati a tali soggetti sono cresciuti enormemente.

Generalmente, le guardie di sicurezza non sono abilitate ad effettuare arresti ma hanno l'autorità di bloccare episodi criminosi. Diversi ordinamento statali impongono l'obbligo di effettuare opera di prevenzione e deterrenza del crimine. Possono essere addestrate alla espletamento di pratiche di arresto e di procedure di perquisizione, di operare con equipaggiamenti per le emergenze, ad attività di primo soccorso, prendere accurate note, scrivere dettagliati rapporti ed effettuare altre operazioni come richiesto dal contrattualizzante che stanno servendo.

Esse vengono generalmente destinate al controllo dell'accesso alle entrate di palazzi e complessi edilizi. Sono sovente chiamati a rispondere a minori situazioni di emergenza (persone disperse, chiusura a chiave, batterie scariche etc.) ed assistere nelle emergenze più serie attraverso la guida di altri operatori di sicurezza alla scena dell'incidente, aiutare a dirigere i pedoni a luoghi sicuri, a documentare l'accaduto attraverso un rapporto di incidente, ed anche essere preposti al pattugliamento ed alla vigilanza di certi obiettivi. Possono anche essere utilizzate, ove la legge lo preveda, ad esercitare determinate funzioni sino all'arrivo delle forze di polizia.

Con il diffondersi di atti ascrivibili al terrorismo internazionale, si è diffusa la necessità di fornire a tali soggetti addestramento più approfondito e specifico, come ad esempio il disinnesco di ordigni e per affrontare crisi e/o situazioni di emergenza, specialmente quelle utilizzate nei cosiddetti obiettivi secondari quali centri commerciali, scuole, e ogni altra area ove solitamente c'è maggiore concentrazione di persone.[senza fonte]

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Sono utilizzate praticamente in tutti paesi del mondo. Nei paesi in via di sviluppo, nel rispetto delle eventuali disposizioni di legge, generalmente operano soggetti che lavorano nel campo della sicurezza armata, composta frequentemente da ex personale militare è spesso utilizzata per la protezione e sorveglianza armata di proprietà aziendali, particolarmente nelle zone di guerra.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Buttafuori (Italia) e Guardia particolare giurata.

Le uniche tipologie in tal senso sono quelle, previste dalla legge, della guardia particolare giurata, che generalmente operano per conto di istituti di vigilanza privata.

Con il decreto del Ministero dell'Interno 6 ottobre 2009 è stata inoltre normata la professione e l'attività buttafuori, che in precedenza non aveva una disciplina specifica. Gli operatori di sicurezza privata dispongono di un CCNL, firmato dalle associazioni di categoria, per la prima volta nel 2011,[1] e successivamente rinnovato in data 17 aprile 2014.[2]

Il decreto del Ministero dell'Interno 28 dicembre 2012, n. 266 ha inoltre sancito la possibilità di impiegare professionisti della sicurezza privata (il decreto parla di guardie giurate) su navi mercantili italiane, a tutela dell'imbarcazione stessa e del carico trasportato. Vengono inoltre disciplinate le modalità di detenzione e trasporto delle armi sia a bordo della nave che sulla terra ferma.[3]

Stati Uniti d'America[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte degli stati richiedono una licenza per lavorare come una guardia di sicurezza.[4] Questa licenza talvolta richiede la presentazione della fedina penale e di corsi di addestramento. La maggior parte delle guardie di sicurezza non sono abilitate al porto d'armi ed hanno gli stessi poteri di arresto dei privati cittadini. Se abilitate al porto d'arma, sono richiesti ulteriori attestati e certificati di addestramento. Personale di sicurezza armato è generalmente utilizzato per proteggere obiettivi sensibili quali installazioni governative e militari, trasporto valori, banche (o altri istituzioni finanziarie), impianti nucleari etc.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]